Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ingannevole è il cuore più di ogni cosa

Di

Editore: Fazi

3.3
(1772)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 280 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8881128047 | Isbn-13: 9788881128044 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Testa

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Gay & Lesbian

Ti piace Ingannevole è il cuore più di ogni cosa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Jeremy ha solo quattro anni quando scopre che i suoi veri genitori non sonoquelli, amatissimi, che lo hanno cresciuto fino a quel momento: la sua veramamma è Sarah, una ragazza ancora adolescente che ne ha ottenuto la tutela eche lo coinvolge in una vita nuova, diversa, terribile. Il mondo per Jeremycambia, nulla è più come prima, nulla potrà più esserlo, ma in qualche modoegli accetta le nuove regole, i travestimenti, la vita randagia da uno Statoall'altro, nel cuore di un'America marginale, tra roulotte fatiscenti,amfetamine buttate giù come aspirine, hamburger riesumati dalla spazzatura,fra la disperazione degli spostati che si fabbricano la droga in cantina e ladolcezza delle cameriere nei diners. Le avventure di Jeremiah e Sarah,raccontate in prima persona con la voce incantata e ingenua di un bambino,danno vita a un racconto allucinato, fatto di contrasti indigeribili edettagli tenerissimi, che lascia il lettore con un rimescolio «di vetri rottinello stomaco». Il libro di culto di una generazione esce in una nuovaedizione contenente la lunga intervista rilasciata alla Paris Review dallavera autrice del libro, Laura Albert: "Essere Laura Albert", un incredibileromanzo nel romanzo.
Ordina per
  • 2

    Una favola brutta e perversa, solo per stomaci forti, di cui si può fare tranquillamente a meno.
    Qualcuno ha detto che l’autore ha una scrittura poetica, io devo essermi persa qualcosa. E’ psichedelica, sicuramente, ma mai degna di nota. Un bambino che subisce ogni genere di violenze si fa ...continua

    Una favola brutta e perversa, solo per stomaci forti, di cui si può fare tranquillamente a meno.
    Qualcuno ha detto che l’autore ha una scrittura poetica, io devo essermi persa qualcosa. E’ psichedelica, sicuramente, ma mai degna di nota. Un bambino che subisce ogni genere di violenze si fa una ragione di vita (e di piacere) nel dolore e nella sofferenza. Come lettura estiva è decisamente pesantuccia.

    ha scritto il 

  • 3

    3 stelle e mezzo per l'impegno e le citazioni dei Dead Kennedys

    Si tratta del seguito di "Sarah", che mi era piaciuto.
    Storia di chi non ha niente e quindi sarà per sempre vittima.
    Storia di chi rimane schiacciato da altri e di soprusi che diventano ribellione.
    Storia di ribellione che si trasforma in pericolosi vizi.
    Storia di vizi ch ...continua

    Si tratta del seguito di "Sarah", che mi era piaciuto.
    Storia di chi non ha niente e quindi sarà per sempre vittima.
    Storia di chi rimane schiacciato da altri e di soprusi che diventano ribellione.
    Storia di ribellione che si trasforma in pericolosi vizi.
    Storia di vizi che diventano perenne insoddisfazione.
    You fought the law.

    ha scritto il 

  • 2

    mi avevano ispirato le molte recensioni lette ma non ho trovato molto bello questo libro.uno spaccato della vita americana molto crudo e violento in alcuni passaggi.

    ha scritto il 

  • 4

    Decisamente shockkante, tra un babydoll e uno spinello, restare a bocca aperta nell'indecisione, forse nella speranza, che gli occhi del bambino non vedano ma sognino.

    ha scritto il 

  • 4

    Il narratore è un bambino di 7 anni, che viaggia insieme alla madre prostituta alla continua ricerca di clienti camionisti negli autogrill. Ogni tanto un camionista si innamora della donna, la mantiene per un po' (insieme al figlio), poi i due lo rapinano e se ne vanno.
    La donna è sull'orlo ...continua

    Il narratore è un bambino di 7 anni, che viaggia insieme alla madre prostituta alla continua ricerca di clienti camionisti negli autogrill. Ogni tanto un camionista si innamora della donna, la mantiene per un po' (insieme al figlio), poi i due lo rapinano e se ne vanno.
    La donna è sull'orlo della pazzia, il figlio è maltrattato continuamente, oltre ogni limite.
    E' molto interessante notare gli effetti dei maltrattamenti subiti.
    Allucinante.

    ha scritto il 

  • 0

    Jeremiah, figlio della lucertola da parcheggio Sarah, vive tra abusi, eccessi e disordini mentali legati all'incertezza della propria sessualità, disturbata dalla giovanissima madre che cerca di abbigliarlo come se fosse una femminuccia per risultare più gradevole ai suoi uomini passeggeri.
    ...continua

    Jeremiah, figlio della lucertola da parcheggio Sarah, vive tra abusi, eccessi e disordini mentali legati all'incertezza della propria sessualità, disturbata dalla giovanissima madre che cerca di abbigliarlo come se fosse una femminuccia per risultare più gradevole ai suoi uomini passeggeri.
    A rendere ancora meno stabile la sua vita ci sono le periodiche permanenze a casa dei nonni, fanatici religiosi dall'educazione severissima con pene corporali.
    Il piccolo Jeremiah cresce col desiderio di essere amato ma rifiuta il proprio corpo maschile e richiede punizioni a suon di cinghiate per scontare i proprio errori.
    Il romanzo di LeRoy, a metà strada tra seguito del precedente "Sarah" e parvenza di autobiografia, è violento, duro e disturbante. Tutto viene mitigato se si pensa che lo scrittore è una creazione letteraria della musicista americana Laura Albert.

    ha scritto il