Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Insciallah

By Oriana Fallaci

(553)

| Paperback | 9788846200006

Like Insciallah ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Da una lettera del Professore:

"L'ho incominciato, cara, ci lavoro! Ogni notte mi chiudo in ufficio e lavoro, lavoro, lavoro: navigo nelle difficili acque del romanzo agognato. Non so in quale porto mi condurrà. Neanche a chi lo scrive un roman Continue

Da una lettera del Professore:

"L'ho incominciato, cara, ci lavoro! Ogni notte mi chiudo in ufficio e lavoro, lavoro, lavoro: navigo nelle difficili acque del romanzo agognato. Non so in quale porto mi condurrà. Neanche a chi lo scrive un romanzo confessa subito i suoi molti segreti, rivela subito la sua autentica identità. Come un feto privo di lineamenti precisi, all'inizio chiude in sé una miniera di ipotesi: tiene in serbo una miriade di sorprese buone o cattive. E tutto è possibile. Anche il peggio. Però il corpo è già delianeato, il cuore batte, i polmoni respirano, le unghie e i capelli crescono, nel volto incerto distingui con chiarezza gli occhi e il naso e la bocca: posso presentartelo. Posso addirittura anticiparti che la storia si svolge nell'arco di tre mesi, novanta giorni che vanno da una domenica di fine ottobre a una domenica di fine gennaio, che s'apre coi cani di Beirut, allegoria dei bordi della cronaca, che prende l'avvio dalla duplice strage, che segue il filo conduttore d'una equazione matematica cioè dell'S = K ln W di Boltzmann, e che per svilupparne la trama mi servo dell'amletico scudiero di Ulisse."

196 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Ho un amore viscerale per Oriana, quindi non faccio testo. L'ho letto tipo tre volte e ancora riesco a trovarci una bellezza indimenticabile!!!

    Is this helpful?

    Mauro Torquati57 said on Jul 7, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Oriana Fallaci - Insciallah

    Non avevo mai letto nulla di Oriana Fallaci. Non perché non la conoscessi (non vivo su Marte) ma perché onestamente non ne ero stato mai incuriosito. Questo perché ho sempre associato la Fallaci alla guerra e le storie che trattano queste tematiche m ...(continue)

    Non avevo mai letto nulla di Oriana Fallaci. Non perché non la conoscessi (non vivo su Marte) ma perché onestamente non ne ero stato mai incuriosito. Questo perché ho sempre associato la Fallaci alla guerra e le storie che trattano queste tematiche mi sconfortano nel profondo. Complice un regalo quanto mai inaspettato mi sono ritrovato catapultato a Beirut in missione di pace (ma si può avere la pace con la guerra?), in prima linea, in un coacervo di eventi e di sentimenti.

    Insciallah è un romanzo corale, una sorta di Iliade, un mosaico di storie. Un romanzo in cui vita e morte si mescolano, in cui la guerra mette a nudo tutte le debolezze umane, i sentimenti, le passioni, le riflessioni sulla propria vita passata. E' un romanzo che coinvolge tutto lo stivale, da Nord a Sud, con i suoi dialetti e le sue numerose storie di vita, storie di chi ha lasciato qualcosa a casa e di chi invece lascerà qualcosa a Beirut. Storie in cui passione, vita e morte si mescolano tra loro per opera del caso o forse proprio per volontà di Dio.

    La Fallaci è pantagruelica nel suo incedere, è strabordante, quasi orgiastica nella sua scrittura. Pochi sono gli attimi di calma e di riflessione e forse per questo spiccano e vengono apprezzati e gustati. Penso alla descrizione di Beirut, penso alla lettera di Ninette, penso alle lettere del professore, penso alla bellissima parte sulle suore francesi. Si vede che la Fallaci ha vissuto in prima linea perché quello che narra ha dei contorni profondamente reali e, nonostante alcune situazioni grottesche (mi viene in mente Lady Godiva), si ha sempre la sensazione di un'estrema lucidità e precisione nei dettagli (penso alla dissertazione sulle pallottole e sui fucili) in un'epoca dove non era facile come oggi avere accesso a enormi quantitativi di informazioni.

    Insciallah la potrei definire un'esperienza, un viaggio tra la vita e la morte, uno splendido affresco sull'aleatorietà della vita. Di nuovo un umile e semplice grazie a Daniela.

    Is this helpful?

    david said on Jun 29, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    La guerra. Un libro che parla di una forza di pace, sbattuta in mezzo ad una guerra non sua, con protagonisti che alla fine maturano tutti una riflessione simile: cosa ci faccio io qui? cosa posso fare qui? o anche altrove, qual è il mio posto nel pa ...(continue)

    La guerra. Un libro che parla di una forza di pace, sbattuta in mezzo ad una guerra non sua, con protagonisti che alla fine maturano tutti una riflessione simile: cosa ci faccio io qui? cosa posso fare qui? o anche altrove, qual è il mio posto nel palcoscenico della vita' qual è la formula della Vita? INSHALLAH.
    Mirabile inno alla Vita in mezzo all'insensatezza della Guerra. Oriana Fallaci ha contezza di quello che scrive e riesce a rendere l'atmosfera di Beirut come se ci si trovasse lì, ma potrebbe essere Damasco, Tripoli, Il Cairo, Caracas. I posti dove c'è la guerra sono tutti uguali.

    Is this helpful?

    Costa said on Jun 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    «Cara, per raccontare gli uomini, questi bizzarri animali che fanno ridere e piangere assieme, bastano due sentimenti che in fondo sono due ragionamenti: la pietà e l’ironia. In parole diverse, basta avere il sorriso sulle labbra e le lacrime agl ...(continue)

    «Cara, per raccontare gli uomini, questi bizzarri animali che fanno ridere e piangere assieme, bastano due sentimenti che in fondo sono due ragionamenti: la pietà e l’ironia. In parole diverse, basta avere il sorriso sulle labbra e le lacrime agli occhi.»

    (Atto primo, Lettera del Professore alla moglie)

    Is this helpful?

    Sunflower said on Jun 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful


    Libro molto bello, uno spaccato di un contingente militare all'estero. Letto mentre sono in missione in Libano... ha un gusto particolare. Lascia comunque, sempre, l'amaro in bocca il modo come gli italiani cercano di trattare tutte le cose... all' ...(continue)


    Libro molto bello, uno spaccato di un contingente militare all'estero. Letto mentre sono in missione in Libano... ha un gusto particolare. Lascia comunque, sempre, l'amaro in bocca il modo come gli italiani cercano di trattare tutte le cose... all' "italiana"... ma il libro in se e la scrittura della fallaci è molto forte e scorrevole.. un' epopea... bello.

    Is this helpful?

    Roberto Galbiati said on Jun 3, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book