Intimes Tagebuch der Sally Mara.

By

Verleger: Wagenbach

3.8
(1152)

Language: Deutsch | Number of Seiten: 236 | Format: Paperback | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) Italian

Isbn-10: 3803123941 | Isbn-13: 9783803123947 | Publish date: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Do you like Intimes Tagebuch der Sally Mara. ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 3

    Piccola anima (immortale)! xD

    Siete tristi? Siete depressi e sconsolati? Ormai avete dimenticato l'ultima volta che qualcosa vi ha fatto sinceramente divertire?
    Per questi casi e per quelli decisamente meno gravi il consiglio è qu ...weiter

    Siete tristi? Siete depressi e sconsolati? Ormai avete dimenticato l'ultima volta che qualcosa vi ha fatto sinceramente divertire?
    Per questi casi e per quelli decisamente meno gravi il consiglio è quello di procurarsi al più presto questo delizioso libriccino di Raymond Queneau.
    Quante risate durante la lettura! Si tratta di un libro- diario così breve che davvero non voglio dire nulla riguardo alla trama per non rovinare la lettura a chi vorrà intraprenderla.
    Preciso, comunque, che ho trovato il ritmo della storia non sempre incalzante e coinvolgente ( ma sono circa 160 pagine e glielo si perdona!). Il diario risulta diviso in due parti: una prima, spassosissima, durante la quale la diciottenne Sally Mara risulta ancora inesperta riguardo al sesso e all'amore e quindi dà vita ad una serie di siparietti comici dovuti non solo alle situazioni vere e proprie ma anche ad una serie di strafalcioni linguistici che rendono la voce narrante irresistibile. In questa prima parte largo spazio occupano anche i personaggi di contorno che, lasciatemelo dire, per un libro così breve sono tratteggiati in maniera davvero superba e divertente: sono personaggi spiritosi ed assurdi almeno quanto la protagonista e le loro manie e i loro comportamenti assurdi vi faranno sghignazzare non poco. C'è un forte senso del "nonsense" ( scusate il gioco di parole) in questa prima parte e la narrazione scorre veramente bene e tiene incollato il lettore alle pagine. Il merito, a parer mio, è assolutamente della candida malizia di Sally che si emoziona e vergogna nel pronunciare parole quali "nunziale" ma poi riempie le sue elucubrazioni mentali di parolacce inaspettate di cui non conosce nemmeno bene il senso.
    Dalla scoperta del sesso in poi, purtroppo, Sally cambia un po' e lo si avverte come personaggio più sbiadito: il senso dell'humor si smorza grandemente e, mentre si prosegue verso un epilogo fin troppo arrangiato, ci sembra che la ragazza dell'inizio non sia più quella della fine.
    D'altronde, è probabile che questo effetto sia stato ricercato apposta da Queneau per lasciare un qualche messaggio nascosto all'interno di quello che sembra solo un piccolo grande divertessement.
    Comunque sia è un libro che consiglio! Si legge in un soffio e mette di buon umore.

    gesagt am 

  • 3

    che Vasco abbia letto questo libro e poi scritto la sua canzone?

    ciò che mi aspettavo era qualcosa di adolescenziale, goffo, candido, buffo, innocente e sconclusionato...in un certo senso l'inizio del libro ha avuto per un breve tratto queste caratteristiche. Poi p ...weiter

    ciò che mi aspettavo era qualcosa di adolescenziale, goffo, candido, buffo, innocente e sconclusionato...in un certo senso l'inizio del libro ha avuto per un breve tratto queste caratteristiche. Poi però, quasi come se da una pagina all'altra l'autore avesse subito un elettroshock o qualche anfetamina, diciamo che diventa tutto accelerato verso una morbosità carnale che trovo un po' fuori luogo.
    Col procedere del diario tutto prende una vena paradossale che culmina nel finale che con l'avanzare si fa sempre più grottesco e surreale (che il il delirio causato da un blocco digestivo dello scrittore?).
    Per fortuna lo stile resta sempre leggero e spassoso...

    gesagt am 

  • 2

    Certo non è un libro pregno di significato; il che non sarebbe un problema, se fosse davvero comico. La lettura è rapida e scorrevole, e certo non si rischia la noia; ma si tratta, in fondo, di ben po ...weiter

    Certo non è un libro pregno di significato; il che non sarebbe un problema, se fosse davvero comico. La lettura è rapida e scorrevole, e certo non si rischia la noia; ma si tratta, in fondo, di ben poca roba. La speranza è che in lingua originale renda assai più, e che stia proprio nel particolare francese appena appreso dalla giovane Sally la particolarità del Diario.

    gesagt am 

  • 4

    4-*

    Regalo di Natale apprezzatissimo, è delizioso!
    Mi ha solo un po' "deluso" il finale, un po' troppo affrettato rispetto al resto del racconto: avrei preferito più scene con Barnabé e anche un andamento ...weiter

    Regalo di Natale apprezzatissimo, è delizioso!
    Mi ha solo un po' "deluso" il finale, un po' troppo affrettato rispetto al resto del racconto: avrei preferito più scene con Barnabé e anche un andamento della storia differente con Monsieur Presle. Per quanto riguarda il resto, promosso!

    gesagt am 

  • 5

    Geniale!

    Ho potuto constatare, come prima cosa, che determinati oggetti naturali presentano modificazioni di consistenza e di volume infinitamente più veloci di quelle che trasformano un involucro di taffetà i ...weiter

    Ho potuto constatare, come prima cosa, che determinati oggetti naturali presentano modificazioni di consistenza e di volume infinitamente più veloci di quelle che trasformano un involucro di taffetà in un dirigibile. L'esempio non è calzante, perchè riguardo alla consistenza, l'oggetto dei miei attuali studi era infinitamente più rigido di tale superato mezzo di trasporto, intendo dire il pallone. Grazie a una serie di delicate pressioni, ho verificato che tale rigidità era uguale in ogni punto: poi procedendo a una frizione ritmica, ho controllato se non fosse possibile dare un'estensione ancora maggiore all'oggetto che avevo preso in mano allo stadio di cosina da nulla. Malgrado l'impegno, non ho ottenuto nessun risultato apprezzabile, anche se non avevo né metro né compasso per effettuare un controllo.
    Adesso, mi premeva arrivare al secondo punto teorico rimasto in sospeso, benché il contatto dell'oggetto tiepido e morbido che stringevo fosse piuttosto corroborante. Del resto avrei fatto male a spazientirmi, perchè ho sentito un torrente precipitarsi sulla mia mano, zampillare come un geyser e ricadermi sulle dita.Poi ho notato modificazioni di volume e di consistenza, in senso diametralmente opposto a quello che aveva indotto la crisi e ho abbandonato nel suo nido nido pantalonesco la cosina da nulla umida e tremolante.
    Sono passata in seguito all'esame chimico della sostanza che avevo estratto, servendomi naturalmente di metodi di analisi qualitativa assai sommari, vale a dire che mi sono limitata a esaminare l'odore, il sapore, e la fluidità, la solubilità, etc. Malgrado il buio, il colore mi è parso biancastro, pur non trattandosi di latte. Come avevo sospettato, tale prodotto dell'attività umana era radicalmente diverso da tutti quelli che conoscevo, e di natura assolutamente originale. Ho provato una gran gioia nel vedere confermate le mie ipotesi, e ho subito pensato di tentare un nuovo esperimento, riguardante stavolta le possibilità di reviviscenza. Mi sono rimessa dunque al lavoro, ma con mia grande delusione è tornata la luce prima che avessi ottenuto un risultato del tutto soddisfacente. Non appena gli altri si sono alzati, mi sono accorta che P.B., che ci sedeva davanti, era stato schizzato dalle nostre prime ricerche. Abel si è precipitato a pulirgli la schiena con il fazzoletto. B. si è girato furente e ha protestato: "Che le prende?". Mi sono messa a ridere come una sciocca.

    gesagt am 

  • 3

    Sally ha 18 anni, nel 1934 e vive a Dublino con la madre un po' tarda, il fratello maggiore Joel, sempre ubriaco e la sorella Mary, aspirante signorina delle Poste.
    Il padre se n'è andato da anni, co ...weiter

    Sally ha 18 anni, nel 1934 e vive a Dublino con la madre un po' tarda, il fratello maggiore Joel, sempre ubriaco e la sorella Mary, aspirante signorina delle Poste.
    Il padre se n'è andato da anni, con la scusa di andare a prendere una scatola di fiammiferi.
    La tragedia avviene il giorno in cui il suo insegnate di francese, Monsieur Presle, parte per tornare in Francia e Sally, segnata dal distacco inizia a scrivere un diario intimo in francese, lingua madre del suo amato professore, citando proverbi e detti da lui insegnati.
    Sally ha 18 anni, è vero, ma non sa nulla dei rapporti tra uomo e donna, comincia a scoprirli osservando in maniera buffa l'anatomia delle statue al museo (che ancora portano mutande o foglie di fico posticce), gli incontri scontri amorosi dei cani e dei piccoli animali della fattoria dello zio Mc Coullogh...e si ritrova in situazioni molto scabrose al limite dell'inverosimile a cui non riesce mai a dare la giusta interpretazione.
    Intanto, studia gaelico dal poeta Patraic Baohgal con l'intento di scrivere, un giorno, un romanzo in questa lingua che probabilmente si intitolerà "le donne sono sempre troppo buone con gli uomini" (divertente contrario del libro scritto veramente da Queneau "troppo buoni con le donne").
    Nel bel mezzo di tutte queste esplorazioni "sensoriali" e "sessuali" ci sono tutte le peripezie della famiglia al completo, compreso il ritorno del padre che ucciderà e “vampirizzerà” la domestica dando finalmente un po’ di notorietà alla famiglia e Sally diventerà,così, la figlia del vampiro di Dublino…
    Tutto l'intreccio è raccontato con stile arguto e divertente e le situazione più scabrose, che in altri contesti lascerebbero molto perplessi, qui, in questa trama strampalata e sempre in evoluzione, sono parte integrante della storia.
    Confesso, dalle recensioni mi aspettavo di ridere di più, invece in alcuni punti sbadigliavo, temo di essermi persa qualcosa...Sally simpatica ma quella strana ingenuità a volte mi stancava, non so se è perché il libro è ambientato in un contesto o in un epoca in cui forse non mi sono del tutto immedesimata…

    Mamma "Certo che ne hai impiegato di tempo per trovare una scatola di fiammiferi!"
    Papà " I fiammiferi li ho trovati subito, il difficile è stato trovare la scatola!".

    gesagt am 

  • 4

    Continuo ad affermare che Queneau è un genio! Sono veramente spiacente di non essere in grado di leggere bene il francese perchè credo che la lettura dei suoi romanzi in lingua originale sia una merav ...weiter

    Continuo ad affermare che Queneau è un genio! Sono veramente spiacente di non essere in grado di leggere bene il francese perchè credo che la lettura dei suoi romanzi in lingua originale sia una meraviglia!
    In questo libro vengono affrontate con un'ironia sottile e intelligente (che fa ampio uso di fraintendimenti linguistici e della sconcertante ingenuità della giovane protagonista degli anni Trenta) tematiche relative all'educazione sentimentale e sessuale di un'adolescente e alle dinamiche di una famiglia un po' sgangherata. Un romanzo da leggere d'un fiato..possibilmente non in luogo pubblico..se non volete che vi vedano ridere da soli sfogliando le pagine di un libro...

    gesagt am 

  • 5

    SALLY MARA sei il mio mito !

    Ho scoperto questo libro per caso; la copertina mi piaceva molto, costava poco e la trama sembrava carina. Dato che avevo voglia di qualcosa di non troppo impegnativo da leggermi in treno l'ho preso e ...weiter

    Ho scoperto questo libro per caso; la copertina mi piaceva molto, costava poco e la trama sembrava carina. Dato che avevo voglia di qualcosa di non troppo impegnativo da leggermi in treno l'ho preso e cominciato immediatamente, senza pretese.
    Oggi, dopo tre giorni, l'ho finito.
    ho trovato questo libro, nella sua semplicità, assolutamente fantastico!
    Spiritoso,un po' grottesco, un po' surreale, irriverente, vivace e molto molto divertente.

    gesagt am 

Sorting by