Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ilona llega con la lluvia

By

Publisher: Punto De Lectura

3.9
(356)

Language:Español | Number of Pages: 208 | Format: Others | In other languages: (other languages) Italian , German

Isbn-10: 8466308113 | Isbn-13: 9788466308113 | Publish date: 

Also available as: Paperback

Category: Fiction & Literature

Do you like Ilona llega con la lluvia ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Una bella escritura, una bella novela de amor y de amistad. Maqrol el Gaviero -cuya vida nos viene contando Álvaro Mutis desde hace lustros- va a bordo del Hansa Stens, con rumbo a Panamá; pero la nave es objeto de secuestro por sus acreedores, y el marinero se ve obligado a abandonar los ritos y las ceremonias del mar. Quedará en tierra firme, sin esperanzas, incapaz de orientarse en las insidias de una libertad no deseada. Hasta que, con las lluvias del trópico, llega Ilona, amiga y amante, siempre perdida y siempre recuperada por los caminos del ancho mundo, en los momentos difíciles. Con ella, Maqroll montará un singular prostíbulo en Panamá. Pero otra mujer, Larissa, va a oscurecer el precario sol de Ilona para señalar al Gaviero nuevos caminos de inquietud y viajes.
Sorting by
  • 4

    Se dovessi scegliere, per me che non sono un fanatico della letteratura sudamericana, la dote che ha reso apprezzabile questo romanzo, indicherei la brevità: con questo tipo di narrazione multimetasensoriale io ci metto un attimo ad andare fuori giri, invece la pienezza barocca condensata in così ...continue

    Se dovessi scegliere, per me che non sono un fanatico della letteratura sudamericana, la dote che ha reso apprezzabile questo romanzo, indicherei la brevità: con questo tipo di narrazione multimetasensoriale io ci metto un attimo ad andare fuori giri, invece la pienezza barocca condensata in così poche pagine mi ha permesso di goderne a pieno.
    E ci ho ritrovato diversi punti che sposo in pieno: il fascino delle donne mezze italiane mezze austro ungariche come Ilona (un po’ tipo Mikappa tanto per rimanere nel microcosmo anobico), l’utilizzo dei vestiti come amuleti e il vero significato della morte che uccide la memoria.
    Non fa niente che abbia iniziato una trilogia, se ho capito bene, dalla puntata sbagliata, sono qua che cerco di vedere il film e sono proprio curioso della trasposizione quando più che la trama la storia la fanno le personalità dei singoli interpreti. Così come sono curioso della colonna sonora, pat metheny ne avrebbe potuta inventare di buona sul tema.
    Alla fine, la morale meramente terrena è che, come al solito, sono le donne a capire come va il mondo, vedono dieci anni avanti e indietro e irrimediabilmente decidono del nostro destino, per gli uomini invece, gabbiere(che poi qualcuno mi spiegherà che mestiere è) compreso, ogni buco è pertuso…a ripensarci non è mica poi così tanto un surrealismo della sensibilità!
    Da leggere non mentre si è in tutte altre faccende affacendati, come ho fatto io, piuttosto in un letto con tanto di ventilazione tropicale, sigarette, alcolici e una beltade stesa affianco post coitum, un po’ come nel bordello Villa Rosa ,che ironia del destino è il nome del posto dove vado in vacanza da 40 anni,ma ahimè più famoso per l’astinenza monacale che per lussureggianti avventure neanche immaginate, anche se a ripensarci, trasformare la destinazione d’uso del mega residence ivi sito in puttanodromo alzerebbe il pil della nazione.

    said on 

  • 4

    Mutis scrive molto bene. Il suo stile coinvolge il lettore e lo porta ad addentrarsi nel rapporto tra Ilona e Maqroll, un rapporto che a volte sembra non unirli mai completamente ma che comunque li porta ad affrontare i loro sogni con complicità e coraggio.
    Molto bello.

    said on 

  • 4

    Ilona arriva con la pioggia è un romanzo di Alvaro Mutis pubblicato da Einaudi nel 1991, dal quale è stato tratto un film nel 1996 diretto da Sergio Cabrera.


    Maqroll il Gabbiere è il protagonista di questo romanzo (il secondo della triologia Tribolazioni di Maqroll il Gabbiere, che compren ...continue

    Ilona arriva con la pioggia è un romanzo di Alvaro Mutis pubblicato da Einaudi nel 1991, dal quale è stato tratto un film nel 1996 diretto da Sergio Cabrera.

    Maqroll il Gabbiere è il protagonista di questo romanzo (il secondo della triologia Tribolazioni di Maqroll il Gabbiere, che comprende anche La neve dell'ammiraglio e Un bel morir), ed è uno dei personaggi più tristi e complessi della letteratura, oltre che tra i più sconosciuti.

    Colombiano, Alvaro Mutis è quasi totalmente ignorato in Italia, anche se la sua figura si diffonde con la pubblicazione dell'album del 1996 Anime Salve di Fabrizio De André, la cui canzone finale "Smisurata Preghiera" è una sorta di riassunto sia della saga di Maqroll che dell'intera opera di Mutis, tanto che lo scrittore colombiano dirà, intervistato per il documentario "Dentro Faber - Gli ultimi" che il riassunto della sua opera contenuto in quella canzone, una delle più belle del cantautore Genovese, non sarebbe riuscita nemmeno a lui che quei testi li ha prodotti.

    Maqroll è un marinaio, imbarcato nelle più rischiose e disperate avventure per sopravvivere, che spesso lo lasciano ancora più emarginato di prima; simbolo dei respinti, degli outsider non per ventura ma per scelta, della "disperanza", come la chiama Mutis, quel sentimento di assenza totale di speranza in grado di rendere gli uomini totalmente e veramente liberi.

    Dopo l'ennesimo progetto fallito Maqroll si ritrova a Panama, dove sembra sprofondare sempre più in un baratro deprimente, finché compare, in una giornata piovosa, Ilona, una donna che è amante, confidente, compagna di sventure, socia di imprese economiche...

    Nonostante non mi piacciano particolarmente gli scrittori sudamericani devo fare un'assoluta eccezione per Mutis. Non solo perché Smisurata Preghiera è una delle canzoni più belle della musica italiana, ma anche perchè nella sua produzione ci sono opposti che si incastrano perfettamente: ricchezza e povertà, tristezza e gioia, che spesso accompagnano lo stesso personaggio nel corso della narrazione; non solo perché il ben più famoso Gabriel Garcia Marquez si affidava soltanto a lui per leggere le bozze dei suoi romanzi, e lo definisce "uno dei più grandi scrittori della nostra epoca", ma soprattutto perché Maqroll ha la serenità, la forza e il coraggio di continuare a viaggiare fino alla morte in direzione ostinata e contraria. Cosa che noi tutti dovremmo ricominciare ad imparare.

    said on 

  • 3

    Ho iniziato a leggere "Ilona arriva con la pioggia" avendo ancora in mente la lettura ipnotica, inconsistente e vaga come un sogno, de "La neve dell’ammiraglio", ed invece sono rimasta delusa. Questo romanzo è diverso, è realistico, concreto: qui non si sogna, si contano i soldi, all’inizio quell ...continue

    Ho iniziato a leggere "Ilona arriva con la pioggia" avendo ancora in mente la lettura ipnotica, inconsistente e vaga come un sogno, de "La neve dell’ammiraglio", ed invece sono rimasta delusa. Questo romanzo è diverso, è realistico, concreto: qui non si sogna, si contano i soldi, all’inizio quelli che Maqroll deve in qualche modo, più o meno lecito, procurarsi perché costretto a sbarcare a Panama a causa del sequestro della nave sulla quale navigava, alla fine quelli che Maqroll e Ilona ammucchiano grazie alla casa di appuntamenti che aprono in società. La storia mi è parsa banale e prevedibile, tanto che lo scrittore ha dovuto inserire un episodio (per chi l’ha letto mi riferisco alla storia di Larissa) in un modo forzato, perché necessario per poter arrivare a quel finale. L’episodio di Larissa è la parte a mio parere più bella del romanzo, una fiaba dolente a metà tra sogno e realtà, tra morte e vita, che è espressione di quel realismo magico dei sudamericani che nel resto del libro latita; ci si sarebbe potuto scrivere un altro libro intorno a quella storia, e sono certa che mi sarebbe piaciuto molto di più. Inserito nel romanzo, invece, secondo me il personaggio di Larissa avrebbe potuto essere meglio messo in relazione con Ilona, come se fossero le due facce della stessa medaglia, l’una,la bionda Ilona, metafora della vitalità e della libertà dello spirito, l’altra, la bruna Larissa, tenebrosa e misteriosamente in bilico tra vita e morte; invece, a mio parere,Mutis non ha approfondito questo aspetto, è rimasto in superficie e il finale annunciato è arrivato.
    Tuttavia alcuni passaggi mi sono rimasti attaccati, alcuni pensieri che ho sottolineato mentre leggevo. Scelgo l’ultimo, toccante, pensiero di Maqroll: “Perché la morte, ciò che sopprime non sono gli esseri vicini e che sono la nostra stessa vita. Ciò che la morte si porta via per sempre è il loro ricordo, l’immagine che si va cancellando, diluendo, sino a perdersi, ed è allora che cominciamo anche noi a morire”.

    said on 

  • 4

    Illona arriva con la pioggia, Álvaro Mutis, 1991
    Illona arriva con la pioggia. Arriva con la sua gioia, con il suo entusiamo. Non si perde d'animo, contagia con a sua vitalità chiunque gli stia accanto.
    Con Maqroll aprirà un bordello: Villa Rosa.
    Ma quando comparirà Larissa, qua ...continue

    Illona arriva con la pioggia, Álvaro Mutis, 1991
    Illona arriva con la pioggia. Arriva con la sua gioia, con il suo entusiamo. Non si perde d'animo, contagia con a sua vitalità chiunque gli stia accanto.
    Con Maqroll aprirà un bordello: Villa Rosa.
    Ma quando comparirà Larissa, quando compariranno i suoi fantasmi,neppure Illona potrà sottrarsi all'abbraccio dell'ignoto.

    said on 

  • 1

    E' tempo di Ilona

    La parte che preferisco del libro è il finale ,ma semplicemente perché questa lagna di storia si conclude. Ilona per sconfiggere la noia e per raccimolare qualcosa di soldi apre un bordello di finte hostess insieme al protagonista nulla facente . Storia patetica ,senza emozione ,questo lib ...continue

    La parte che preferisco del libro è il finale ,ma semplicemente perché questa lagna di storia si conclude. Ilona per sconfiggere la noia e per raccimolare qualcosa di soldi apre un bordello di finte hostess insieme al protagonista nulla facente . Storia patetica ,senza emozione ,questo libro non lascia niente ,sorge solo una domanda: il perché lo si è letto .

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    A Panama si è solo di passaggio

    Questo è un libro sul destino, sul lasciare che le cose scorrano.
    La vita di Maqroll si è incagliata a Panama. Costretto a scendere dalla nave, suo habitat naturale, è scivolato in un limbo fatto di sudice camere d’albergo e bicchieri di vodka. A salvare Maqroll arriva Ilona, portata come s ...continue

    Questo è un libro sul destino, sul lasciare che le cose scorrano.
    La vita di Maqroll si è incagliata a Panama. Costretto a scendere dalla nave, suo habitat naturale, è scivolato in un limbo fatto di sudice camere d’albergo e bicchieri di vodka. A salvare Maqroll arriva Ilona, portata come sempre dalla pioggia, vecchia amica triestina del Gabbiere che ha l’abitudine di apparire e scomparire improvvisamente. Ilona è una donna completamente fuori dagli schemi, che mette in atto “una radicale sedizione contro ogni norma scritta e stabilita, … una sovversione permanente, organica e rigorosa, che mai permetteva di transitare per cammini battuti…”. La donna lo convince ad aprire un’attività poco convenzionale, un bordello di finte hostess, per guadagnare abbastanza soldi per uscire da quella parentesi della vita rappresentata da Panama. A spezzare l’equilibrio arriva Larissa. Ilona prova verso la misteriosa ragazza, allo stesso tempo suo doppio e sua antitesi, una strana attrazione che la porterà a sparire per sempre. A Maqroll non resta che aspettare la nave dell’amico Abdul Bashur e ripartire, perché nessuno arriva a Panama per restare, a Panama, qualunque cosa succeda, nonostante tutto, si è solo di passaggio.

    said on 

  • 4

    La scrittura mi ha catturato e pagina dopo pagina è Mutis è riuscito a tenermi incollata, cosa che è un po' mancata negli ultimi capitoli. Di Maqroll non ho apprezzato il lasciarsi trasportare dagli eventi, anche dalle scelte di Ilona. E' per questo che non penso siano due personaggi simili, l'un ...continue

    La scrittura mi ha catturato e pagina dopo pagina è Mutis è riuscito a tenermi incollata, cosa che è un po' mancata negli ultimi capitoli. Di Maqroll non ho apprezzato il lasciarsi trasportare dagli eventi, anche dalle scelte di Ilona. E' per questo che non penso siano due personaggi simili, l'uno l'alter ego dell'altra.

    Mi piace ricordare questo libro nelle frasi che di volta in volta ho sottolineato. Ho scelto questa sezione perché lo rappresenta al meglio: "La vita di Ilona si svolgeva indefettibilmente su due livelli o meglio, in due sensi simultanei e paralleli. Da un lato, c'era uno stare sempre con i piedi per terra, in una vigilanza intelligente ma mai ossessiva su quanto ogni giorno ci va proponendo come soluzione alla quotidiana incognita di continuare a vivere. Dall'altro, un'immaginazione, una fantasia sfrenata che instaurava, successivamente, spontaneamente e a sorpresa, scenari, orizzonti sempre orientati verso una radicale sedizione contro ogni norma scritta e stabilit- Si trattava di una sovversione permanente, organica e rigorosa, che mai permetteva di transitare per cammini battuti, sentieri cari alla maggior parte della gente, modelli tradizionali in cui si rifugiano qelli che Ilona chiamava, senza enfasi né superbia, ma anche senza concessioni, "gli altri".

    Tornerò a Mutis.

    said on 

Sorting by