Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Imperial Woman

The Story of the Last Empress of China

By

Publisher: Moyer Bell

4.1
(53)

Language:English | Number of Pages: 376 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Spanish , French

Isbn-10: 1559210354 | Isbn-13: 9781559210355 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Mass Market Paperback

Category: Biography , Fiction & Literature , History

Do you like Imperial Woman ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

The story of Tzu Hsi is the story of the last Empress in China. In the novel Nobel Prize winner Pearl S. Buck recreates the life of one of the most intriguing rulers during a time of intense turbulence.

Tzu Hsi was born into one of the lowly ranks of the Imperial dynasty. According to custom, she moved to the Forbidden City at the age of seventeen to become one of hundreds of concubines. But her singular beauty and powers of manipulation quickly moved her into the position of Second Consort.

Tzu Hsi was feared and hated by many in the court, but adored by the people. The Empress's rise to power (even during her husband's life) parallels the story of China's transition from the ancient to the modern way.

Pearl S. Buck's knowledge of and fascination with the Empress's life are contagious. She reveals the essence of this self-involved and infamous last Empress, at the same time she takes the reader through China's struggle for freedom and democracy.

Sorting by
  • 4

    Vecchio Buddha

    Così la chiamava il suo popolo.
    Nella premessa l'autrice mette in evidenza la grande popolarità che ebbe questa donna arrivata al potere da semplice concubina grazie alla sua intelligenza e ferrea volontà più che per la sua bellezza che pure la rendeva affascinante: «Il suo popolo l'amò; no ...continue

    Così la chiamava il suo popolo.
    Nella premessa l'autrice mette in evidenza la grande popolarità che ebbe questa donna arrivata al potere da semplice concubina grazie alla sua intelligenza e ferrea volontà più che per la sua bellezza che pure la rendeva affascinante: «Il suo popolo l'amò; non tutto il suo popolo, poiché i rivoluzionari, gli impazienti la odiavano a morte, e lei odiava loro. Ma i contadini e la popolazione dei piccoli centri... si spaventavano venendo a sapere ch'era morta. "Chi si occuperà di noi, adesso?" gridavano. Questo, forse, è il giudizio decisivo su un monarca»
    In questo libro è racchiusa la sua storia, ma anche quella della Cina di allora tormentata da rivolte e dall'impatto sconvolgente e aggressivo con l'Occidente che mandando avanti i missionari ed usando a proprio vantaggio le reazioni contro di essi della popolazione cinese tenta in ogni modo di ottenere basi commerciali e guadagni economici.
    Lei, bella, colta, intelligente, forte, si oppone implacabilmente a questa penetrazione e cede solo quando, ormai, non c'è più modo di resistere.
    Una donna eccezionale, una donna orientale che quando guarda verso l'odiato Ovest vede un'altra donna eccezionale, che lei sente come sorella, e che le fa da contrappunto: la regina Vittoria. Contemporanee, con le loro azioni di governo sono l'emblema dell'incontro-scontro tra Occidente ed Oriente. L'autrice sembra suggerire che quando una grande donna governa, è più brava di qualsiasi uomo: in effetti Tzu Hsi (oggi più spesso denominata Cixi) è in un certo senso costretta a governare invece degli imperatori che si succedono - il consorte, il figlio, il nipote - e che si dimostrano tutti deboli, incapaci e corrotti. Lei sacrifica tutto, anche il suo unico grande amore, e persegue con fermezza e autocontrollo i suoi fini, accettando la solitudine del potere, di cui sente certamente il fascino, ma anche la gravosa responsabilità. Perché la sua lotta non è solo per il Trono, ma fa tutt'uno con l'idea di un impero libero dalle influenze straniere.
    Figura grandiosa, anche nei suoi errori; e quel che sembra egoismo e capriccio rientra, in fondo, nell'alta considerazione che questa "donna imperiale" ha della carica che ricopre. L'andamento epico che assume la narrazione la esalta e la solleva a dimensioni mitiche.

    Più ampiamente:
    http://www.leparoletranoileggere.it/2012/06/18/donna-imperiale/#more-418

    said on 

  • 4

    ancora imperatrici, ancora storie di povere fanciulle riscattate dalla bellezza

    eccomi a leggere un'altra bio di Cixi (Tzu Hsi) dopo quella di Anchee Min


    piccole discrepanze sulle note biografiche, ma è comprensibile, vai poi a capire quale potrebbe essere la verità...la prosa è leggermente più arcaica e data l'epoca in cui è stato scritto c'era da aspettarselo, nel c ...continue

    eccomi a leggere un'altra bio di Cixi (Tzu Hsi) dopo quella di Anchee Min

    piccole discrepanze sulle note biografiche, ma è comprensibile, vai poi a capire quale potrebbe essere la verità...la prosa è leggermente più arcaica e data l'epoca in cui è stato scritto c'era da aspettarselo, nel complesso intrigante

    intanto questa di bio è completa, arriva fino ai Boxer, l'altra finiva con la presa del potere, poi c'era un seguito (mai tradotto da noi, tanto per cambiare)
    la prosa si conferma datata, però l'impressione generale è che il racconto sia più accurato e meno romanzato, ma è solo un'impressione, dal momento che per le cose che coincidono tra le due bio ci possiamo fidare, per quelle che divergono occorre fare una tara e andare a naso
    lei ne esce bene fino a un certo punto, poi dopo la presa del potere diventa via via più spietata, e questo pure potrebbe essere, dal momento che non è tanto prendere il potere il punto, ma semmai è mantenerlo...

    said on 

  • 5

    Libro avvincente che narra la storia, romanzata, di Cin Xi l’ultima grande imperatrice cinese morta nel 1908. Lo status di imperatrice viene raggiunto da Orchidea (nome di fanciulla) tramite il lungo percorso tradizionale delle concubine. Dal livello più basso fino a salire al rango di Reggente, ...continue

    Libro avvincente che narra la storia, romanzata, di Cin Xi l’ultima grande imperatrice cinese morta nel 1908. Lo status di imperatrice viene raggiunto da Orchidea (nome di fanciulla) tramite il lungo percorso tradizionale delle concubine. Dal livello più basso fino a salire al rango di Reggente, alla morte dell’Imperatore, del suo unico figlio maschio (che non si sa bene se sia proprio dell’Imperatore o del grande amore di tutta la vita, il comandante delle guardie Jung Lu) e poi, alla morte di questi, del nipote.
    Certo in questa salita inarrestabile conta soprattutto il carattere di Cin Xi: forte, volitiva, spietata, bugiarda e sanguinaria. Quando il nipote, divenuto Imperatore, decide di staccarsi dalle pressioni della madre adottiva e attuare riforme innovatrici, finisce arrestato e imprigionato in una stanza del Palazzo e quelli che lo avevano seguito finiscono giustiziati.
    Non furono anni sereni neanche sotto il profilo militare: prima la guerra franco/cinese del 1885, poi quella cino/giapponese del 1894/1895, poi la cosiddetta rivolta dei boxer del 1900, che oltre ad essere stata un vero bagno di sangue, violenze e saccheggi da parte di tutte le parti coinvolte, segnò di fatto la fine della dinastia Qing..

    said on 

  • 4

    figura di donna

    Pearl S. Buck racconta l'ascesa al potere di Orchidea ( poi Tzu Hsi) da modesta concubina ad imperatrice nella Cina di fine ottocento.
    ora questo libro non lo si trova più in commercio ma solo in qualche biblioteca. lo lessi tanto tempo fa e mi piacque molto. L'intelligenza, l'autorità, la ...continue

    Pearl S. Buck racconta l'ascesa al potere di Orchidea ( poi Tzu Hsi) da modesta concubina ad imperatrice nella Cina di fine ottocento.
    ora questo libro non lo si trova più in commercio ma solo in qualche biblioteca. lo lessi tanto tempo fa e mi piacque molto. L'intelligenza, l'autorità, la scaltrezza, le arti amatorie i tratti di questa figura di donna si impressero nella mente.

    said on 

  • 5

    Avvincente biografia romanzata di Tzu Hsi, l'ultima imperatrice della cina. Una donna determinata che non si fa sottomenttere da una società che non le permette di scegliere in quanto donna e la trasforma in concubina dell'imperatore. Sarà da questo ruolo che la bellissima fanciulla dimostrerà tu ...continue

    Avvincente biografia romanzata di Tzu Hsi, l'ultima imperatrice della cina. Una donna determinata che non si fa sottomenttere da una società che non le permette di scegliere in quanto donna e la trasforma in concubina dell'imperatore. Sarà da questo ruolo che la bellissima fanciulla dimostrerà tutta la sua saggezza e astuzia, conquistando la stima del suo sovrano per il quale diventerà eletta consigliera, fino a sostituirsi ad esso con abile manovre politiche e diplomatiche, sullo sfondo di una affascinante Cina tradizionale che si vedrà presto costretta a confrontarsi con un occidente bramoso di territori di conquista. Tzu Hsi in queste pagine appare saggia e allo stesso tempo un po' capricciosa, prodiga per il bene del suo popolo ma anche abile ad elevare se stessa. Emerge spesso in queste pagine la donna che era in lei, con la passione per abiti, gioielli, rossetto e sfarzo nei suoi palazzi, ma anche bisognosa di affetto e sostegno nello svolgere un compito così grande...

    said on 

  • 2

    Imperial Woman

    Mondadori, collana "I Record", 1966. Traduzione di Bruno Oddera.
    Una scrittura trascinante e un personaggio indimenticabile.

    said on 

  • 4

    Interesting read about the days when the Western civilization ran out of space and decided to turn to China. Really nice descriptions scattered around here and there but in about halfway through it all became a bit exhausting and indifferent to me. The passion just wasn't delivered to the reade ...continue

    Interesting read about the days when the Western civilization ran out of space and decided to turn to China. Really nice descriptions scattered around here and there but in about halfway through it all became a bit exhausting and indifferent to me. The passion just wasn't delivered to the reader. If it had I would have probably given this a 5 star rating.

    said on