Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Invisible

By

3.9
(1448)

Language:Français | Number of pages: 293 | Format: Others | En langues différentes: (langues différentes) English , Spanish , Portuguese , Dutch , German , Turkish , Swedish , Italian , Chi traditional

Isbn-10: 2742789200 | Isbn-13: 9782742789207 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Mass Market Paperback

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Aimez-vous Invisible ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Superbe variation sur "l'ère du soupçon", Invisible explore, sur plus detrois décennies, les méandres psychiques de protagonistes immergés dans des ...
Sorting by
  • 5

    Sorprendente!

    Invisibile è un libro molto particolare, letterariamente complesso, che mi ha catturato subito. Auster ha una tecnica narrativa perfetta ed è bravissimo a mantenere piani narrativi in continuo cambiamento.


    "Scrivendo su di me in terza persona, mi sono soffocato e reso invisibile me stesso ...continuer

    Invisibile è un libro molto particolare, letterariamente complesso, che mi ha catturato subito. Auster ha una tecnica narrativa perfetta ed è bravissimo a mantenere piani narrativi in continuo cambiamento.

    "Scrivendo su di me in terza persona, mi sono soffocato e reso invisibile me stesso, rendendo impossibile trovare la cosa che stavo cercando".

    Il romanzo è costituito da varie parti che svelano a poco a poco la trama costringendoci ad analizzarla vedendola da angolazioni diverse.

    Il protagonista di Invisibile è Adam Walker. Che decide di passare la vita nell’ombra (invisibile) a causa della perdita di stima in sé stesso. Ma tutta la verità nella storia è invisibile. I ricordi di Adam sono affidabili? Un incesto è stato consumato con estrema passione e soddisfazione? L’uomo che vede uccidere un ragazzo era colpevole o una vittima del caso?
    Pagina dopo pagina il confine tra verità e finzione, buoni e cattivi, diventa sempre più sfumato.
    Il desiderio di scoprire come va a finire ci spinge a voler arrivare alla fine al più presto per scoprire... che non c’è nulla da scoprire, perché tutte le domande rimangono senza soluzione.

    “…negli avvenimenti reali le probabilità non contano, e l'improbabilità che una cosa succeda non vuol dire che non succederà."

    Invisibile è un capolavoro dal punto di vista della struttura: ogni parte viene negata o modificata dalla successiva e gli epiloghi smentiscono la storia alla quale avevamo creduto. Auster è bravissimo a rappresentare i suoi personaggi nelle diverse età della vita, ponendo domande sul senso di colpa, sul tradimento, l'invecchiamento e la morte.

    Geniale, interessante, superbo, ambiguo e ossessivo. Una bellissima lezione di scrittura.

    dit le 

  • 5

    Ancora sotto l'effetto della lettura... molto avvicente, costruito in una maniera perfetta.


    Il romanzo prende il lettore e lo trascina in un vortice di cambi di scena, di cambi di punti di vista, di cambi di stile narrativo, e il lettore, almeno a me è capitato così, immedesimato e coinv ...continuer

    Ancora sotto l'effetto della lettura... molto avvicente, costruito in una maniera perfetta.

    Il romanzo prende il lettore e lo trascina in un vortice di cambi di scena, di cambi di punti di vista, di cambi di stile narrativo, e il lettore, almeno a me è capitato così, immedesimato e coinvolto "beve", segue, a volte perplesso, a volte smarrito, le vicende in cui viene calato da Auster.

    Il romanzo è difficile da riassumere, e non lo voglio neppure riassumere, troppo è il gusto della lettura, e per fortuna, in questo caso, la quarta di copertina non fa neanche lontanamente pensare a quello che in effetti sarà lo sviluppo della trama.

    Il romanzo ti lascia assolutamente privo di certezze, potrebbe essere accaduto tutto quanto narrato o essere accaduto solo nella testa, nella fantasia del protagonista, perchè "il piu' delle volte è meglio che quanto smuove la fantasia resti nella fantasia" [..] e "la distanza fra pensiero e realtà può essere immensa, un abisso grande come il mondo intero"

    Cosa è invisibile, quindi?

    Ciò che sta nel posto sbagliato.
    ["Metti qualcosa nel posto sbagliato e anche se è ancora lì - molto probabilmente sotto il tuo naso - può sparire per tutto il tempo rimanente"]
    La vita delle persone.
    La verità.
    Le pulsioni.
    Il pensiero senza le parole che gli danno forma.
    ["...non è affascinate che il pensiero non possa esistere senza il linguaggio, e poichè il linguaggio è una funzione del cervello, dovremmo dire che il linguaggio stesso, sia in un certo senso una capacità fisica degli esseri umani[..]. Mente e corpo sono tutt'uno"]

    Un romanzo sul ricordo.
    Da leggere. Assolutamente. Pronti a tutto, però!

    Dimenticavo: copertina meravigliosa, pure!

    dit le 

  • 5

    Un unico...

    ...incontro, un incontro casuale che poteva anche non realizzarsi cambia completamente la vita di un giovane aspirante poeta. Il suo è un destino che non si compierà mai, un incontro che per le sue conseguenze e per le sue qualità ha la ineluttabilità di una tragedia greca, un romanzo magistrale ...continuer

    ...incontro, un incontro casuale che poteva anche non realizzarsi cambia completamente la vita di un giovane aspirante poeta. Il suo è un destino che non si compierà mai, un incontro che per le sue conseguenze e per le sue qualità ha la ineluttabilità di una tragedia greca, un romanzo magistrale a cui nessun riassunto può davvero rendere giustizia. La trama è disarmante nella sua semplicità ma Auster la trasforma in un virtuosismo letterario, riesce poi a raccontare temi delicatissimi con una grazia commovente. Meraviglioso.

    dit le 

  • 5

    Romanzo piacevole, mai noioso, già dalle dicotomie iniziali (bianco/nero, vero americano/immigrato, studente/professore etc )
    ci aspira in un vortice sinuoso, ricco di dettagli, di pensieri...entriamo cosi' nel mondo di Auster, un mondo fatto di scatole cinesi, dove il visibile si lega all' ...continuer

    Romanzo piacevole, mai noioso, già dalle dicotomie iniziali (bianco/nero, vero americano/immigrato, studente/professore etc )
    ci aspira in un vortice sinuoso, ricco di dettagli, di pensieri...entriamo cosi' nel mondo di Auster, un mondo fatto di scatole cinesi, dove il visibile si lega all'invisibile, il reale all'irreale, dove i personaggi sono e non sono; un modo di scrivere accativante, in prima, seconda e terza persona, dove la fine equivale all'inizio
    Voto 10/10

    dit le 

  • 5

    Uno dei miei scrittori preferiti e penso uno dei piu' grandi del nostro tempo, Paul Auster anche questa volta non delude, anzi riesce nuovamente ad entusiasmare, commuovere, coinvolgere.Un'abilità disarmante a costuire storie che si intrecciano tra di loro in maniera armoniosa ma che riuscirebber ...continuer

    Uno dei miei scrittori preferiti e penso uno dei piu' grandi del nostro tempo, Paul Auster anche questa volta non delude, anzi riesce nuovamente ad entusiasmare, commuovere, coinvolgere.Un'abilità disarmante a costuire storie che si intrecciano tra di loro in maniera armoniosa ma che riuscirebbero a risultare intriganti anche come racconti assestanti; una capacità incredibile nel descrivere la vita di un ragazzo del 1967 e il suo lato oscuro che ci porta nei meandri piu' nascosti della nostra psiche e i suoi bisogni "primordiali". Il vero punto di forza del romanzo pero', per me, sta nella costruzione dello stesso: Auster passa dalla prima persona al racconto in terza con facilità estrema, piu' che di fronte a delle parole sembra quasi di trovarsi di fronte ad uno spartito musicale!! Romanzo spettacolare!!

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    4

    Bella la storia di questo ragazzo che in punto di morte lascia traccia della sua vita ad un carissimo amico dei tempi dellưniversità (1967). Peró consiglierei uno psicologo specializzato in problemi sessuali a tutto il gruppo dei protagonisti....hanno seri problemi...

    dit le 

Sorting by