Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Intrigo a Highbury

o: Gli equivoci amorosi di Emma

Di

Editore: TEA

3.7
(123)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 320 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8850224060 | Isbn-13: 9788850224067 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Alessandro Zabini

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Intrigo a Highbury?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Lungo una strada buia nei pressi del villaggio di Highbury, la carrozza su cui viaggiano Mr. e Mrs. Darcy viene fermata da una damigella ferita. E da gentiluomo qual è, Darcy si ferma per soccorrerla, non sospettando che quei boschi sono infestati dagli zingari e che quell'imprudenza li metterà in serio pericolo. Nel frattempo, a Highbury, nel corso di una sontuosa festa organizzata dal ministro della parrocchia, Mr. Knightley, e dalla moglie Emma, in onore di una coppia di novelli sposi, Edgar Churchill, zio dello sposo, si sente male, e poco dopo muore, ucciso da un veleno. Due eventi apparentemente indipendenti uno dall'altro, tuttavia sospetti. Tanto più che un altro decesso inspiegabile aveva recentemente colpito la famiglia Churchill. Così, quando diventa chiaro che l'assalto degli zingari e la morte di Mr. Churchill sono correlati, e altre minacce si addensano sulla gente del villaggio, Darcy e Mr. Knightley decidono di unire le forze e indagare sui due crimini. Ma il tempo stringe, perché l'assassino sta per colpire di nuovo...
Ordina per
  • 3

    Non saprei dire perchè ma questo libro mi ha davvero annoiato a dismisura e ho fatto una fatica immane a finirlo. La cosa mi sorprende, perchè leggendo le recensioni molti lo hanno definito il migliore della Bebris, ma sinceramente a me pare il peggiore. Non ci sono colpi di scena, non c'è nulla ...continua

    Non saprei dire perchè ma questo libro mi ha davvero annoiato a dismisura e ho fatto una fatica immane a finirlo. La cosa mi sorprende, perchè leggendo le recensioni molti lo hanno definito il migliore della Bebris, ma sinceramente a me pare il peggiore. Non ci sono colpi di scena, non c'è nulla che tenga il lettore incollato alle pagine come succede, invece, con gli altri libri della saga, inoltre la quantità di personaggi tra protagonisti e secondari è davvero esagerata, tanto che ogni tanto mi chiedevo "Ma chi c***o è questo??".
    Speriamo di rifarci con il prossimo!

    ha scritto il 

  • 4

    Lungo una strada buia nei pressi del villaggio di Highbury, la carrozza su cui viaggiano Mr. e Mrs. Darcy viene fermata da una damigella ferita. E da gentiluomo qual è, Darcy si ferma per soccorrerla, non sospettando che quei boschi sono infestati dagli zingari e che quell’imprudenza li metterà i ...continua

    Lungo una strada buia nei pressi del villaggio di Highbury, la carrozza su cui viaggiano Mr. e Mrs. Darcy viene fermata da una damigella ferita. E da gentiluomo qual è, Darcy si ferma per soccorrerla, non sospettando che quei boschi sono infestati dagli zingari e che quell’imprudenza li metterà in serio pericolo. Nel frattempo, a Highbury, nel corso di una sontuosa festa organizzata dal ministro della parrocchia Mr. Knightley e dalla moglie Emma, in onore di una coppia di novelli sposi, Edgar Churchill, zio dello sposo, si sente male, e poco dopo muore, ucciso da un veleno. Due eventi apparentemente indipendenti l'uno dall’altro, tuttavia sospetti. Tanto più che un altro decesso inspiegabile aveva recentemente colpito la famiglia Churchill. Così, quando diventa chiaro che l’assalto degli zingari e la morte di Mr. Churchill sono correlati, e altre minacce si addensano sulla gente del villaggio, Darcy e Mr. Knightley decidono di unire le forze e indagare sui due crimini. Ma il tempo stringe, perché l’assassino sta per colpire di nuovo...

    ha scritto il 

  • 4

    Sempre frivola e deliziosa Mrs Knightley!

    Amici di anobii, conoscete la mia predilezione per quest'autrice di gialli che hanno per protagonisti i coniugi Darcy, i quali, sempre innamoratissimi, "attraversano" idealmente gli alti romanzi della Austen, incrociando il cammino di altre celebri coppie, tutto sullo sfondo di un'Inghilterra reg ...continua

    Amici di anobii, conoscete la mia predilezione per quest'autrice di gialli che hanno per protagonisti i coniugi Darcy, i quali, sempre innamoratissimi, "attraversano" idealmente gli alti romanzi della Austen, incrociando il cammino di altre celebri coppie, tutto sullo sfondo di un'Inghilterra regency assolutamente deliziosa!
    Questa volta i due sposi dovranno aiutare il marito di Emma, Mr. Knightley, in una spinosa indagine con parecchie morti sospette, tentativi di avvelenamenti frequenti, corvi ammaestrati e zingare affascinanti. E ovviamente le indagini questa volta scorreranno parallele alle trame della mitica Emma Woodhouse, che sembra non aver perso il vizio di voler combinare matrimoni a tutti i costi, nonostante le occhiate esasperate del povero marito, che pur avendola resa più prudente ed assennata con il suo amore i suoi consigli, non è riuscito però a farle perdere del tutto la sua dipendenza da wedding planner incallita.
    Sempre rigorosa nelle sue ricostruzioni storiche la Bebris c'incanta con un altro giallo d'ottima fattura e di gran classe.
    Da leggere sorseggiando un thé che sarà opportuno prepararsi da soli. Si eviteranno spiacevoli sorprese.

    ha scritto il 

  • 4

    5° della serie

    Di tutti i sequel, prequel e spin off dai romanzi della Austen... devo dire che questi sono i migliori! I personaggi sono perfettamente ricreati ed è davvero piacevole immergersi per qualche ora nel bel mondo di Pemberley! Anche il piccolo giallo da risolvere è ben costruito... 4 stelle meritate< ...continua

    Di tutti i sequel, prequel e spin off dai romanzi della Austen... devo dire che questi sono i migliori! I personaggi sono perfettamente ricreati ed è davvero piacevole immergersi per qualche ora nel bel mondo di Pemberley! Anche il piccolo giallo da risolvere è ben costruito... 4 stelle meritate

    ha scritto il 

  • 3

    Girala come vuoi, è sempre cucuzza.

    I proverbi antichi,specialmente quelli siciliani,difficilmente sbagliano.
    In questo libro avvengono due eventi da me auspicati:
    la conoscenza approfondita,e non superficiale come nei libri precedenti,tra i protagonisti Austeniani del caso ossia tra i coniugi Darcy e i coniugi Knightle ...continua

    I proverbi antichi,specialmente quelli siciliani,difficilmente sbagliano.
    In questo libro avvengono due eventi da me auspicati:
    la conoscenza approfondita,e non superficiale come nei libri precedenti,tra i protagonisti Austeniani del caso ossia tra i coniugi Darcy e i coniugi Knightley e,finalmente,l'assenza di Lady Catherine de Bourgh,la quale, a mio avviso, si era vista un pò troppo.
    Per il resto,nonostante abbia apprezzato molto l'abbandono dell'elemento paranormale da parte della Bebris, la storia è alquanto ripetitiva e ti sorprendi a sperare che finisca presto.
    Inoltre vogliamo forse parlare della povera miss Bates?
    La poverina viene trattata indegnamente sia da Mrs Knightley alias miss Woodhouse,sia da Mrs Elton.
    Capisco che la poverina sia un po' troppo chiacchierona però deve pur averla una valvola di sfogo a una vita come la sua no?
    Inoltre credo che l'allusione nell'ultimo paragrafo a Persuasion sia del tutto inutile. Ci si poteva benissimo arrivare con la logica al fatto che ci sarebbe stata una prossima conoscenza tra i Darcy e gli Wentworth.

    Stavolta mi appello a voi,carissima miss Austen:
    zia Jane,ispiri la signora Bebris affinché non faccia scempio della vostra ultima opera.
    Ripetere ad libitum.

    ha scritto il 

  • 3

    E' la seconda opportunità che do a questa serie... ma niente, non fa per me: Elizabeth e Darcy in versione investigatori proprio non riescono a interessarmi. Sarà che i gialli (o pseudo tali) mi hanno sempre annoiata! Bella l'idea di fare incontrare le "coppie austeniane", peccato che passino il ...continua

    E' la seconda opportunità che do a questa serie... ma niente, non fa per me: Elizabeth e Darcy in versione investigatori proprio non riescono a interessarmi. Sarà che i gialli (o pseudo tali) mi hanno sempre annoiata! Bella l'idea di fare incontrare le "coppie austeniane", peccato che passino il tempo a parlare solo e continuamente di chi ha ucciso chi e perchè. Ho apprezzato il fatto che l'autrice abbia perlomeno abbandonato la componente mistery dei primi libri, ma a parte ciò non vedevo l'ora di finirlo. No non fa per me!

    ha scritto il 

  • 4

    D-E-L-I-Z--O-S-O. Come tutti i romanzi della Bebris, non si pò che definire così. Lascia la stessa sensazione di una tazza di tè fumante con una fetta di torta al limone quando fuori piove. Un balsamo, una coccola, un vizio che fa solo bene.
    Ritrovare i coniugi Darcy è sempre una gioia, le ...continua

    D-E-L-I-Z--O-S-O. Come tutti i romanzi della Bebris, non si pò che definire così. Lascia la stessa sensazione di una tazza di tè fumante con una fetta di torta al limone quando fuori piove. Un balsamo, una coccola, un vizio che fa solo bene.
    Ritrovare i coniugi Darcy è sempre una gioia, le ambientazioni e i dialoghi sono credibili e accurati come ogni volta, e l'incontro con Emma e consorte non poteva che essere da fuochi d'artificio.
    Consigliato davvero a chi ama Jane Austen ma nn ha paura di "rivisitare" il mito.

    ha scritto il