In Siberia

Di

Editore: Ponte alle Grazie

4.0
(157)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 306 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8879285130 | Isbn-13: 9788879285131 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Peroni Alessandro , Corbetta Luisa

Disponibile anche come: Altri , Paperback

Genere: Non-narrativa , Viaggi

Ti piace In Siberia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
E' solo da pochi anni che i viaggiatori stranieri possono muoversi all'internodella Siberia. L'autore descrive un viaggio lungo 25000 chilometri attraverso questa regione. Risalendo il fiume Jenissei fino all'Artico, attraverso la Mongolia e poi a Est verso il Pacifico, Thubron è salito e sceso da treni,barche e camion, ha incontrato buddisti e animisti, sette cristiane, comunisti e reazionari, ha visitato il villaggio di Rasputin, le tombe degli antichi Sciti e il Bajkal, il lago più profondo del mondo.
Ordina per
  • 3

    Premettendo che non mi piace lo stile di scrittura dell'autore, rimane comunque un libro da leggere per avere dettagli sulle varie etnie, storia e tradizioni di una landa sconfinata e molto spesso osc ...continua

    Premettendo che non mi piace lo stile di scrittura dell'autore, rimane comunque un libro da leggere per avere dettagli sulle varie etnie, storia e tradizioni di una landa sconfinata e molto spesso oscura al mondo.

    ha scritto il 

  • 4

    1999, all'alba della Nuova Russia, l'Autore si immerge in territori sconosciuti, oltre i confini un tempo invalicabili. Il racconto del viaggio, dal taglio giornalistico, evoca la storia passata nello ...continua

    1999, all'alba della Nuova Russia, l'Autore si immerge in territori sconosciuti, oltre i confini un tempo invalicabili. Il racconto del viaggio, dal taglio giornalistico, evoca la storia passata nello sguardo verso il mondo presente. In cosa ha fede ora la Russia? Che cosa è diventata la Russia? Thubron percorre in lungo e in largo le distese siberiane, tra ortodossi e sciamani, ubriachi spettri della società e famosi scienziati, cercando le risposte.

    ha scritto il 

  • 4

    Bel libro. Peccato che l'autore abbia assorbito una visione tipicamente sovietica nei confronti di alcune nazioni dell'ex urss. Non tutte, per carità, ma che cosa abbia contro ucraini glielo chiederei ...continua

    Bel libro. Peccato che l'autore abbia assorbito una visione tipicamente sovietica nei confronti di alcune nazioni dell'ex urss. Non tutte, per carità, ma che cosa abbia contro ucraini glielo chiederei.

    ha scritto il 

  • 5

    Un paese dimenticato dal mondo, inospitale e bellissimo.
    Un viaggio in spazi infiniti, nella storia dell'anima delle etnie prima e dopo i russi.
    Con la carta geografica a portata di mano per conoscere ...continua

    Un paese dimenticato dal mondo, inospitale e bellissimo.
    Un viaggio in spazi infiniti, nella storia dell'anima delle etnie prima e dopo i russi.
    Con la carta geografica a portata di mano per conoscere ed apprezzare la Siberia con tutte le sue ricchezze: foreste, fiumi, oro, diamanti, gas, petrolio ma nonostante ciò immersa nella povertà più assoluta.
    Da leggere!!

    ha scritto il 

  • 4

    Da solo, con l'infinito fatto di ghiaccio per un numero illimitato di chilometri. Colin attraversa la Siberia e lo racconta e ti sembra di essere felice di far parte della tribù degli esseri umani. No ...continua

    Da solo, con l'infinito fatto di ghiaccio per un numero illimitato di chilometri. Colin attraversa la Siberia e lo racconta e ti sembra di essere felice di far parte della tribù degli esseri umani. Non mancatelo

    ha scritto il 

  • 5

    Per noi europei la parola Siberia è evocatrice di vasti spazi quasi disabitati, di temperature che amano stare di parecchio sotto lo zero, di laghi e fiumi giganteschi, di sconfinate distese di aghifo ...continua

    Per noi europei la parola Siberia è evocatrice di vasti spazi quasi disabitati, di temperature che amano stare di parecchio sotto lo zero, di laghi e fiumi giganteschi, di sconfinate distese di aghifoglie, muschi e licheni, dei 9000 chilometri della Transiberiana. Ma il bel libro di Colin Thuron va oltre e costruisce un agile e sapido ritratto storico-sociale della Russia nel continuo confronto fra presente (es.: libertà, disoccupazione, rinascita religiosa) e passato (es.: comunismo, gulag, collettivismo, ateismo); ogni informazione o richiamo vengono offerti al lettore senza alcuna pretenziosità, in modo spontaneo, colloquiale.
    Ed è così - proprio così! - che un viaggio deve essere narrato.

    ha scritto il 

  • 4

    viaggio che non farò mai

    Una recensione completa qui: http://viaggimarilore.megablog.it/item/colin-thubron-in-siberia/category/libri-di-viaggio
    Sono una viaggiatrice, ma non sono un'esploratrice: mi piace girare il mondo, ma n ...continua

    Una recensione completa qui: http://viaggimarilore.megablog.it/item/colin-thubron-in-siberia/category/libri-di-viaggio
    Sono una viaggiatrice, ma non sono un'esploratrice: mi piace girare il mondo, ma non mi avventurerei mai in luoghi in cui non si parla inglese o francese e che sono fuori dai consueti percorsi turistici. Ma ciò non vuol dire che il resto del mondo non mi interessi. Per questo ho letto con estremo interesse e curiosità questo racconto di Colin Thubron, resoconto di un suo viaggio in Siberia. Sono completamente ignorante della geografia di questa regione, dei suoi usi e costumi, della sua storia e della sua cultura...per questo l'ho divorato, e devo dire che mi ha arricchito parecchio.

    ha scritto il 

Ordina per