Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Involuntary Witness

By

Publisher: Bitter Lemon Press

4.0
(5380)

Language:English | Number of Pages: 340 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) German , Italian , Spanish , Swedish

Isbn-10: 1904738079 | Isbn-13: 9781904738077 | Publish date: 

Translator: Patrick Creagh

Also available as: eBook

Category: Fiction & Literature , Law , Mystery & Thrillers

Do you like Involuntary Witness ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

A nine-year-old boy is found murdered at the bottom of a well near a beach resort in southern Italy. In what looks like a hopeless case for Guido Guerrieri, counsel for the defence, a Senegalese peddler is accused of the crime. More than a perfectly paced legal thriller, this relentless suspense novel transcends the genre. A powerful attack on racism, and a fascinating insight into the Italian judicial process, it is also an affectionate portrait of a deeply humane hero.

Gianrico Carofiglio is an anti-Mafia judge in Italy. This is his first novel, a bestseller in Italy and now the subject of a television series. It has won a number of prizes, including the Marisa Rusconi award.

Sorting by
  • 5

    Piacere di conoscerla, Avvocato...

    TESTIMONE INCONSAPEVOLE - Gianrico Carofiglio
    AD OCCHI CHIUSI - Gianrico Carofiglio
    Avevo letto un paio di romanzi di Carofiglio e non mi aveva deluso.
    Oggi, ne sono ancora più convinto grazie alla piacevole conoscenza di Guido Guerrieri, avvocato barese, quarantenne un po’ sca ...continue

    TESTIMONE INCONSAPEVOLE - Gianrico Carofiglio
    AD OCCHI CHIUSI - Gianrico Carofiglio
    Avevo letto un paio di romanzi di Carofiglio e non mi aveva deluso.
    Oggi, ne sono ancora più convinto grazie alla piacevole conoscenza di Guido Guerrieri, avvocato barese, quarantenne un po’ scanzonato, disincantato, poco sicuro di se e dei suoi mezzi, alla costante ricerca di una personalità bastarda che, probabilmente non troverà mai.
    Carofiglio in questi due romanzi ci trasporta nelle ragnatele della giustizia italiana, in modo semplice e diretto. In “Testimone inconsapevole” difende un ragazzo senegalese accusato di un terribile omicidio, in “Ad occhi chiusi” diventa accusatore in un caso di violenza domestica molto difficile a causa di contrasti con un noto ed importante personaggio della corte suprema.
    Colonna sonora bellissima grazie alle citazioni musicali e sfondo da favola grazie ad una Bari che personalmente adoro e che è resa ancora più bella grazie alle sue descrizioni.
    Ringrazio la cara amica Linda per avermi presentato e regalato l’avvocato Guerrieri.
    Cinque palle al primo e quattro al secondo.

    said on 

  • 5

    4,5 stelle

    Ero indeciso se dare 4 o 5 stelle, ma alla fine sono stato generoso. Bel libro, trama non originalissima, prende molti spunti qua e là, ma la storia a contorno, oltre a essere molto italiana, l'ho trovata molto "sincera" (non mi viene un termine migliore). Lo stile usato e il modo di narrare gli ...continue

    Ero indeciso se dare 4 o 5 stelle, ma alla fine sono stato generoso. Bel libro, trama non originalissima, prende molti spunti qua e là, ma la storia a contorno, oltre a essere molto italiana, l'ho trovata molto "sincera" (non mi viene un termine migliore). Lo stile usato e il modo di narrare gli avvenimenti mi hanno preso molto. In definitiva ho trovato in questo libro una lettura molto piacevole e che consiglio.

    said on 

  • 4

    Davvero un bel libro, e in un filone - quello del thriller giudiziario - pochissimo praticato da noi. Eppure il genere è nato ufficialmente in Italia, a fine '800, grazie alla penna leggera e gustosissima dell'abruzzese Scarfoglio: si trattava del "processo di Frine".
    Carofiglio scrive in m ...continue

    Davvero un bel libro, e in un filone - quello del thriller giudiziario - pochissimo praticato da noi. Eppure il genere è nato ufficialmente in Italia, a fine '800, grazie alla penna leggera e gustosissima dell'abruzzese Scarfoglio: si trattava del "processo di Frine".
    Carofiglio scrive in modo appassionante (con qualche lungaggine di troppo, ma è pur sempre un magistrato) , i fatti si succedono con un ritmo incalzante e, insomma, non si chiude il libro senza averlo finito. E l'umorismo è giustamente dosato, raffinato e di buon gusto.
    Peccato qualche inutile captatio benevolentiae di matrice ideologica: che razza di comunista sarebbe l'avvocato Guerrieri, uomo solitario - troppo: chi non ha almeno un amico nella vita? - passatista e sciupafemmine, un pò cinico e amante della vita comoda ?

    said on 

  • 4

    Un originale avvocato

    E' il primo episodio della serie dell'avvocato Guerrieri ed è un libro molto molto bello.
    La storia è coinvolgente e questo inconsueto avvocato barese è un personaggio decisamente interessante e perfettamente riuscito.
    Bravo Carofiglio.

    said on 

  • 5

    Carofiglio si conferma autore originale e i casi dell'avvocato Guerrieri costituiscono un genere particolare che si discosta dai "gialli" e dalle "cronache giudiziarie". Testimone inconsapevole non è un giallo in cui si parte da un indizio per dover poi svelare un mistero: il caso, il delitto è g ...continue

    Carofiglio si conferma autore originale e i casi dell'avvocato Guerrieri costituiscono un genere particolare che si discosta dai "gialli" e dalle "cronache giudiziarie". Testimone inconsapevole non è un giallo in cui si parte da un indizio per dover poi svelare un mistero: il caso, il delitto è già apparentemente risolto perché un bambino è stato ucciso, il suo corpo è stato ritrovato in fondo a un pozzo e un indagato è chiamato a risponderne. Non è una cronaca giudiziaria, perché al centro della trama non sta la ricostruzione burocratica e giornalistica della vicenda processuale.
    L'autore piuttosto riesce a far vivere (e rivivere) al lettore le dinamiche personali, psicologiche ed emotive che coinvolgono l'avvocato (un qualunque avvocato, non solo quello interpretato da Guido Guerrieri) nel processo in cui è chiamato a prestare la sua attività e, più in generale, nella sua professione, anche fuori dall'aula di un tribunale; ma non tralascia nemmeno i dubbi e il malessere personale che Guido Guerrieri deve affrontare nella sua vita privata e che, inevitabilmente, si riverberano nella professione.
    Se l'avvocato Guerrieri è certamente il protagonista del libro, le tematiche psicologiche e filosofiche del "processo", della "verità" e della "giustizia" fanno da sfondo a un racconto che coinvolge il lettore sia dal punto di vista emotivo, sia da quello riflessivo.
    Sono ancora più convinto che Carofiglio, prima di fare il magistrato e lo scrittore, abbia svolto la professione di avvocato. Perché certe dinamiche fattuali e psicologiche può descriverle solo chi effettivamente le ha vissute e ne ha fatto direttamente esperienza.

    said on 

  • 4

    Il romanzo ci presenta subito la vita privata dell’avvocato Guerrieri in una fase distruttiva tra traumi postumi di pianti spontanei e viaggi da panico su ascensori comr conseguenze di un matrimonio finito rimasto aggrovigliato.
    Nel frattempo un caso di omicidio bussa al suo ufficio. Un ...continue

    Il romanzo ci presenta subito la vita privata dell’avvocato Guerrieri in una fase distruttiva tra traumi postumi di pianti spontanei e viaggi da panico su ascensori comr conseguenze di un matrimonio finito rimasto aggrovigliato.
    Nel frattempo un caso di omicidio bussa al suo ufficio. Un bambino ucciso da un extracomunitario. Tutto sembra già scritto e i fatti farebbero cristallizare la logica della ragione in un arco che collega il ruolo di colpevole direttamente al ragazzo extracomunitario con una traiettoria perfetta.
    Vuoi però un bisogno di lottare o quello disperato di attaccarsi a qualcosa, oppure solo un sentimento di riscatto per ritrovare ideali di giustizia abbandonati chissà dove, sepolti tra le pieghe del quotidiano, risvegliano nell’avvocato Gurrieri la voglia di andare fino in fondo. Si batterà per difendere il ragazzo dall’accusa di omicidio
    Alla fine del dibattimento giudiziario ci guardiamo attorno con le opinioni sospese non tanto sulla vicenda raccontata, ma per ogni volta che con cortocircuiti rassicuranti e fulminei applichiamo freddi ragionamenti dalle conclusioni, se non frettolose, sicuramente scontate.
    La battaglia si gioca in questa zona grigia, sempre.

    said on 

  • 4

    Beh... preso stamattina da amazon in "offerta lampo" e finito nel pomeriggio. Una bella sorpresa Carofiglio, di cui non avevo mai letto nulla. L'avvocato mi sta simptico...o meglio, è credibile, umano, vero.
    La trama un po' semplice, ma nel complesso il libro mi è piaciuto molto.
    cons ...continue

    Beh... preso stamattina da amazon in "offerta lampo" e finito nel pomeriggio. Una bella sorpresa Carofiglio, di cui non avevo mai letto nulla. L'avvocato mi sta simptico...o meglio, è credibile, umano, vero.
    La trama un po' semplice, ma nel complesso il libro mi è piaciuto molto.
    consigliato!

    said on 

  • 4

    L'avvocato Guerrieri è fortissimo, è simpatico, intelligente e parla veramente come un professionista.. quando poi anticipa quanto ha detto con quanto avrebbe voluto dire a colleghi e clienti è superlativo.

    said on 

Sorting by