Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Imperatori di Bisanzio (Cronografia)

Volume I (Libri I-VI 75)

Di

Editore: Arnoldo Mondadori (Scrittori Greci e Latini - Fondazione Lorenzo Valla)

4.0
(3)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 446 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8804250151 | Isbn-13: 9788804250159 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Silvia Ronchey ; Curatore: Ugo Criscuolo , Salvatore Impellizzeri ; Prefazione: Dario Del Corno

Genere: Fiction & Literature , History

Ti piace Imperatori di Bisanzio (Cronografia)?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Testo greco a fronte.

Gli Italiani ignorano la vastità e la ricchezza della letteratura bizantina. Dopo aver pubblicato il corpus "La caduta di Costantinopoli", la collana della Fondazione Valla presenta ai suoi lettori l'abbagliante e sinistro capolavoro fiorito, nel cuore dell'XI secolo, tra i palazzi di Bisanzio: la "Cronografia" di Michele Psello - una rassegna di biografie imperiali. Avvocato, funzionario della cancelleria imperiale, segretario dell'imperatore, maestro di filosofia (insegnava tutto lo scibile umano), monaco, capo del senato, primo ministro; dotato di una prodigiosa e poliedrica cultura, di una curiosità e di una versatilità inesauste, di una conversazione incantevole, di un'intelligenza senza pari; orgoglioso, ambiziosissimo, capace di incarnare tutte le personalità e tutti gli aspetti, infido, bugiardo, vaniloquente, colorato e screziato come le più ambigue creature marine: così proteiforme, Psello riuscì nelle sue pagine (ciò che sembra impossibile) a fondere la severità di Tucidide con il grandioso e futile pettegolezzo di Saint-Simon. Nel suo mondo morale non c'è ciclo. Malgrado le professioni di pietà cristiana, tutto si concentra su questa terra; e l'unico luogo della terra degno del suo sguardo visionario e spietato è il trono imperiale: che eccita nell'uomo lo smisurato desiderio di possesso, la crudeltà, l'invidia o la più incredibile frivolezza. Se l'imperatore è solo, anche Psello è solo. La sua grande Musa è il feroce disprezzo verso tutti - gli stupidi, i vanitosi, i devoti e persino gli imperatori che stima ed elogia. Il suo genio psicologico lo accosta ai massimi romanzieri di ogni tempo e paese: Psello conosce tutti i pensieri più segreti dei suoi personaggi, quelli che essi non rivelano nemmeno a sé stessi e ignorano; e li rappresenta non nella fissità del carattere, ma nella mobilità dei gesti. Egli vede: tutti i sentimenti traspaiono nei vizi, nelle turpitudini, nelle malattie, nelle mostruose enfiagioni, nelle follie erotiche, negli sfinimenti mortali dei corpi, sopra i quali si spalanca il suo occhio vorace e crudele. Una volta richiuso questo libro meraviglioso, presentato e tradotto con sicuro talento, il lettore ha l'impressione di aver attraversato tutta la fosca tragedia e la ridicola farsa della vita umana, leggendo parole al tempo stesso incise nel marmo e stampate sul più fuggevole dei gazzettini di corte.
Ordina per
  • 3

    Bisanzio è stata a mio parere la capitale più misteriosa e sontuosa della storia: vedo ancora l'oro scintillare attraverso le nuvole d'incenso e presenze ormai vaghe e perdute emergono silenziose da queste pagine..

    ha scritto il