Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

In'shallah

By

Publisher: Cornerstone

4.1
(1950)

Language:English | Number of Pages: 770 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , French , German , Spanish , Portuguese

Isbn-10: 0099181711 | Isbn-13: 9780099181712 | Publish date:  | Edition New Ed

Also available as: Hardcover

Category: Fiction & Literature , History , Political

Do you like In'shallah ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
This novel opens in Beirut on the night of the terrifying assault on the US Marine barracks. It is told from the viewpoint of young Italian soldiers in the international peace-keeping force stationed in that strife-torn city, the Arabs and the women in their lives. By the author of "A Man".
Sorting by
  • 4

    Una moderna Iliade

    Impossibile descrivere e giudicare questa opera monumentale della indiscutibilmente grande Fallaci. Questa volta però non si tratta della solita autobiografia, ma di un romanzo vero e proprio, "fatto ...continue

    Impossibile descrivere e giudicare questa opera monumentale della indiscutibilmente grande Fallaci. Questa volta però non si tratta della solita autobiografia, ma di un romanzo vero e proprio, "fatto scrivere" da uno dei protagonisti (il Professore), laddove per tre volte Oriana fa la sua comparsa, come un'ombra (tipo Hitchcock nei suoi film) e alla fine svela di essere lei il vero burattinaio che tira i fili dei vari personaggi. Tanti in verità, decisamente troppi per poterli memorizzare e metabolizzare tutti (ognuno col suo nomignolo, la sua personalità, il suo passato e il suo presente da soldato, forse eccessivamente caricaturizzati), ma senz'altro voluti e creati da lei, scientemente puntando sull'effetto "too much", per arrivare addirittura all'epica moderna. Importanti sono i temi trattati: la guerra (entrata a far parte del suo Dna), il Bene e il Male, la Formula della Vita. Proprio questa si rivela essere il motore dell'opera, la sua ossatura e la sua essenza: il primo protagonista che incontriamo (il matematico Angelo) ne inizia la ricerca, in contrapposizione con la Formula della Morte. Alla fine di un concatenarsi di fatti, uno conseguente all'altro, scopre che la formula consiste in una sola parola, anche se mentalmente la rifiuta: INSCIALLAH ("a Dio piacendo" o, come dicono invece i cristiani, "sia fatta la volontà di Dio"). Esiste quindi il destino? Siamo tutti dei burattini? Argomento eternamente interessante e privo di risposte certe, così come "dove sta il Bene e dove il Male?", "quali i confini?". Ci sarebbe tanto materiale, più che da tema alle Superiori, da tesi Universitaria, per cui mi fermo qui. Aggiungo solo che purtroppo non sono riuscita ad amare questo libro tanto quanto "Un Uomo" e "Niente e così sia", non mi è entrato nel cuore, ma ciò non significa che non sia un caposaldo della grande letteratura italiana.

    said on 

  • 5

    E' uno dei miei libri preferiti di sempre. Letto molti anni fa, mi è capitato di risfogliarlo recentemente.
    Ho dei ricordi piacevolissimi di quando lo leggevo, sia perchè è successo in quello che è st ...continue

    E' uno dei miei libri preferiti di sempre. Letto molti anni fa, mi è capitato di risfogliarlo recentemente.
    Ho dei ricordi piacevolissimi di quando lo leggevo, sia perchè è successo in quello che è stato forse il periodo più bello e spensierato della mia vita, sia perchè mi piacque ed emozionò molto.

    said on 

  • 2

    Noioso e poco coinvolgente

    Ho amato "Lettera ad un bambino mai nato", e ho voluto provare qualcos'altro di Oriana Fallaci. Ma questo mi ha deluso. L'ho trovato noioso e poco coinvolgente.

    said on 

  • 5

    La grande scrittrice fiorentina narra la guerra in Libano intrecciando personaggi veri e inventati, scene di guerra e di vita quotidiana, a partire da uno scenario tragico: l'attentato contro i battag ...continue

    La grande scrittrice fiorentina narra la guerra in Libano intrecciando personaggi veri e inventati, scene di guerra e di vita quotidiana, a partire da uno scenario tragico: l'attentato contro i battaglioni americani e francesi, con lo stile e la profondità che solo Oriana aveva.

    said on 

  • 5

    Oriana Fallaci - Insciallah

    Non avevo mai letto nulla di Oriana Fallaci. Non perché non la conoscessi (non vivo su Marte) ma perché onestamente non ne ero stato mai incuriosito. Questo perché ho sempre associato la Fallaci alla ...continue

    Non avevo mai letto nulla di Oriana Fallaci. Non perché non la conoscessi (non vivo su Marte) ma perché onestamente non ne ero stato mai incuriosito. Questo perché ho sempre associato la Fallaci alla guerra e le storie che trattano queste tematiche mi sconfortano nel profondo. Complice un regalo quanto mai inaspettato mi sono ritrovato catapultato a Beirut in missione di pace (ma si può avere la pace con la guerra?), in prima linea, in un coacervo di eventi e di sentimenti.

    Insciallah è un romanzo corale, una sorta di Iliade, un mosaico di storie. Un romanzo in cui vita e morte si mescolano, in cui la guerra mette a nudo tutte le debolezze umane, i sentimenti, le passioni, le riflessioni sulla propria vita passata. E' un romanzo che coinvolge tutto lo stivale, da Nord a Sud, con i suoi dialetti e le sue numerose storie di vita, storie di chi ha lasciato qualcosa a casa e di chi invece lascerà qualcosa a Beirut. Storie in cui passione, vita e morte si mescolano tra loro per opera del caso o forse proprio per volontà di Dio.

    La Fallaci è pantagruelica nel suo incedere, è strabordante, quasi orgiastica nella sua scrittura. Pochi sono gli attimi di calma e di riflessione e forse per questo spiccano e vengono apprezzati e gustati. Penso alla descrizione di Beirut, penso alla lettera di Ninette, penso alle lettere del professore, penso alla bellissima parte sulle suore francesi. Si vede che la Fallaci ha vissuto in prima linea perché quello che narra ha dei contorni profondamente reali e, nonostante alcune situazioni grottesche (mi viene in mente Lady Godiva), si ha sempre la sensazione di un'estrema lucidità e precisione nei dettagli (penso alla dissertazione sulle pallottole e sui fucili) in un'epoca dove non era facile come oggi avere accesso a enormi quantitativi di informazioni.

    Insciallah la potrei definire un'esperienza, un viaggio tra la vita e la morte, uno splendido affresco sull'aleatorietà della vita. Di nuovo un umile e semplice grazie a Daniela.

    said on 

Sorting by