Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Inside out

La prima autobiografia dei Pink Floyd

Di

Editore: Rizzoli

4.4
(142)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 359 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8817005584 | Isbn-13: 9788817005586 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Art, Architecture & Photography , Musica , Da consultazione

Ti piace Inside out?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
I Pink Floyd sono uno dei gruppi più creativi, longevi e di successo di tuttala storia del rock. Questo libro ne ricostruisce la vicenda, raccontatadirettamente da un membro della band. Nick Mason è l'unico Pink Floyd ad avereattraversato l'intera storia del gruppo, e dalla sua postazione di batteristaha visto svilupparsi le diverse fasi: gli inizi, sulla scena undergroundlondinese degli anni Sessanta, la crisi e l'abbandono di Syd Barrett, larinascita e lo sviluppo di quello che oggi viene considerato il classico "PinkFloyd sound", il successo di The Dark Side of The Moon. E ancora: lo stressdella celebrità, i crescenti problemi all'interno del gruppo e la frattura conRoger Waters.
Ordina per
  • 4

    Inside Out racconta il lungo percorso dei Pink Floyd dalle origini fino al 2005, anno della storica riunione all’evento benefico Live 8, organizzato da Bob Geldof. È un opera monumentale anche in edizione economica, per il grande formato, per numero di pagine, per la qualità della carta in robu ...continua

    Inside Out racconta il lungo percorso dei Pink Floyd dalle origini fino al 2005, anno della storica riunione all’evento benefico Live 8, organizzato da Bob Geldof. È un opera monumentale anche in edizione economica, per il grande formato, per numero di pagine, per la qualità della carta in robusta patinata lucida e per il denso apparato fotografico, in parte inedito, proveniente dall’archivio privato dell’autore.
    Nick Mason, batterista della storica band, scrive con garbo, misura e un'ironia tutta inglese, offrendoci un inedito punto di vista interno alle vicende narrate, ricche di aneddoti e informazioni di prima mano. Il rapporto qualità/prezzo è eccezionale. Consiglio di leggerlo ascoltando cronologicamente la discografia del gruppo, un vero e proprio viaggio nel tempo e nello spazio.

    ha scritto il 

  • 4

    Se amate i Pink Floyd non potete non averlo

    Assolutamente un must have per chi ama la più grande band della musica moderna. Racconta a viva voce (o viva scrittura che dir si voglia) il componente della band più equilibrato, Nick Mason, la storia dei Pink Floyd dalla nascita alla... fine (?), lui che è stato l'unico a passare indenne attrav ...continua

    Assolutamente un must have per chi ama la più grande band della musica moderna. Racconta a viva voce (o viva scrittura che dir si voglia) il componente della band più equilibrato, Nick Mason, la storia dei Pink Floyd dalla nascita alla... fine (?), lui che è stato l'unico a passare indenne attraverso tutte le fasi della carriera del gruppo. Come se non bastasse una autobiografia leggera ma densa di informazioni, onesta e quant'altro, non mancano immagini e fotografie uniche. Se poi lo ascoltate con in sottofondo l'album periodicamente relativo al periodo che state leggendo, allora è orgasmo.

    ha scritto il 

  • 5

    ...Mason una sorpresa piacevole. Mai sopra le righe, con un rispetto per tutti i protagonisti anche del lontanissimo passato della band che gli rende merito...Alla fine forse il più equilibrato del gruppo e non perchè il suo ruolo di batterista progressive fosse meno importante del tipico batteri ...continua

    ...Mason una sorpresa piacevole. Mai sopra le righe, con un rispetto per tutti i protagonisti anche del lontanissimo passato della band che gli rende merito...Alla fine forse il più equilibrato del gruppo e non perchè il suo ruolo di batterista progressive fosse meno importante del tipico batterista rock ( penso al mitico "Bonzo" Bonham ), ma perchè è riuscito a mantenere l'equidistanza con David e Roger due tra le personalità più forti del periodo...il mio primo LP grazie ad un cugino fu Wish you were here, avevo 10 anni ....fu un colpo di fulmine...il giudizio forse risente anche di questo "primo amore"...

    ha scritto il 

  • 3

    Lettura interessante ovviamente solo per fans. La traduzione non mi piace granché, a dire il vero. Non ho letto l'inglese, ma se non è lo stile della traduzione a essere a volte zoppicante e artefatto, allora lo è l'originale. Un sacco di informazioni "dall'interno" chiaramente, visto che è scrit ...continua

    Lettura interessante ovviamente solo per fans. La traduzione non mi piace granché, a dire il vero. Non ho letto l'inglese, ma se non è lo stile della traduzione a essere a volte zoppicante e artefatto, allora lo è l'originale. Un sacco di informazioni "dall'interno" chiaramente, visto che è scritto da un membro della band. Belle foto. E ho scoperto che Mason aveva (non so se l'ha ancora, ma considerata la sua passione per le auto spero proprio di sì) una Ferrari 250 GTO del '62!

    ha scritto il 

  • 5

    una mega biografia di un super gruppo raccontata dall'adolescenza ai problemi seguenti,in tutte le sfumature che può darne chi l'ha vissuta dall'interno.

    ha scritto il