Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Introduzione alla Divina Commedia

Di

Editore: Marsilio (I Nodi)

4.3
(4)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 157 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 883171189X | Isbn-13: 9788831711890 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Textbook

Ti piace Introduzione alla Divina Commedia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La Commedia di Dante parla di «Everyman» (Pound), di ciascuno di noi. Parte cospicua dei suoi versi si è fatta proverbio, detto morale o sentenza, come se ci rifugiassimo nella Commedia per dar linfa ai nostri giudizi: «perdere il ben de l’intelletto», «sanza ’nfamia e sanza lodo», «ma guarda e passa», «mi fa tremar le vene e i polsi», «lasciate ogne speranza, voi ch’entrate». La Commedia è commedia: è il poema più dialogico di tutta la nostra letteratura; sfilano comparse, protagonisti; come a teatro ci sono dialoghi e monologhi, duetti serrati; un’architettura di mondi, luoghi visti, immaginati, letti, percorsi nell’esilio o nei libri. Per leggere Dante oggi, è necessario continuare ad avere la sua sete d’essenziale, il suo anelito a varcare il relativo per porre i suoi versi come sigillo e fondamento di una parola detta per sempre. Nel suo essere “testimone contro il tempo” Dante, nel Novecento, è stato meglio interpretato e compreso da autori come Pound, Eliot, Mandel’štam, Beckett e Borges che dai critici stessi. E ancora, nel xxi secolo, il suo poema è in futurum.
Ordina per
  • 4

    Scritto breve ma intenso, privo dei tecnicismi sullo studio della poesia che tengono lontani dalla lettura i profani. Che le tre cantiche siano comprese meglio ora che nei secoli passati probabilmente ...continua

    Scritto breve ma intenso, privo dei tecnicismi sullo studio della poesia che tengono lontani dalla lettura i profani. Che le tre cantiche siano comprese meglio ora che nei secoli passati probabilmente è vero, come pure il fatto che le abbiano capite meglio i poeti degli specialisti.

    ha scritto il 

  • 4

    Grande attenzione da parte dell'autore ai contributi critici, spesso creativi, dei poeti lettori di Dante, e quindi ai Borges, ai Pound, e grande attenzione alle risonanze poetiche del testo. Con un o ...continua

    Grande attenzione da parte dell'autore ai contributi critici, spesso creativi, dei poeti lettori di Dante, e quindi ai Borges, ai Pound, e grande attenzione alle risonanze poetiche del testo. Con un occhio particolare alla meno popolare delle cantiche, il Paradiso.
    Quindi una lettura piacevole, senza appesantimenti filologici, una lettura che stimola a rileggere l'opera.

    ha scritto il