Il volto della paura

Di

Editore: Bompiani

3.4
(123)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 250 | Formato: Altri

Isbn-10: 8845247260 | Isbn-13: 9788845247262 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Traduttore: B. Conti

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback

Genere: Criminalità , Mistero & Gialli

Ti piace Il volto della paura?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Nessuno conosce l'identità del serial killer, detto "il macellaio", che terrorizza New York: solo un uomo, un sensitivo, dichiara in una trasmissione televisiva di essere sulle tracce del mostro. E' l'inizio di un incubo.
Ordina per
  • 3

    Thriller veloce e godibile

    Fine anni '70, un serial killer, soprannominato il Macellaio, imperversa a New York stuprando e squartando giovani e belle donne. Un chiaroveggente, in diretta tv, ha una visione su un'uccisione e dun ...continua

    Fine anni '70, un serial killer, soprannominato il Macellaio, imperversa a New York stuprando e squartando giovani e belle donne. Un chiaroveggente, in diretta tv, ha una visione su un'uccisione e dunque il serial killer decide di eliminare anche lui; appena ne ha l'occasione, un venerdì notte, intrappola lui e la fidanzata nel grattacielo dove lavora e inizia la rincorsa.
    Di Koontz apprezzo tantissimo la produzione dai '90 in poi; quella più vecchia, anche se ne ho letti ben pochi, mi sembra un po' meno ispirata e questo "Il volto della paura" non mi ha fatto cambiare idea.
    Buon ritmo, anche se le descrizioni "alpinistiche" sono decisamente troppe e noiose. Trama non originalissima ma, in fin dei conti, è un romanzetto godibile.

    ha scritto il 

  • 5

    una corda sopra l'abisso

    Ennesimo bellissimo libro che leggo di questo autore!

    Si tratta di un thriller molto breve e molto veloce, carico di tensione come pochi!

    Riesce a non sacrificare alla brevità la caratterizzazione dei ...continua

    Ennesimo bellissimo libro che leggo di questo autore!

    Si tratta di un thriller molto breve e molto veloce, carico di tensione come pochi!

    Riesce a non sacrificare alla brevità la caratterizzazione dei personaggi(sempre ottima) e nemmeno il colpo di scena, non stupefacente, ma reso molto bene!

    Consueta la bravura e la maestria di Koontz, ormai c'è solo da consigliare a tutti di leggere i suoi libri!

    ha scritto il 

  • 2

    Bloccata in un palazzo per 300 pagine...

    Conoscevo l'autore solo di fama. Ero curiosa, speravo di trovarmi davanti ad un grande thriller ma così non è stato. All'inizio mi ha fatto ben sperare. I personaggi erano ben caratterizzati, specie l ...continua

    Conoscevo l'autore solo di fama. Ero curiosa, speravo di trovarmi davanti ad un grande thriller ma così non è stato. All'inizio mi ha fatto ben sperare. I personaggi erano ben caratterizzati, specie l'assasino, e la narrazione incalzante. Poi però già a pag 200 (su 433) c'è lo scontro tra il buono e il cattivo. Quello che di solito arriva alla fine di un libro in un crescendo di colpi di scena e di azione. Qui no, inizia a pag 200 e finisce a pag 433. Non si può trasformare lo spannung in un'intera storia. è impossibile sostenere il ritmo e infatti Koontz non ce l'ha fatta.
    I protagonisti, braccati dall'assassino all'interno di un enorme grattacielo, non fanno altro che scappare da un piano all'altra tra scale e cornicioni.
    Bah, un romanzo che dimenticherò velocemente

    ha scritto il 

  • 3

    Graham Harris era stato uno dei migliori scalatori al mondo. L'unica cosa di cui gli importasse, erano le scalate, il rischio e il trionfo. Organizzava spedizioni impegnative in Europa, Asia e Sudamer ...continua

    Graham Harris era stato uno dei migliori scalatori al mondo. L'unica cosa di cui gli importasse, erano le scalate, il rischio e il trionfo. Organizzava spedizioni impegnative in Europa, Asia e Sudamerica. Ma, quando ormai le vette non avevano più segreti per lui, una caduta dalla parete sud-ovest dell'Everest, che lo lasciò zoppo, lo costrinse a lasciare l'alpinismo. La paura lo aveva trasformato e non riusciva ad affrontare neanche le scalate più semplici.(..)
    http://contornidinoir.blogspot.it/2013/01/dean-r-koontz-il-volto-della-paura.html

    ha scritto il 

  • 4

    Piaciuto davvero tanto, nonostante un paio di incertezze lungo la trama, perché Dean Koontz dovrebbe proprio scrivere un manuale del perfetto thriller, è impeccabile per stile ed inarrestabile nel rit ...continua

    Piaciuto davvero tanto, nonostante un paio di incertezze lungo la trama, perché Dean Koontz dovrebbe proprio scrivere un manuale del perfetto thriller, è impeccabile per stile ed inarrestabile nel ritmo. Da leggere!!

    ha scritto il 

Ordina per