Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

In un paese bruciato dal sole

L'Australia

By Bill Bryson

(18)

| Hardcover

Like In un paese bruciato dal sole ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

152 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    voglio andare in Australia!!!

    Diciamo che questo è stato il mio primo pensiero non appena ho voltato l'ultima pagina del libro e anche durante tutto il tempo della lettura in verità. Quali sono i punti di forza di questo lavoro? Ovvio, al primo posto c'è l'ambientazione paradisia ...(continue)

    Diciamo che questo è stato il mio primo pensiero non appena ho voltato l'ultima pagina del libro e anche durante tutto il tempo della lettura in verità. Quali sono i punti di forza di questo lavoro? Ovvio, al primo posto c'è l'ambientazione paradisiaca e fuori dal mondo in questa terra così affascinante e lontana. Mi sono ritrovata a cercare avidamente riferimenti fotografici di meraviglie architettoniche ma soprattutto naturali di luoghi come Sydney, Melbourne, Adelaide, Canberra, ma anche dei luoghi più selvaggi ed incontaminati ricchi di vegetazione rigogliosa ed una fauna molto particolare .... Gli aneddoti storici non fanno altro che impreziosire e rendere perfetta questa interessantissima lettura che, soprattutto grazie alla simpatia dell'autore, risulta essere estremamente scorrevole e mai noiosa. Bryson è una forza, e mi sono ritrovata diverse volte a ridere con me stessa delle sue battute e delle sue acute osservazioni. Riesce a trasmetterti tutto l'entusiasmo del suo viaggio rendendoti in qualche modo partecipe della sua meravigliosa avventura. Sono molto ansiosa di leggere altro di questo autore e di farmi coinvolgere in un'altra strepitosa avventura. Comunque, se mai dovessi intraprendere un viaggio in Australia( e ora come ora lo farei ad occhi chiusi), saprei di certo cosa cercare!!! Quattro stelle e mezzo !!

    Is this helpful?

    ELYY said on Apr 30, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Quando inizi ad organizzare un viaggio, dopo aver scelto la destinazione, solitamente è tutto un gran andirivieni di consigli, domande, racconti e indicazioni su quale guida è meglio prendere o che siti visitare. Ma c'è sempre una prima volta per tut ...(continue)

    Quando inizi ad organizzare un viaggio, dopo aver scelto la destinazione, solitamente è tutto un gran andirivieni di consigli, domande, racconti e indicazioni su quale guida è meglio prendere o che siti visitare. Ma c'è sempre una prima volta per tutto e il consiglio di leggere questo libro è stata una di quelle. Curiose e un po' stranite ci siamo ripromesse di comperarlo, poi abbiamo rimandato e poi ce ne siamo scordate (io soprattutto). Salvo poi sentirmelo nominare nuovamente un mese fa da una commessa in libreria. Ordinato e ritirato, ho iniziato a leggerlo non credendo ai miei occhi. Pensavo di trovarmi davanti un romanzo ambientato in Australia e scopro invece un libro di viaggio meraviglioso in un paese che lo è altrettanto, scoprendolo in lungo e in largo grazie alle avventure/disavventure del giornalista Bill Bryson. Da non sottovalutare soprattutto il fatto che si ride alla grande fin dalle prime pagine!! Dovete leggerlo, che pensiate di andare in Australia o no!

    Is this helpful?

    AlessandraE said on Mar 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Apprezzo molto il modo di raccontare le proprie esperienze di viaggio che adotta Bryson.
    Ad esempio il suo trekking negli Appalachi è esilarante ed allo stesso tempo coinvolgente ed interessante: è un viaggiatore che "non se la tira" ma questo non gl ...(continue)

    Apprezzo molto il modo di raccontare le proprie esperienze di viaggio che adotta Bryson.
    Ad esempio il suo trekking negli Appalachi è esilarante ed allo stesso tempo coinvolgente ed interessante: è un viaggiatore che "non se la tira" ma questo non gli impedisce di emozionarsi e penetrare lo spirito dei luoghi, un viaggiatore totalmente sincero.

    Per parte mia non ho viaggiato molto (... e comunque assai meno di quanto avrei voluto!) ma ritrovo nei suoi diari l'alternarsi disordinato di momenti di fatica inconsulta, di noia inevitabile e di magiche e sorprendenti visioni che hanno segnato i miei viaggi.
    Leggendolo si comprende quanto possa essere appagante viaggiare spogliandosi dell'appreccio e le aspettative del vacanziere industriale.

    Questo libro sulle sue scorribande nell'immensa Australia è perfettamente coerente con gli altri suoi report di viaggio e si legge tutto d'un fiato.
    Molto piacevole da leggere il libro e terribilmente interessante l'Australia.

    Is this helpful?

    Fred Gleick said on Feb 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non ho in previsione di andare in Australia. Non credo ci andrò mai, anche se sarebbe affascinante. E allora perchè leggere un libro sull'Australia?
    Perchè me lo hanno regalato, in primo luogo. E perchè, appena iniziato a leggerlo mi ha affascinato e ...(continue)

    Non ho in previsione di andare in Australia. Non credo ci andrò mai, anche se sarebbe affascinante. E allora perchè leggere un libro sull'Australia?
    Perchè me lo hanno regalato, in primo luogo. E perchè, appena iniziato a leggerlo mi ha affascinato e quindi sono andato avanti.
    L'autore scrive bene e l'Australia è un mondo così particolare.
    E di cui sappiamo generalmente così poco.
    Mi affascinano, soprattutto, quei grandi spazi deserti con qui e là una cittadina. Un posto pericoloso, sembrerebbe, dai ragni velenosi ai serpenti, ai coccodrilli, agli squali ... al deserto. E il caldo.
    Affascinante, immagino, il contrasto fra le grandi città - Sidney, Melbourn, Perth, Camberra (a proposito, ho scoperto che è questa la capitale) e il resto del paese. E gli animali - canguri ma anche ornitorinco ed echidna - la barriera corallina, l'Uluru (il grande monolito noto anche come Ayers Rock), ...
    Mi affascinano forse soprattutto gli aborigeni, arrivati lì per mare 60.000 anni fa, decine di migliaia di anni prima che i popoli conosciuti imparassero a navigare. Ma questi nel libro appaiono purtroppo solo di sfuggita.

    Is this helpful?

    Pierfranco Ravotto said on Feb 1, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Scanzonata immersione nell’Australia, nella sua storia, nella sua natura, nella sua gente.
    Bill Bryson non nasconde il suo innamoramento in questo paese pur rimanendo critico nei confronti della storia vergognosa ed abbastanza recente che ha coinvolt ...(continue)

    Scanzonata immersione nell’Australia, nella sua storia, nella sua natura, nella sua gente.
    Bill Bryson non nasconde il suo innamoramento in questo paese pur rimanendo critico nei confronti della storia vergognosa ed abbastanza recente che ha coinvolto gli aborigeni australiani e le leggi che auto garantivano ai bianchi, nuovi arrivati, l’appropriazione indebita dei territori, il divieto di parlare la loro lingua, lo “strappo” fisico dei bambini dalle loro madri affinché dimenticassero genitori, lingua e cultura propria. Il risultato? Devastante.
    Le città immerse nel verde, secondo pianificazione britannica, sono piacevoli da vivere e danno a tutt’oggi uno dei più alti livelli di qualità della vita all’interno dei paesi occidentali, anche se, geograficamente parlando, l’Australia appartiene al sud est asiatico.
    Un paese fortemente inospitale per l’alta percentuale di zone desertiche, per un alto numero di di animali velenosi ed aggressivi e che limitano, talvolta, quindi l’abbandono totale sulle magnifiche spiagge e nei mari tropicali nel nord est australiano.
    Ciò nonostante la gente è molto socievole, simpatica, estroversa ed accogliente e lui se ne innamora e ce lo racconta; del resto gli australiani “in Australia”, sono proprio come Bill Bryson ce li descrive per chi ha avuto il piacere di conoscerli.
    Anche Bill utilizza l’incontro con l’altro come uno degli strumenti per conoscere il paese, per capirne l’anima, magari nel profondo outback australiano seduto di fronte ad una birra ed un “tosto” e semplicione abitante di un villaggio rurale.
    Nonostante Bill Bryson viaggi su commissione, venga anche pagato per soggiornare in ottimi alberghi, dove ce ne sono, noleggi auto, possa prenotare voli quando serve e viaggi comodamente ed usi una formula contemporanea del viaggio in cui ci si possa riconosce facilmente, conquista il lettore facilmente e senza remore e gli perdoniamo le sue ripetitività.
    Siamo lontani da viaggi difficili, da incontri complessi dettati dal caso(del resto non si avvicina a nessuna comunità aborigena, seppur racconti e critichi i misfatti dei bianchi sui neri), ma la sua ironia, simpatia e gusto per la storia ci introduce facilmente all’incontro in terra australiana e ce lo fanno un ottimo compagno di viaggio su carta.

    Is this helpful?

    Smilla said on Jan 7, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non solo mi sono trovata di fronte all'Australia, ma anche ad uno scrittore di viaggi dello Iowa. L'australia secondo gli occhi di un americano. L'esotismo raddoppia, così come la difficoltà di comprensione. Il racconto non mantiene la forza dell'inc ...(continue)

    Non solo mi sono trovata di fronte all'Australia, ma anche ad uno scrittore di viaggi dello Iowa. L'australia secondo gli occhi di un americano. L'esotismo raddoppia, così come la difficoltà di comprensione. Il racconto non mantiene la forza dell'incipit ed entra in un mood piuttosto ripetitivo.

    Is this helpful?

    Silvae said on Oct 16, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book