Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

In cammino

Breve storia delle migrazioni

Di

Editore: Il Mulino

3.8
(10)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 132 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8815136843 | Isbn-13: 9788815136848 | Data di pubblicazione: 

Ti piace In cammino?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Spostarsi sul territorio è una prerogativa dell'essere umano. Le migrazioni hanno permesso la diffusione della specie nei continenti e hanno costituito un potente motore di progresso. Il volume ripercorre la storia delle migrazioni, dalle "onde di avanzamento" di popoli in territori vuoti o sparsamente insediati, ai movimenti di massa dell'età contemporanea, delineando le condizioni che hanno determinato il successo o il fallimento dei gruppi migranti. Nel corso dei secoli, le politiche hanno profondamente influenzato la natura delle migrazioni, condizionando le regole di entrata e di uscita dagli Stati in un sistema che, oggi, accentua il conflitto tra gli interessi dei paesi di partenza, di arrivo e dei migranti stessi. In assenza di regole concordate sul piano internazionale, per il rifiuto degli stati di cedere anche una minima frazione della loro sovranità, viene posta a rischio la funzione positiva delle migrazioni nello sviluppo delle società.
Ordina per
  • 4

    Se chi quotidianamente sproloquia sull'immigrazione, leggesse un pò di demografia, eviterebbe di dire castronerie. Ma il populismo impera..ed allora, meglio prendere per il culo l'uomo della strada. Q ...continua

    Se chi quotidianamente sproloquia sull'immigrazione, leggesse un pò di demografia, eviterebbe di dire castronerie. Ma il populismo impera..ed allora, meglio prendere per il culo l'uomo della strada. Questo volume è agile, denso di notizie e dati ed anche di proposte di buon senso che, italianamente, saranno ignorate.

    ha scritto il