Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Introduzione alla vera storia del cinema

Di

4.3
(17)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 280 | Formato: Altri

Isbn-10: 8895563719 | Isbn-13: 9788895563718 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico

Ti piace Introduzione alla vera storia del cinema?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Un testo interessante e stimolante

    Il libro è interessante e stimolante. I film di ciascun capitolo sono solo uno spunto per ampi ragionamenti "a briglie sciolte" sul cinema, e dunque su tutto ciò che vi gira intorno: regia, montaggio, recitazione, sceneggiatura, uso tecnico degli strumenti, etc. Ma questi discorsi, che poi altro ...continua

    Il libro è interessante e stimolante. I film di ciascun capitolo sono solo uno spunto per ampi ragionamenti "a briglie sciolte" sul cinema, e dunque su tutto ciò che vi gira intorno: regia, montaggio, recitazione, sceneggiatura, uso tecnico degli strumenti, etc. Ma questi discorsi, che poi altro non sono che la trascrizione di alcune lezioni tenute dal regista a Montreal, rappresentano in fondo una vera e propria narrazione del proprio modo di intendere la vita.

    ha scritto il 

  • 4

    Je vous salue Godard. Occhi apertichiusi. Gusto per la contraddizione. Sollecitare domande senza risposta. Montaggio per accostamento. Evitare i divieti. Fare quel che si vuole a partire da quel che si può. Distruzione degli insegnamenti. Tornare a zero per ri-costruire con la propria cifra stili ...continua

    Je vous salue Godard. Occhi apertichiusi. Gusto per la contraddizione. Sollecitare domande senza risposta. Montaggio per accostamento. Evitare i divieti. Fare quel che si vuole a partire da quel che si può. Distruzione degli insegnamenti. Tornare a zero per ri-costruire con la propria cifra stilistica. Ma anche una sorta di autobiografia per immagini, rimandi e suoni, tratta dai suoi interventi a Montreal nel '78.

    ha scritto il