Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ink Exchange

By

Publisher: HarperTeen

3.5
(931)

Language:English | Number of Pages: 336 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian , Spanish

Isbn-10: 006121468X | Isbn-13: 9780061214684 | Publish date: 

Also available as: Paperback , eBook

Category: Fiction & Literature , Romance , Science Fiction & Fantasy

Do you like Ink Exchange ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 1

    Ho soltanto una parola per descrivere questo libro: brutto. Se il primo mi aveva in qualche modo convinta a procedere nella lettura di questa serie di romanzi, questo mi ha convinto definitivamente del contrario. Non mi è piaciuto proprio per niente.

    said on 

  • 4

    Che dire?
    Questo libro l'ho letteralmente divorato.
    La storia è molto originale e molto carina e i personaggio non sono per niente banali.
    La Marr mi piace, mi piace molto.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    1

    Ho soltanto due aggettivi in mente per giudicare il libro in questione

    La recensione è presente anche nel mio blog: http://angolodelciarpame.blogspot.it/2014/01/ink-exchan…
    Brutto e noioso. Pur essendo un urban fantasy manca completamente di azione, magia, lotte ed effetti speciali, caratteristiche queste che in genere aumentano ...continue

    La recensione è presente anche nel mio blog: http://angolodelciarpame.blogspot.it/2014/01/ink-exchange-sortilegi-sulla-pelle-di.html
    Brutto e noioso. Pur essendo un urban fantasy manca completamente di azione, magia, lotte ed effetti speciali, caratteristiche queste che in genere aumentano il fascino e la creatività della narrazione. La maggior parte della storia è sacrificata per dialoghi, descrizioni o monologhi, ma nessuna di queste cose è resa in maniera “trascinante”.
    Personaggi abulici e a tratti perfino antipatici, in particolare Leslie, che oltretutto mi pare sia resa un po' troppo in chiave “eroina tragica” della situazione, che magari per volontà dell'autrice doveva essere coraggiosa e affascinante, schiva e fragile, invece per me era solo scipita come tutto il romanzo, o almeno fino al capitolo 6 , perché non sono riuscita ad andare al di là (anche se mia sorella che è andata fino in fondo mi ha confermato che il livello non si eleverà affatto fino alla fine, anzi). La sua storia è drammatica fino all'inverosimile e l'intreccio con le vicende inerenti le varie corti fatate non è poi così riuscito, mentre l'idea del tatuaggio come veicolo e mezzo per il suo asservimento poteva essere in qualche modo originale, ma è davvero l'unico elemento accettabile nel quadro generale.
    I personaggi maschili sono fortemente stilizzati e banali: Irial è il tipico pallone gonfiato, bellissimo e supersexy, Niall l'eroe bello e dannato, con l'immancabile aura tormentata e il tragico passato di tradimenti e sacrifici. Please. Inoltre mi ha infastidito parecchio la loro quantità di viscidume nei confronti di Leslie, nel senso che entrambi, chi per proteggerla, chi per impadronirsene, la spiano ovunque e non vedono l'ora di averla tutta per loro, l'irresistibile ragazzina.
    Lo stile non brilla per carisma e nel complesso non riesce ad essere davvero avvincente; è curato, piacevole, ma a tratti impersonale, nel senso che l'autrice fatica a trasmettere sensazioni ed emozioni forti con la sua scrittura, come se già trama e personaggi non bastassero a conferire un alone di vaghezza e mancanza di vitalità al romanzo. Effimero, stentato, impalpabile.
    Ho apprezzato molto di più la trilogia Wondrous Strange di Lesley Livingston, che verteva sempre sulle fate, i loro regnanti e le creature del folklore indoeuropeo.
    Questo può piacere forse alle lettrici meno scafate e con poche pretese; io per parte mia ritengo che se fosse un elettroencefalogramma, sarebbe tristemente piatto. Pensare che ho atteso di averlo tra le mani per tanto tempo.
    Ho sentito dire che si tratta forse del peggior tomo della serie, ma a questo punto dubito che mi prenderò il disturbo di provare a leggerne altri di questa autrice.

    said on 

  • 2

    Un libro insulso che ho letto fino alle fine solo perché si leggeva davvero facilmente. La trama è pressochè inesistente e quel poco nche si intravede è davvero soporifero. Non ho mai letto un libro più piatto di questo.
    Perchè questa è la triste verità. É un libro piatto in cui non succede ...continue

    Un libro insulso che ho letto fino alle fine solo perché si leggeva davvero facilmente. La trama è pressochè inesistente e quel poco nche si intravede è davvero soporifero. Non ho mai letto un libro più piatto di questo.
    Perchè questa è la triste verità. É un libro piatto in cui non succede nulla di nulla. É solo una serie patetica di tentativi per conquistarsi la fiducia e la collaborazione di Leslie da parte delle due corti.
    Ma dico io questa idea può bastare per mandare avanti un libro intero????? Io credo proprio di no.
    I personaggi poi sono davvero patetici. Tra la tipica protagonista dal passato inverosimilmente doloroso, il ragazzo che si è opposto alla corte malvagia ed il cattivo seduttore tutto promesse non ce n'è uno che spicchi su serio.
    Tutto ruota attorno a questo tatuaggio che ha il potere di collegare Leslie con la corte oscura così che lei possa procurare loro nutrimento, ma a me sembra una idea banale e soprattutto è stata sfruttata malissimo.
    Insomma l'unico pregio di questo libro è quello della scorrevolezza ma per il resto forse è uno dei peggiori urban fantasy che io abbia mai letto.
    Non capisco come abbia potuto l'autrice sfornare un libro così idiota che non ti trasmette assolutamente nulla. Nè il piacere di averlo letto né il dispiacere, niente di niente.
    È pieno di luoghi comuni sulle fate e sugli urban fantasy in generale. Se avessi voluto leggere una bella saga sulle fate avrei letto Wondrous Strange non questa cosa.
    Spero che gli altri libro dell'autrice siano migliori anche se, personalmente parlando, sono talmente inorridita da questo che non prenderò mai più in mano libri di Melissa Marr.

    said on 

  • 2

    Noioso.

    Inizialmente sembrava bello e coinvongente...Invece superati i primi capitoli diventa noioso. Non vedevo l'ora di arrivare alla fine del libro. Ho fatto molta fatica a seguire la trama perchè non mi prendeva affatto e secondo me alcune cose non sono curate, ad esempio i personaggi sono solo abboz ...continue

    Inizialmente sembrava bello e coinvongente...Invece superati i primi capitoli diventa noioso. Non vedevo l'ora di arrivare alla fine del libro. Ho fatto molta fatica a seguire la trama perchè non mi prendeva affatto e secondo me alcune cose non sono curate, ad esempio i personaggi sono solo abbozzati.
    Forse alla fine prende un po' di vita...Per il resto non mi è piaciuto.

    said on 

  • 5

    Se vi è piaciuto Wicked Lovely questo lo adorerete. La storia di Lesly è molto coinvolgente, il migliore tra i due libri "fuori storia" della saga. L'ho divorato in poco tempo, tanto che speravo avesse un eventuale seguito con questo triangolo amoroso. 5 stelle piene, ne meriterebbe anche 10! ...continue

    Se vi è piaciuto Wicked Lovely questo lo adorerete. La storia di Lesly è molto coinvolgente, il migliore tra i due libri "fuori storia" della saga. L'ho divorato in poco tempo, tanto che speravo avesse un eventuale seguito con questo triangolo amoroso. 5 stelle piene, ne meriterebbe anche 10!

    said on 

  • 2

    Già il 1° mi aveva lasciato in una sorta di purgatorio...si carino ma niente di che...questo proprio....brutto.
    Le prime 100 pagine carine, la storia si intesse, prende forma, nascono nuovi personaggi...ma poi è un continuo alternarsi di battaglie idiote e di descrizioni dello stato d'animo ...continue

    Già il 1° mi aveva lasciato in una sorta di purgatorio...si carino ma niente di che...questo proprio....brutto.
    Le prime 100 pagine carine, la storia si intesse, prende forma, nascono nuovi personaggi...ma poi è un continuo alternarsi di battaglie idiote e di descrizioni dello stato d'animo della protagonista: cioè sempre la stessa solfa. Lo stato d'animo è sempre lo stesso, raccontato con parole diverse.
    Non mi è piaciuto. Non so se leggerò il 3°, se lo farò sarà soltanto per pura curiosità di come si può evolvere la storia, non perchè la storia in se mi piaccia.

    said on 

  • 4

    "A volte amare significa lasciare andare ciò che si vorrebbe stringere a sé."

    secondo volume della saga "il ciclo delle fate"

    ritroviamo tutti i personaggi del primo volume, ma in questo secondo capitolo la storia è incentrata sull'amica della Regina dell'estate: Leaslie e sul Re della Corte del Buio.
    Sofferenza, dolore, attrazione..c'è di tutto in questa cort ...continue

    secondo volume della saga "il ciclo delle fate"

    ritroviamo tutti i personaggi del primo volume, ma in questo secondo capitolo la storia è incentrata sull'amica della Regina dell'estate: Leaslie e sul Re della Corte del Buio.
    Sofferenza, dolore, attrazione..c'è di tutto in questa corte.

    devo dire che mi è piaciuto più del primo...perchè più movimentato, un pò più di suspance e si delineano meglio altri penrsonaggi!!!

    Unica pecca il finale...sempre troppo scontato...però sono curiosa di leggere il seguito!

    said on 

Sorting by