Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Infinite Jest

Di

Editore: Einaudi (Stile libero Big)

4.5
(1929)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 1281 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco

Isbn-10: 8806178725 | Isbn-13: 9788806178727 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Edoardo Nesi , Annalisa Villoresi , Grazia Giua

Disponibile anche come: Tascabile economico , eBook

Genere: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Infinite Jest?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In un futuro non troppo remoto e che somiglia in modo preoccupante al nostro presente, la merce, l'intrattenimento e la pubblicità hanno ormai occupato anche gli interstizi della vita quotidiana. Il Canada e gli Stati Uniti sono una sola supernazione chiamata ONAN, il Quebec insegue l'indipendenza attraverso il terrorismo, ci si droga per non morire, di noia e disperazione. E un film perduto e misterioso, "Infinite jest", dello scomparso regista James Incandenza, potrebbe diventare un'arma di distruzione di massa...
Ordina per
  • 2

    Dopo piú di 1200 pagine non sono riuscito a capire come inquadrarlo. Troppo lungo. A tratti pare fenomenale ma sconfina troppo spesso nel noioso. Storie parallele annodate tra loro da abuso di qualcos ...continua

    Dopo piú di 1200 pagine non sono riuscito a capire come inquadrarlo. Troppo lungo. A tratti pare fenomenale ma sconfina troppo spesso nel noioso. Storie parallele annodate tra loro da abuso di qualcosa, di chimico, di naturale, di affettivo, di autostima. Un mondo assurdo, che poi tanto assurdo non é, divorato da schizofrenie che iniziano dall'infanzia e che ti accompagnano o semplicemente si modificano nei vari tentativi di uscirne. Senza speranza.

    ha scritto il 

  • 5

    Infinite Best

    Romanzo mastodontico, complessissimo, stupefacente, oltre-morale, clinico, cinico, ironico, estremo, ricco di intuizioni, squarci e illuminazioni improvvise. Geniali. Malate. Talmente incentrato sulla ...continua

    Romanzo mastodontico, complessissimo, stupefacente, oltre-morale, clinico, cinico, ironico, estremo, ricco di intuizioni, squarci e illuminazioni improvvise. Geniali. Malate. Talmente incentrato sulla Dipendenza, su ogni forma di Dipendenza, che finisce esso stesso per dare, a sua volta, infinita dipendenza. Un'esperienza di lettura che segna, stravolge, consuma, distrugge. trascina, umilia, stordisce e solleva. Un viaggio senza ritorno. Catartico, salvifico, eppure senza speranza. Non ci sono parole per descriverlo; difficile anche da riassumere. Da amare o bruciare. Per me, Capolavoro. Assoluto.

    ha scritto il 

  • 0

    non l'ho finito e credo che non lo finirò mai (mi sono arresa a nemmeno 1/4 dalla fine).
    se lo avessi letto intorno ai 25 anni lo avrei amato pazzamente. a 36, invece, mi ha irritata come poche altre ...continua

    non l'ho finito e credo che non lo finirò mai (mi sono arresa a nemmeno 1/4 dalla fine).
    se lo avessi letto intorno ai 25 anni lo avrei amato pazzamente. a 36, invece, mi ha irritata come poche altre cose al mondo.

    ha scritto il 

  • 5

    (Era sparito. Il commento, dico. Me l'hanno fatto notare - grazie Notina :-) - lo metto di nuovo e glielo dedico, ovviamente. Speriamo bene.)

    Infinite Jest: commento finale
    Questo è un romanzo diffici ...continua

    (Era sparito. Il commento, dico. Me l'hanno fatto notare - grazie Notina :-) - lo metto di nuovo e glielo dedico, ovviamente. Speriamo bene.)

    Infinite Jest: commento finale
    Questo è un romanzo difficile ed importante per davvero.
    Ho costruito una specie di mappa del romanzo. Chi pensa possa essergli utile per tentare l'impresa, la trova qui

    http://scarabooks.blogspot.it/2012/08/infinite-jest-una-mappa-non-una-guida.html

    Sarei tentato di ribadire che è imprescindibile (vedi i miei commenti precedenti in calce). E per me tale è, di sicuro.
    Senonchè è anche talmente sconvolgente e coinvolgente che non mi sento di invitare nessuno ad accettare quella che è anche una “grande sfida”, non solo tecnicamente perigliosissima, per veri amanti delle “grandi avventure da lettori”. E’ molto di più di questo: è una sfida intima, profonda, solo per adulti o che almeno aspirano a diventar tali. Chi pensasse di cimentarsi sappia che dovrà mettersi in gioco. Dovrà vedersi com'è, mettere in discussione molte delle sue certezze, molto del proprio modo di difendersi dal dolore quotidiano, da quello che Pavese chiamava “il male di vivere”.
    Dunque, liberi più che mai di restarne fuori.
    E’ un romanzo sulla fuga dal dolore e sulla ricerca del piacere a tutti i costi (anche al costo della vita), che domina le nostre scelte di ogni istante, spesso senza che ne siamo consapevoli. Ci mette davanti alla dipendenza da ogni forma di “Intrattenimento” con cui tutti (non solo i tossici, gli alcolisti, gli spettatori televisivi professionali, quelli che si identificano col proprio ruolo sociale e con le sicurezze delle mura domestiche, quelli che leggono per ipnotizzarsi: non solo gli alienati riconoscibili e dichiarati, insomma) tentiamo di riempire il nostro tempo. E ci fa scoprire che tutto è “Intrattenimento”, che tutto è diventato Infinite Jest, uno Scherzo Infinito: il lavoro, gli affetti, gli oggetti, le visioni, le sostanze, gli attaccamenti, le identificazioni, le abitudini, con cui tentiamo in mancanza d’altro di dare un senso alla nostra vita. Da qualche anno il mio saluto di commiato abituale è un “divertiti!” (aggiungendo spesso: “è la cosa più importante”): adesso ho capito esattamente cosa volevo dire.
    E’ un romanzo che denuncia con lucida impietosità anche il ricorso ai miseri stratagemmi fatti di ironia, di astrazioni, di fughe dalla realtà, di autoinganni di ogni genere a cui tutti ricorriamo. Ci richiama ad un’esigenza di empatia, di bontà verso gli altri e insieme di autodisciplina, di severità verso noi stessi, Tutte cose a cui tutti tentiamo costantemente di sfuggire. Svela senza sconti il senso intimo del modo di vivere dell’occidente post-moderno e quindi del modo di vivere di noi tutti. Impone una riflessione difficile e spiazzante e solitaria sulla necessità di una nuova “moralità”, di un nuovo senso della responsabilità, verso noi stessi e verso gli altri.
    Ci sono pagine esasperanti. Ci sono pagine che intossicano. Ci sono pagine esilaranti. Ci sono pagine che mi hanno incantato ed entusiasmato come pochissime altre volte mi è capitato: mi vengono in mente due o tre titoli in tutto e non li dico per non scendere sul terreno minato e franoso dei confronti, ma pensate al meglio del meglio che volete voi.
    Chi vuol provare a leggerlo e poi magari ci riesce, sappia che non ha nessuna possibilità di uscirne indenne.
    Un ultima cosa mi sento in dovere di dire: David Foster Wallace è un uomo verso il quale provo un senso di vera, profonda, commossa gratitudine.
    Primo commento
    Mi sono fermato quasi alla metà, per esasperazione. Lampi di intelligenza abbaglianti e pagine di straordinaria bellezza. Si però non si può aprire un libro come si sale su un otto volante. Oppure, come si monta un cavallo da rodeo. Ad un certo punto, ti vengono le vertigini e molli: tu da una parte e lui dall’altro. Chi lo ha finito dice di aver sofferto. Ci credo. E forse so anche cosa gli fa male. (però la voglia di riprovarci è rimasta)
    Secondo commento
    luglio '10: ho riprovato. A p.300 ho capito che il cavallo non mi avrebbe più buttato giù. Da p.400 in poi è cresciuta e si è consolidata (fino a quell'entusiasmo così poco consono agli anni ed ai libri vissuti) , l'idea di essere davanti ad una delle più belle e sconvolgenti avventure da lettore di sempre. Ora che l'ho finito, dopo l'esasperazione e l'entusiasmo, .... semplicemente....me lo godo (avrò pur diritto adesso, no?). Il commento ... dopo, forse.
    Ps) dimenticavo: chi ama leggere ed ha un debole per i tipi (rarissimi) capaci di (con)tenere insieme, finchè ce la fanno, innata bontà e lucida consapevolezza, amerà DFW e troverà questo libro imprescindibile.
    Ps2) Qui, note critiche importanti

    http://www.minimaetmoralia.it/wp/appunti-su-un-discorso-su-infinite-jest/

    ha scritto il 

  • 5

    Lo leggerò ancora e poi ancora una volta....

    Che libro è Infinite Jest? l libro della Dipendenza, della Depressione, della Fuga, del Disagio, di una piuttosto cinica Rinascita delegata ai programmi di recupero degli alcolisti anonimi, di una ass ...continua

    Che libro è Infinite Jest? l libro della Dipendenza, della Depressione, della Fuga, del Disagio, di una piuttosto cinica Rinascita delegata ai programmi di recupero degli alcolisti anonimi, di una assoluta mancanza di Risorse Morali e Pratiche. Un libro di cui non mi sentirei di consigliare la lettura alla leggera. Un libro che non chiede identificazione, la aspira. Che non chiede al lettore di specchiarsi ma di farsi specchio, disorientandolo, facendogli assumere, attraverso una quantità di materiale narrativo esorbitante e parossistico, ogni debolezza e il rimpianto del mondo.
    Un libro è una cosa viva, sopravvive al suo autore, ne prende le distanze e diventa patrimonio universale, ma in questo caso ho il forte sospetto che così non sia. Questo non significa che il volume stampato e rilegato in vendita nelle librerie o in rete sia destinato a macerarsi negli scaffali dei libri dimenticati. Tutt’altro (spero). Significa che il suo spirito, la sua dialettica intellettuale, tanto intrinsecamente correlata alla biografia del suo autore, che non vi ha trovato riscatto, dovrà arretrare di fronte a questo fallimento, per una forma di pudore, di rispetto. Ecco, il libro è la rappresentazione di un fallimento esistenziale e culturale. Si dice infatti che la scrittura aiuti, riscatti, dia una via d’uscita (“La differenza fra suicidio e omicidio consiste solo nel dove credi di vedere la porta per uscire dalla gabbia”, IJ, p. 308). In questo caso la scrittura come omicidio del Sé malato ha perso la sua battaglia: come si può parlarne in termini meramente estetici? Come si può parlare con distacco di una tragedia personale?

    E dunque, preso in questa aporia (essendo stato il suo autore vittima del/nel proprio romanzo, ed essendo io debitore di una esperienza inevitabilmente estetica, non emozionale – è un difetto? Infinite Jest raramente emoziona, è un romanzo di testa, puro distillato di intelligenza e angoscia, divertimento macabro, di cielo e di inferno: l’universo letto con in mano il dizionario etimologico del dolore) non dirò nulla di/su Infinite Jest e raccomanderò di leggerlo solo se si è preparati a un viaggio da farsi con lo spirito di un diciassettenne che non ha paura di ritrovare se stesso ed è disposto a ricordare ed accettare tutto.

    “Sentire che non ce la fai e devi farcela per forza, in una cella. Una gabbia del Penitenziario di Revere per 92 giorni. Sentire il dolore di ogni secondo che passava. Vivere un secondo alla volta. Suddividere il tempo in tante micro-unità. L’astinenza. Ogni secondo: si ricordava: il pensiero di sentirsi come si sentiva in questo secondo per altri 60 di questi secondi – non poteva farcela. Non poteva farcela. Doveva costruire un muro intorno a ogni secondo per sopportarlo. […] Poteva accovacciarsi nello spazio tra due battiti del cuore e fare di ogni battito un muro e vivere là dentro. Non permettere alla sua testa di guardare sopra il muro.” (IJ, p. 1147)

    ha scritto il 

  • 4

    Impresa infinita

    Parlare male di questo libro non si può. Ma è un libro difficile, pesante e che ricede molta concentrazione durante la lettura. Sono mille sfumature, mille storie e milioni di scherzi retorici fatti a ...continua

    Parlare male di questo libro non si può. Ma è un libro difficile, pesante e che ricede molta concentrazione durante la lettura. Sono mille sfumature, mille storie e milioni di scherzi retorici fatti apposta per destabjlizzare il lettore che nonostante tutto va avanti. Ma poi i pezzi si ricompongono, diventa tutto più chiaro, e ti rendi conto di aver letto saggi sociologici, storielle divertenti, storie di solitudine e amare, recensioni cinematografiche, trattati politici... Tutto insieme! Sono contento di aver letto questo libro, ma sono anche contento che sia finito.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Non è un libro, è un'avventura

    Più che una recensione (che considero inutile) la mia è una personale guida alla lettura. Ci sono arrivato per gradi e questo può essere un buon modo per non andarci a sbattere. Ho letto prima alcuni ...continua

    Più che una recensione (che considero inutile) la mia è una personale guida alla lettura. Ci sono arrivato per gradi e questo può essere un buon modo per non andarci a sbattere. Ho letto prima alcuni racconti da "La ragazza dai capelli strani" e li ho trovati stupefacenti. Ciononostante, ho iniziato, sempre come test, "Oblio", che mi ha confermato uno stile di scrittura in cui trovavo una fortissima sintonia. Dalle recensioni che ormai leggo compulsivamente da anni, capisco che probabilmente non per tutti è così e credo che molte delusioni nascano da qui. Comunque, prima di arrivare a metà ho attaccato Infinite jest che mi appariva come un'avventura intellettuale affascinante. E lo è stata assolutamente. Come sa chi lo ha letto, l'inizio (cioè il primo quarto del libro) è straniante, perché si combatte con il disorientamento temporale, visto che la decodifica degli anni sponsorizzati viene proposta a un quarto del libro. Poi, come viene sempre segnalato, ci sono le note, che sono parte integrante della storia e presentano integrazioni, espansioni, flashback, approfondimenti. In pratica sono ipertesti messi su carta, indispensabili alla comprensione complessiva. A un certo punto del libro, le decine di storie e personaggi germogliati nel cammino cambiano ritmo e cominciano delle vere e proprie storie d'azione (siamo oltre pagina 700). E quando si arriva alla fine ci si ritrova in un loop che fa pensare ai numerosi loop che attraversano il libro, da quello del film che gli dà il titolo a quelli legati, per esempio, alle varie forme di dipendenza. Per questo è inevitabile ricominciare a leggerlo o ritornarci di quando in quando oppure continuare a cercare nuovi elementi chiarificatori nelle recensioni altrui. Nel mio caso, come è successo ad altri, sono diventato "addicted" e ho iniziato a leggere tutte le opere di DFW, molte delle quali, alla luce di IJ, mal giudicate dal pubblico e dai critici. Quindi, un libro che è esso stesso infinito, in molti sensi diversi, e che colloco in cima ai tanti bellissimi romanzi che pure ho amato e restano impressi nel mio cuore. Il mio consiglio è: se lo avete preso in mano, non fermatevi.

    ha scritto il 

  • 5

    Sembra quasi che la struttura del romanzo sia stata architettata apposta in maniera complessa (più di mille pagine, cui vanno aggiunte le tantissime e a volte lunghissime note, tanto da divenire un ul ...continua

    Sembra quasi che la struttura del romanzo sia stata architettata apposta in maniera complessa (più di mille pagine, cui vanno aggiunte le tantissime e a volte lunghissime note, tanto da divenire un ulteriore romanzo nel romanzo, le storie che si interrompono e riprendono tempo dopo e altro) per rendere la lettura una impresa difficile e veramente impegnativa, ma una volta arrivati alla fine è difficile non provare l’emozione di essere di fronte ad un romanzo sinceramente unico, un capolavoro.
    Certamente, in una forma anche molto ironica è un libro che guarda al mondo con le lenti della sofferenza, sicuramente vi è anche molto di personale dell’autore, ma paradossalmente una volta che si è entrati dentro, si è lasciati trascinare da una modalità di scrittura molto piacevole, che sembra quasi essa (la lettura, la scrittura) la soluzione alla sofferenza. È una opinione molto personale, ma secondo me non bisogna lasciare scapparsi l’occasione di vivere una esperienza unica che tocca nel profondo lasciandovi un segno indelebile. Grazie David Foster Wallace.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per