Internet ci rende stupidi?

Come la rete sta cambiando il nostro cervello

Voto medio di 253
| 29 contributi totali di cui 19 recensioni , 10 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Mentre usiamo a piene mani i vantaggi della Rete, stiamo forse sacrificando la nostra capacità di pensare in modo approfondito? Il lettore troverà qui una delle più avvincenti spiegazioni delle conseguenze intellettuali di Internet che siano mai ...Continua
Ha scritto il 14/05/16
Su un numero dell’Atlantic dell’estate di quasi dieci anni fa apparve un articolo di Nicholas Carr, Is Google making us a stupid?, destinato a ricoprire un posto centrale in qualsiasi discussione contemporanea su ‘internet’, le cui idee sono ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 22/03/15
Le cose stanno così: siamo giunti ad un punto di transizione tra due modalità di pensiero molto diverse; il pensiero lineare e quello reticolare. Come aveva già intuito pienamente Nietzsche, noi cambiamo con gli strumeti che utilizziamo.A ...Continua
  • 3 mi piace
Ha scritto il 02/12/14
Internet ci rende stupidi? Sì, ma questo non è una sorpresa, è ovvio a chiunque abbia un briciolo di autocoscienza e abbia vissuto un'infanzia analogia prima di passare a un'adolescenza virtuale. La cosa interessante del libro è che ci spiega ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 03/03/14
Stiamo facendo entrare la frenesia nella nostra anima
Ovvero: la Rete come tecnologia della distrazione e della dimenticanza.Nel nostro cervello esiste una parte che si chiama ippocampo, la quale ha varie funzioni: una delle più rilevanti sta nel portare a consolidamento la memoria, ovvero nel ...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 19/09/13
Ovviamente. Scherzi a parte, ho trovato questo saggio di Carr agghiacciante per la sua attualità e per la sua attinenza con le mie esperienze personali (e meno male che il social più social che uso è aNobii). Drogati di Internet lo siamo un po' ...Continua
  • 2 mi piace

Ha scritto il Dec 18, 2013, 21:42
La mia concentrazione comincia a scemare dopo una o due pagine. Divento irrequieto, perdo il filo, comincio a cercare qualcos'altro da fare. Mi sembra sempre di dover ricondurre al testo il mio cervello ribelle. L'immersione profonda che prima mi ...Continua
Pag. 19
Ha scritto il Dec 18, 2013, 21:39
Quello che sia gli entusiasti sia gli scettici trascurano è ciò che per McLuhan era evidente, e cioè che nel lungo periodo il contenuto di un medium ha molta meno importanza del medium stesso nell'influenzare il modo in cui pensiamo e agiamo. In ...Continua
Pag. 17
Ha scritto il Dec 18, 2013, 21:34
Gli entusiasti, con buone ragioni, elogiano la fiumana di nuovi contenuti che la tecnologia fa circolare, considerando questo un segnale di "democratizzazione" della cultura. Gli scettici, con altrettante buone ragioni, condannano la grossolanità ...Continua
Pag. 16
Ha scritto il Jul 09, 2011, 13:34
Ricerche recenti sugli effetti neurologici della lettura approfondita hanno fornito un valore scientifico alle liriche di Stevens. In uno studio appassionante, condotto al Dynamic Cognition Laboratory della Washington University e pubblicato sulla ...Continua
Pag. 96
Ha scritto il Jul 02, 2011, 12:14
"Hai ragione", replico Nietzche. "I nostri strumenti di scrittura hanno un ruolo nella formazione dei nostri pensieri".
Pag. 35

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi