Inés dell'anima mia

Di

Editore: Mondadori

3.9
(2797)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 312 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Tedesco , Portoghese , Olandese , Francese , Svedese

Isbn-10: A000106743 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , Altri

Genere: Biografia , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Inés dell'anima mia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Il romanzo si svolge in un vasto arco temporale,dal 1550 al 1580,Ines Suarez,ormai anziana e prossima alla morte narra infatti la sua storia.
    Ines è la vedova del governatore Don Rodrigo de Quiroga e ...continua

    Il romanzo si svolge in un vasto arco temporale,dal 1550 al 1580,Ines Suarez,ormai anziana e prossima alla morte narra infatti la sua storia.
    Ines è la vedova del governatore Don Rodrigo de Quiroga e conquistatrice e fondatrice del regno del Cile.
    Nata a Plasencia,in estremadura questa donna spagnola compirà un viaggio,prima per mare giungendo nelle Americhe per inseguire il marito recatosi li tempo prima.
    Ma al suo arrivo accompagnata dalla nipote Costanza brutte notizie la attendono,il marito,Juan de Malaga è infatti morto tempo prima.
    Inizia cosi per Inez una vota movimentata e difficile,che la porterà a scontrarsi con la brutalità degli uomini di quel tempo(come per esempio il marinaio che cercherà di abusare di lei) e in seguito seguendo Pedro de Valdivia a intraprendere un lungo viaggio che da Lima attraverso il deserto di Atacama la farà giungere in Cile,terra di Indios combattivi e valorosi che faranno di tutto per proteggere la loro terra dagli Hidalgos spagnoli.
    Un romanzo basato sulla vita di questo personaggio storico realmente esistito che ha dimostrato la tempra di un uomo e la caparbietà che all'epoca alle donne mancava.
    I personaggi sono ben definiti,Ines valorosa e senza paura,Juan de Malaga libertino e in cerca di avventura,Pedro de Valdivia impetuoso e passionale.
    Un romanzo che descrive le atrocità commesse dagli spagnoli ma è allo stesso tempo ricco di storie d'amore.
    Nel complesso l'ho trovato ben scritto ma devo ammettere che ho fatto fatica a leggerlo,perchè lo trovavo abbastanza noioso,senza grandi colpi di scena,nonostante lo stile impeccabile della Allende non sono riuscita a immedesimarmi nella protagonista e a immergermi nella storia.

    ha scritto il 

  • 4

    Romanzo epico

    Romanzo epico, che narra la fondazione del Regno del Cile per opera, tra gli altri, di Inés Suarez. L'eroina racconta le gesta, le battaglie e le fatiche della conquista delle terre sudamericane, la f ...continua

    Romanzo epico, che narra la fondazione del Regno del Cile per opera, tra gli altri, di Inés Suarez. L'eroina racconta le gesta, le battaglie e le fatiche della conquista delle terre sudamericane, la fondazione della capitale Santiago, le incredibili avventure e gli indicibili patimenti del popolo spagnolo nelle terre estorte ai mapuche.
    Un testo scorrevole, interessante, a tratti crudo, con un background storico minuzioso e un lavoro di ricerca eccezionale. La penna della Allende riporta in vita personaggi, usi e costumi, meschinità, amori, tradizioni e vicende in un romanzo unitario, compatto e con poche sbavature (forse un po' scarni i dialoghi e improbabili alcuni avvenimenti).
    Libro molto apprezzato e letto tutto d'un fiato.

    ha scritto il 

  • 4

    grande romanzo

    Di solito come primo approccio con l'Allende si inizia con " La casa degli spiriti", il suo romanzo più famoso, il più grande, ma io il primo incontro l'ho avuto con questo splendido libro ed è stato ...continua

    Di solito come primo approccio con l'Allende si inizia con " La casa degli spiriti", il suo romanzo più famoso, il più grande, ma io il primo incontro l'ho avuto con questo splendido libro ed è stato amore a prima vista. La Allende , non c'è dubbio , è un'artista a 360 gradi,quando scrive riesce ad essere dettagliata e trasparente, mi ha trasmesso tanto e adoro il suo modo pulito di scrivere.... Consigliatissimo!!!

    ha scritto il 

  • 3

    Il racconto della conquista del Cile dal punto di vista dell'eroina nazionale Inés de Suàrez che racconta la sua vita alla figlia adottiva.
    Nel libro la Allende sicuramente non fa nessuno sconto alla ...continua

    Il racconto della conquista del Cile dal punto di vista dell'eroina nazionale Inés de Suàrez che racconta la sua vita alla figlia adottiva.
    Nel libro la Allende sicuramente non fa nessuno sconto alla ferocia sia degli spagnoli che degli indigeni. Soprattutto gli hidalgo spagnoli ne escono male: predatori violenti di cose e donne, assassini e torturatori senza scrupoli, privi di morale ma ipocritamente nascosti dietro il paravento della chiesa.
    Il personaggio meglio descritto è Pedro Valvidia, così ansioso di segnare il nome nella storia da passare sopra ad ogni morale e crudeltà. Ines, invece, mi è sembrata descritta in modo troppo agiografico: così brillante, sensuale, intelligente, forte e incorruttibile al punto da risultare poco credibile.
    Il libro è un po' troppo lungo e francamente noioso, ma molto interessante dal punto di vista storico e per il confronto tra la conquista del Perù e quella del Cile.

    ha scritto il 

  • 3

    interessante

    per chi vuole avvicinarsi alla storia della colonizzazione spagnola in America del sud, e per scoprire la figura storica della protagonista del romanzo. Lettura avvincente anche se a volte la descrizi ...continua

    per chi vuole avvicinarsi alla storia della colonizzazione spagnola in America del sud, e per scoprire la figura storica della protagonista del romanzo. Lettura avvincente anche se a volte la descrizione delle battaglie e degli intrecci dei personaggi sembra avere un gusto da soap opera senza un vero spessore.

    ha scritto il 

  • 4

    Da leggere solo se interessati all'argomento

    Primo libro dell'Allende che leggo, date le forti critiche mosse dalla maggioranza di conoscenti e amici connazionali della scrittrice che l'hanno definitiva una sorta di "Fabio Volo cilena".
    Il motiv ...continua

    Primo libro dell'Allende che leggo, date le forti critiche mosse dalla maggioranza di conoscenti e amici connazionali della scrittrice che l'hanno definitiva una sorta di "Fabio Volo cilena".
    Il motivo per cui l'ho letto è stato l'argomento storico trattato di cui - come dice la scrittrice stessa - non si trova una vasta bibliografia in merito, se non come menzione distratta nella storiografia riguardante le imprese del conquistador Pedro de Valdivia.
    Affascinante, interessante, ben scritto. Allende mi è piaciuta, ma temo mi sia piaciuta a causa del tema trattato e non per le sue doti letterarie in sè.
    Come da titolo, da leggere solo se interessati all'argomento e, a mia parere, solo se si ha un'infarinatura storica in merito.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per