Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

In una notte buia e spaventosa

Di

Editore: Salani

3.9
(36)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 259 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8862567707 | Isbn-13: 9788862567701 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Pietro Formenton ; Illustratore o Matitista: Hugh D'Andrade

Genere: Fiction & Literature

Ti piace In una notte buia e spaventosa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Vagando per una sudicia palude, Hänsel e Gretel arrivano a una casetta fatta di dolci iniziano ad assaggiarne un po', quando d'un tratto sulla soglia appare una donna con un grembiule da fornaia... Finiscono così tra le grinfie della terribile strega mangiabambini. Questo lo sapevate già. Ma cosa accade dopo? Che Hänsel e Gretel la arrostiscon ...
Ordina per
  • 4

    ricordi d'infanzia

    Scritto bene, facile da leggere, una fiaba raccontata in modo diverso e originale, mi ha ricordato la mia infanzia e quei giorni in cui leggere le fiabe era il mio modo per entrare in un mondo fantastico e tutto mio. Ho sempre pensato che le fiabe dei fratelli Grimm avessero un po' questo tema le ...continua

    Scritto bene, facile da leggere, una fiaba raccontata in modo diverso e originale, mi ha ricordato la mia infanzia e quei giorni in cui leggere le fiabe era il mio modo per entrare in un mondo fantastico e tutto mio. Ho sempre pensato che le fiabe dei fratelli Grimm avessero un po' questo tema leggermente horror, ho sempre sognato che lo avessero in effetti e questo libro mi ha conquistato per questo motivo.

    ha scritto il 

  • 4

    Proposto a mio figlio di 13 anni e letto a mia volta. Divertente, scorrevole. Narra le avventure di Hansel e Gretel in chiave horror (soft). Non così horror come l'autore ci vuol far credere. Bisogna tener conto però dell'età di lettura. A mio avviso, adatto a lettori da 10 a 12 anni. Carino. A ...continua

    Proposto a mio figlio di 13 anni e letto a mia volta. Divertente, scorrevole. Narra le avventure di Hansel e Gretel in chiave horror (soft). Non così horror come l'autore ci vuol far credere. Bisogna tener conto però dell'età di lettura. A mio avviso, adatto a lettori da 10 a 12 anni. Carino. A mio figlio è piaciuto. Compiuto un altro piccolo passo per farlo appassionare alla lettura. Che fatica. Lo consiglio.

    ha scritto il 

  • 3

    Siamo tutti convinti che la storia di Hänsel e Gretel finisca dopo che hanno arrostito la strega della casetta di marzapane che voleva mangiarseli, ma a quanto pare non è vero. Perché la loro storia inizia prima di così, e finsce molto più avanti.
    I commenti dell'autore mi hanno ricordato un po' ...continua

    Siamo tutti convinti che la storia di Hänsel e Gretel finisca dopo che hanno arrostito la strega della casetta di marzapane che voleva mangiarseli, ma a quanto pare non è vero. Perché la loro storia inizia prima di così, e finsce molto più avanti. I commenti dell'autore mi hanno ricordato un po' lo stile di Walter Moers, però a dire il vero pensavo che la storia sarebbe stata più sanguinosa di così visto che non la smetteva di ripeterlo.

    ha scritto il 

  • 4

    Una fantastica riuscita editoriale e una grande originalità d'autore

    Rileggere Hansel e Gretel sotto la guida di Gidwitz è semplicemente piacevole. Non vi è mai capitato di passare una serata tra amici e rievocare delle imprese o degli avvenimenti salienti, condivisi insieme? Ecco, questa è l'effetto che produce: "Ti ricordi quella volta che...?" "Sì, quando poi s ...continua

    Rileggere Hansel e Gretel sotto la guida di Gidwitz è semplicemente piacevole. Non vi è mai capitato di passare una serata tra amici e rievocare delle imprese o degli avvenimenti salienti, condivisi insieme? Ecco, questa è l'effetto che produce: "Ti ricordi quella volta che...?" "Sì, quando poi siamo andati / abbiamo fatto questo e quell'altro!" Per coloro che invece non avessero letto Hansel e Gretel da piccini, non temete! L'effetto resta lo stesso!

    ha scritto il 

  • 1

    Mi hanno consigliato questo libro parlandomene come una versione delle storie dei Grimm alla "Hensel e Kretel" di quel genio che è Moers. Lo scrittore interrompe la narrazione per commentare quelllo che sta succedendo e avvertire i lettori delle tragedie che stanno per accadere ai protagonisti. H ...continua

    Mi hanno consigliato questo libro parlandomene come una versione delle storie dei Grimm alla "Hensel e Kretel" di quel genio che è Moers. Lo scrittore interrompe la narrazione per commentare quelllo che sta succedendo e avvertire i lettori delle tragedie che stanno per accadere ai protagonisti. Ho sempre odiato Hansel e Gretel,in qualsiasi salsa hanno provato a propinarmeli. Grimm. Once upon a time. Storie della buonanotte e così via, nonostante Moers me li aveva fatti rivalutare. In questo libro non fanno eccezione entreresti nelle pagine solo per prenderli a schiaffi e rinfacciare loro che le loro disavventure se le meritano tutte dalla prima all'ultima. E meno male che questo libro l'ho letto che ero in montagna isolata dal mondo e che solo mia mamma mi abbia sentito urlargli arrabbiatissima contro come nelle migliori categorie di film splatter. "COME FAI A NON CAPIRLO? NON POSSO DOVERVELE SPIEGARE IO CERTE COSE!!"(Lol tendo ad essere un filino teatrale quando leggo) L'impaginatura poi mi ha fatto provare dolore fisico. Quintordici pagine bianche e interlinee infinite solo per dare al tutto la parvenza di un romanzo. Le divagazioni dell'autore poi sono tutte uguali:"mettete i bambini a letto? fatto? beeeene cospargete il tutto di colla vinilica così non potranno più sentire il resto della favola" "fine. ah no, non è la fine. trololololo" -.-'' no. Rivoglio le mie pagine di brumli.

    ha scritto il