Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

InferNapoli

Di

3.8
(56)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 200 | Formato: Altri

Isbn-10: 8811670438 | Isbn-13: 9788811670438 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Crime , Fiction & Literature

Ti piace InferNapoli?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Da anni non leggevo Peppe Lanzetta, e questo libro è stato una sorpresa. Ci sono dentro echi di Saviano, Paolo Sorrentino, Erri De Luca, la Napoli dei nostri anni che nella scrittura di Peppe Lanzetta diventa ritmo puro. Un libro tattile e sonoro, da immersione totale.

    ha scritto il 

  • 3

    Vincent Profumo è il ritratto di Tony Soprano, trapiantato alle falde del Vesuvio. Devoto di Padre Pio e grande appassionato della Callas, lo spietato boss è disarmato davanti all’intraprendenza delle tre figlie e della moglie trascurata. Non c’è speranza né salvezza in “InferNapoli”. Sospeso tra ...continua

    Vincent Profumo è il ritratto di Tony Soprano, trapiantato alle falde del Vesuvio. Devoto di Padre Pio e grande appassionato della Callas, lo spietato boss è disarmato davanti all’intraprendenza delle tre figlie e della moglie trascurata. Non c’è speranza né salvezza in “InferNapoli”. Sospeso tra momenti di ironia e poesia, Peppe Lanzetta, con un linguaggio particolarmente crudo ed esplicito, individua l’unica via d’uscita nella fuga dalle 'terre maledette'. Soltanto i suoni e i colori di Carnaby Street possono diventare l’antidoto a tanta violenza cieca che travolge tutto e non risparmia nessuno. Londra sarà ma non per tutti.

    ha scritto il 

  • 4

    Una città e un boss emblemi/simboli di tanti mali

    InferNapoli, di Peppe Lanzetta, usa i mille problemi, ma anche le mille bellezze/risorse (MAI valorizzate, e uno spietato boss della camorra come emblema/simbolo del decadimento sociale, istituzionale, morale e civile del paese Italia...che poi diviene il decadimento totale, di tutta la società, ...continua

    InferNapoli, di Peppe Lanzetta, usa i mille problemi, ma anche le mille bellezze/risorse (MAI valorizzate, e uno spietato boss della camorra come emblema/simbolo del decadimento sociale, istituzionale, morale e civile del paese Italia...che poi diviene il decadimento totale, di tutta la società, del nostro tempo.
    Da leggere.

    ha scritto il 

  • 4

    Peppe Lanzetta è figlio della sua città, vorrei tanto che il libro fosse solo iperralista e che molto del narrato albergasse solo nella potenza immaginifica dell'autore, ma sono di Napoli e le parole di Peppe e la "Donna Cuncetta" di Pino Daniele sono intorno a me tutti i giorni, Peppe ten'è ppal ...continua

    Peppe Lanzetta è figlio della sua città, vorrei tanto che il libro fosse solo iperralista e che molto del narrato albergasse solo nella potenza immaginifica dell'autore, ma sono di Napoli e le parole di Peppe e la "Donna Cuncetta" di Pino Daniele sono intorno a me tutti i giorni, Peppe ten'è ppalle mangia e offre la carne cruda di questo popolo. Una nota si staglia alta e cristallina dal marciume "dalla lota", le donne, le donne di questo libro sono salutari, salvifiche, eroine positive e a loro che Lanzetta affidi la speranza di redenzione, semmai il popolo dovesse riucire a sfuggire a questo inferno di giotto lo farà grazie alla forza delle donne

    ha scritto il 

  • 4

    citazione

    io che impazzisco per le albe e i tramonti non posso andare in un posto qualsiasi,lasciate che io senta Capr, veda l'isola dei Li Galli, senta l'odore dei limoni della Costiera, il passo dei turisti sui ciottoli e la Marina con la brezza che fa alzare l'odore di pesce... Portatemi le alici di Cet ...continua

    io che impazzisco per le albe e i tramonti non posso andare in un posto qualsiasi,lasciate che io senta Capr, veda l'isola dei Li Galli, senta l'odore dei limoni della Costiera, il passo dei turisti sui ciottoli e la Marina con la brezza che fa alzare l'odore di pesce... Portatemi le alici di Cetara, gli spaghetti con la colatura, il tonno alla brace della Cianciola, il limoncello di Sant'Agata... Lasciate che io mi perda nel sole delle tre del pomeriggio di Massalubrense, nella discesa a mare a Conca dei Marini, sotto il duomo di Amalfi, sugli scogli di Atrani....

    ha scritto il 

  • 3

    Pulp Fiction partenopea

    Peppe Lanzetta si conferma abile narratore mettendo in scena una specie di pulp fiction partenopea, una vorticosa sarabanda di situazioni, dal drammatico all'erotico, fino al grottesco, che si svolgono attorno a questa figura un pò strereotipata di boss camorristico.
    Una lettura scorrevole ...continua

    Peppe Lanzetta si conferma abile narratore mettendo in scena una specie di pulp fiction partenopea, una vorticosa sarabanda di situazioni, dal drammatico all'erotico, fino al grottesco, che si svolgono attorno a questa figura un pò strereotipata di boss camorristico.
    Una lettura scorrevole e piacevole (arricchita da interessanti corsivi che, intervallando di tanto in tanto la storia, rendono bene l'atmosfera di Napoli), ma di certo rimane la sensazione di già visto/letto.

    ha scritto il 

  • 3

    Ritratto cupo di una Napoli senza speranza, tragica, dolente e inumana, l'unica alternativa è la fuga scelta da una delle protagoniste. Sembra che la narrazione della vicenda dell'ennessimo boss sia solo un pretesto per raccontare lo squalllore a cui si è arrivati, le pagine in corsivo alla fine ...continua

    Ritratto cupo di una Napoli senza speranza, tragica, dolente e inumana, l'unica alternativa è la fuga scelta da una delle protagoniste. Sembra che la narrazione della vicenda dell'ennessimo boss sia solo un pretesto per raccontare lo squalllore a cui si è arrivati, le pagine in corsivo alla fine sono quelle che colpiscono di più, la fiction superata dalla realtà.

    ha scritto il 

  • 4

    Angel & Devil

    [... ]Piena di svolte drammaturgiche l’epica del boss Profumo. Le vicissitudini criminali si succedono con verosimile velocità da videoclip: in effetti, nel giro di un giorno (anche meno) a Napoli si decidono destini, si consumano tradimenti, si stringono alleanze di comodo (più alleanze!), si im ...continua

    [... ]Piena di svolte drammaturgiche l’epica del boss Profumo. Le vicissitudini criminali si succedono con verosimile velocità da videoclip: in effetti, nel giro di un giorno (anche meno) a Napoli si decidono destini, si consumano tradimenti, si stringono alleanze di comodo (più alleanze!), si implementano bisinìss, si costruiscono bunker, ci si vendica di sgarri, si uccide e si ride nello stesso momento. E poi ci si va a mangiare un’impepata di cozze. [...]

    il resto su:
    http://corpifreddi.blogspot.com/2011/10/angel-and-devil-infernapoli-peppe.html

    ha scritto il