Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

In viaggio su una gamba sola

By Herta Müller

(62)

| Softcover | 9788831707213

Like In viaggio su una gamba sola ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Romanzo per tanti aspetti autobiografico scritto subito dopo il passaggio dell'autrice dalla Romania alla Germania ovest (1987) e pubblicato nel 1989 allavigilia della caduta del Muro di Berlino.
Si tratta di una delle prime e più forti testimon Continue

Romanzo per tanti aspetti autobiografico scritto subito dopo il passaggio dell'autrice dalla Romania alla Germania ovest (1987) e pubblicato nel 1989 allavigilia della caduta del Muro di Berlino.
Si tratta di una delle prime e più forti testimonianze della difficoltàdi vivere quel passaggio, che racconta l'esperienza di fuga da una dittatura e il travaglio di un esilio volontario, della nostalgia e della perdita, della vita nomadica, diuna coazione al movimento attraverso stazioni grandi e piccole, su treni, sale d'aspetto e altri non luoghi.

55 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Questo libro è Poesia. Ma non una poesia retorica e strasentita - strasciupata - di quelle che ti fanno pensare che non sia cambiato niente da Odo delle Colonne fino ad oggi e ti ingiungono un tocco di disperazione perché rendono inevitabile pensare ...(continue)

    Questo libro è Poesia. Ma non una poesia retorica e strasentita - strasciupata - di quelle che ti fanno pensare che non sia cambiato niente da Odo delle Colonne fino ad oggi e ti ingiungono un tocco di disperazione perché rendono inevitabile pensare a un mondo fermo, a una storia e un'arte ferme, dove anche il futuro sarà dominato da "tramonti fulgenti" e "brezze gentili". Topoi insostenibili, abusatissimi.
    Questo libro è speranza perché leggendolo sai che l'Arte è viva , la creatività esiste e cammina. Forse, come tutta la grande letteratura, è un passo oltre il presente: in tempi di neo-analfabetismo non è Hertha Müller ad essere "difficile", è il lettore (imbibito di Moccia, Faletti, Coelho, Volo e altri "scrittori" semplicisti e senza speranza) a non essere pronto. E' raro, con i neuroni espatriati causa lettura protratta di abbecedari, essere puntuali nell'accogliere la suggestione moderna, il talento smisurato di questa grande scrittrice.
    Del resto ancora l'arte astratta, da Picasso a Rothko, è guardata con un sottile sospetto, sicché c'è tempo, c'è tempo.

    Is this helpful?

    Ellerslie said on Mar 1, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    spaesamento di una donna (Irene, 35 anni, autobiografica) che fugge da una dittatura (Romania) e va in un altro paese (Germania). No grazie.

    Is this helpful?

    Albertocristofori said on Oct 21, 2013 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    Le cose minute - dita dei piedi, camicie, fiori pallidi, la piega tra il naso e il labbro: a queste cose è delegato il sentimento di Irene, protagonista del libro ma non della sua vita, continuamente a rischio di sfaldarsi e ridursi a una fotografia ...(continue)

    Le cose minute - dita dei piedi, camicie, fiori pallidi, la piega tra il naso e il labbro: a queste cose è delegato il sentimento di Irene, protagonista del libro ma non della sua vita, continuamente a rischio di sfaldarsi e ridursi a una fotografia malamente ritagliata da un giornale. Una forma piatta, bidimensionale, che facilmente scivola sotto un armadio.
    La nostalgia dell'esilio domina queste pagine quasi di nascosto, attraverso gesti che, nello sguardo di Irene, cambiano la propria natura: un uomo che si masturba dietro un cespuglio, un operaio con una radiolina in tasca, un omosessuale narcisista. Gli uomini sono una promessa di patria che continua a sfuggire, a partire dal giovane Franz - primo ponte tra il vecchio e il nuovo paese. Lo sguardo del dittatore compare a tratti, strappando Irene da ogni promessa.
    Attraverso una prosa secca e paratattica, a volte ostile alla lettura, la Muller trova un modo inedito per illuminare il senso della distanza, che invade Irene anche nei confronti di se stessa. Affidando a dettagli improvvisamente portati in primo piano, alla luce, anche, che disegna i suoi geroglifici indecifrabili sui muri, gli oggetti, le persone, ci invade la malinconia dell'inconsistenza, del franare della personalità, della paura di perdersi come un mucchio di foglie friabili in una folata di vento.

    Is this helpful?

    Chicca said on Jul 24, 2013 | 1 feedback

  • 3 people find this helpful

    Dittature, paesi divisi e muri sono solo un pretesto per dire qualcos'altro. La vera protagonista di questo romanzo è l'alterità. L'abisso quasi insuperabile che circonda gli individui come un fossato, e li segue ovunque, naturale come un'ombra. Ci p ...(continue)

    Dittature, paesi divisi e muri sono solo un pretesto per dire qualcos'altro. La vera protagonista di questo romanzo è l'alterità. L'abisso quasi insuperabile che circonda gli individui come un fossato, e li segue ovunque, naturale come un'ombra. Ci puoi mettere sopra un bel ponte, ma i ponti, col tempo, si deteriorano. L'abisso rimane lì.

    È ingombrante e spietata, l'alterità, come una maledizione. Si insinua nella narrazione fratturandola, ci costringe a vedere la realtà come un insieme di stralci di quadro, una realtà che non scorre nel tempo ma nello sguardo della protagonista, a scatti come solo può procedere l'occhio umano, da un oggetto a un ricordo, da un ricordo a un uomo, da un uomo a un'aspettativa. Si traveste da divergenza di opinioni, di vedute, di orizzonti, da telefoni che squillano e vengono ignorati, da uomini che sbriciolano del pane per il solo gusto di farlo, mentre gli uccelli aspettano in disparte di poter banchettare, felici. Ma il suo travestimento più riuscito è quello da città. Relazionarsi con gli altri è sempre un viaggio. Richiede di sentire il freddo oltre i polpastrelli, come se toccassero la propria finitezza, impone di uscire dai propri limiti per cercare l'altro. Da una città familiare - per quanto anche la familiarità possa risultare odiosa - a un luogo sconosciuto. Quant'è bello il passo che precede la partenza: la città esiste già, ce la siamo inventati bene, dal suo nome abbiamo tratto sapori di frutta esotica e nomi di fiori mai visti. E poi, come la troviamo una volta arrivati? I giardini sono così profumati? I gesti e gli automatismi che guidano i passi dell'altro nella sua città diventeranno anche nostri o ci sarà sempre uno strappo tra noi e lui? Come sarà l'altro, una volta girato l'angolo? Come saremo noi?
    Un sognatore vi dirà che sarà tutto bellissimo. Ma Herta Muller no, lei vi farà sentire che rumore fa il legno del ponte quando marcisce.

    Is this helpful?

    Elisa Lai said on May 28, 2013 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Non c'è dubbio. Un'autrice come Herta Muller o affascina o suscita una sorta di indisposizione, un balzo indietro inorridito, un mamma mia questa qui chi la capisce è bravo. Io, lo confesso, appartengo a quelli che il fascino lo subiscono e provo a s ...(continue)

    Non c'è dubbio. Un'autrice come Herta Muller o affascina o suscita una sorta di indisposizione, un balzo indietro inorridito, un mamma mia questa qui chi la capisce è bravo. Io, lo confesso, appartengo a quelli che il fascino lo subiscono e provo a spiegare perchè. E' il fascino di storie senza storia, dove a prevalere è il frammento, la distrazione dello sguardo di chi racconta, la precarietà delle condizioni, la confessione di pensieri vaganti come mine che però non esplodono mai. MI piace che la signora Herta mi conduca non in una storia travolgente che ti spezza il fiato, senza lasciarti un attimo di requie, ma che mi lasci lì a guardare il lento scorrere dei suoi occhi sulle cose, mentre a quel lento scorrere degli occhi fa riscontro un groviglio di pensieri che districare sarebbe inaccettabile. "In viaggio su una gamba sola" è il racconto di una passaggio, di un limen mai davvero superato, una soglia, insomma, che rimane sempre al suo posto. Il confine tra il paese di provenienza, la Romania dell'autrice, seppur la piccola regione del Banato di lingua tedesca, e il nuovo paese, la Germania divisa sì, ma motore instancabile di sempre nuove ripartenze, è un confine perenne, è un confine esistenziale. Esiste una letteratura di confine, così come esistono tantissimi luoghi dove raccontare se stessi significa sempre raccontarsi in rapporto ad un'alterità culturale che ci osserva dall'altra parte da una linea di confine. Penso a Trieste e a chi il confine lo disegna nella sua vita di tutti i giorni. Questo è un romanzo dove il confine è fuga, speranza, amore. E' un romanzo abitato da pochissimi personaggi e altrettante pochissime comparse. Gli occhi della protagonista catturano uomini e donne che attraversano il suo procedere, ma non si fermano con lei o dentro di lei. L'operaio arrampicato sui ponteggi che ogni mattina è fuori dalla sua finestra non è altro che una condizione destinata a passare: le strade si scoprono quando le percorri, le piazze quando le attraversi, i negozi quando ci entri dentro, ma poi tutto si dissolve, crolla al suolo e ogni giorno le strade, le piazze, i negozi, l'amore di un uomo, l'impiegato dell'ufficio immigrazione, tutto, ma proprio tutto ricomincia da capo una sua nuova vita.
    E' così anche per me. Tutto mi appare come se avesse un visto di transito tra le mani.
    Ecco perchè Herta Muller mi piace.

    Is this helpful?

    Heinrichauskoln said on May 10, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una lettura difficile, confesso che lo dovrei rileggere per cercare di capirlo.

    Is this helpful?

    Amabel said on Nov 1, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (62)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Softcover 169 Pages
  • ISBN-10: 8831707213
  • ISBN-13: 9788831707213
  • Publisher: tascabili Marsilio
  • Publish date: 2010-01-01
  • Also available as: Hardcover
Improve_data of this book

Margin notes of this book