Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Insciallah

Di

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

4.1
(1955)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 798 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Spagnolo , Portoghese

Isbn-10: 881715024X | Isbn-13: 9788817150248 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri , eBook

Genere: Fiction & Literature , History , Political

Ti piace Insciallah?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Libro molto intenso.
    La Fallaci conosce perfettamente l'argomento di cui parla: la guerra e le miserie umane che l'accompagnano.
    A volte l'ho trovato ridondante, ma credo sia dovuto alla profonda part ...continua

    Libro molto intenso.
    La Fallaci conosce perfettamente l'argomento di cui parla: la guerra e le miserie umane che l'accompagnano.
    A volte l'ho trovato ridondante, ma credo sia dovuto alla profonda partecipazione emotiva alle vicende.
    Interessante il nocciolo della storia: trovare la formula della vita, lì dove c'è morte e distruzione.

    ha scritto il 

  • 4

    Una moderna Iliade

    Impossibile descrivere e giudicare questa opera monumentale della indiscutibilmente grande Fallaci. Questa volta però non si tratta della solita autobiografia, ma di un romanzo vero e proprio, "fatto ...continua

    Impossibile descrivere e giudicare questa opera monumentale della indiscutibilmente grande Fallaci. Questa volta però non si tratta della solita autobiografia, ma di un romanzo vero e proprio, "fatto scrivere" da uno dei protagonisti (il Professore), laddove per tre volte Oriana fa la sua comparsa, come un'ombra (tipo Hitchcock nei suoi film) e alla fine svela di essere lei il vero burattinaio che tira i fili dei vari personaggi. Tanti in verità, decisamente troppi per poterli memorizzare e metabolizzare tutti (ognuno col suo nomignolo, la sua personalità, il suo passato e il suo presente da soldato, forse eccessivamente caricaturizzati), ma senz'altro voluti e creati da lei, scientemente puntando sull'effetto "too much", per arrivare addirittura all'epica moderna. Importanti sono i temi trattati: la guerra (entrata a far parte del suo Dna), il Bene e il Male, la Formula della Vita. Proprio questa si rivela essere il motore dell'opera, la sua ossatura e la sua essenza: il primo protagonista che incontriamo (il matematico Angelo) ne inizia la ricerca, in contrapposizione con la Formula della Morte. Alla fine di un concatenarsi di fatti, uno conseguente all'altro, scopre che la formula consiste in una sola parola, anche se mentalmente la rifiuta: INSCIALLAH ("a Dio piacendo" o, come dicono invece i cristiani, "sia fatta la volontà di Dio"). Esiste quindi il destino? Siamo tutti dei burattini? Argomento eternamente interessante e privo di risposte certe, così come "dove sta il Bene e dove il Male?", "quali i confini?". Ci sarebbe tanto materiale, più che da tema alle Superiori, da tesi Universitaria, per cui mi fermo qui. Aggiungo solo che purtroppo non sono riuscita ad amare questo libro tanto quanto "Un Uomo" e "Niente e così sia", non mi è entrato nel cuore, ma ciò non significa che non sia un caposaldo della grande letteratura italiana.

    ha scritto il 

  • 5

    E' uno dei miei libri preferiti di sempre. Letto molti anni fa, mi è capitato di risfogliarlo recentemente.
    Ho dei ricordi piacevolissimi di quando lo leggevo, sia perchè è successo in quello che è st ...continua

    E' uno dei miei libri preferiti di sempre. Letto molti anni fa, mi è capitato di risfogliarlo recentemente.
    Ho dei ricordi piacevolissimi di quando lo leggevo, sia perchè è successo in quello che è stato forse il periodo più bello e spensierato della mia vita, sia perchè mi piacque ed emozionò molto.

    ha scritto il 

  • 2

    Noioso e poco coinvolgente

    Ho amato "Lettera ad un bambino mai nato", e ho voluto provare qualcos'altro di Oriana Fallaci. Ma questo mi ha deluso. L'ho trovato noioso e poco coinvolgente.

    ha scritto il 

  • 5

    La grande scrittrice fiorentina narra la guerra in Libano intrecciando personaggi veri e inventati, scene di guerra e di vita quotidiana, a partire da uno scenario tragico: l'attentato contro i battag ...continua

    La grande scrittrice fiorentina narra la guerra in Libano intrecciando personaggi veri e inventati, scene di guerra e di vita quotidiana, a partire da uno scenario tragico: l'attentato contro i battaglioni americani e francesi, con lo stile e la profondità che solo Oriana aveva.

    ha scritto il 

Ordina per