Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Io e te

Di

Editore: Mondolibri

3.6
(7254)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 116 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Olandese

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook , Copertina rinforzata scuole e biblioteche

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Ti piace Io e te?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Lorenzo, un quattordicenne introverso e un po' nevrotico si prepara a trascorrere una settimana nella sua cantina, mentre il resto della sua classe è partito per la settimana bianca. Sarà Olivia, piombata all'improvviso in questo bunker, a far accettare a Lorenzo la vita reale, al di fuori del suo rifugio.
Ordina per
  • 3

    Racconto di formazione dove il protagonista affronta la realtà, la vita da cui vuole fuggire attraverso la sorella. Sono già due sconfitti, sono già persi prima di iniziare a vivere. Mi piace ...continua

    Racconto di formazione dove il protagonista affronta la realtà, la vita da cui vuole fuggire attraverso la sorella. Sono già due sconfitti, sono già persi prima di iniziare a vivere. Mi piace Ammaniti questo racconto così così

    ha scritto il 

  • 4

    L'eccezione di ogni regola.

    Il mio terzo Ammaniti dopo un niente di che "Ti prendo e ti porto via" e dopo un bellisimo "Io non ho paura". Io e te. Inzio il libro questo pomeriggio e dopo due ore lo finisco.. E' un libriccino, ...continua

    Il mio terzo Ammaniti dopo un niente di che "Ti prendo e ti porto via" e dopo un bellisimo "Io non ho paura". Io e te. Inzio il libro questo pomeriggio e dopo due ore lo finisco.. E' un libriccino, poche pagine, eppure dentro c'è molto, davvero tanto. Spesso non riesco a valutare in modo positivo i libri così corti perchè non faccio in tempo ad entrare a pieno nella storia che questa è già finita. Tuttavia come ogni regola, anche questa ha delle eccezioni. E "Io e te" è una di queste. Nonostante siano poche pagine, davvero poche, il lettore già a pagina 5 si trova catapultato nella vita di Lorenzo come se l'avesse ascoltata milioni e milioni di volte. Ed è proprio qui che si trova il genio di Ammaniti, in queste 116 pagine. E' facile affezionarsi ai personaggi di un romanzo di 400-500 pagine, meno facile è, invece, affezionarsi a Lorenzo che ci fa compagnia per così poco tempo, poco più di un pomeriggio. Ammaniti è maestro non solo nel raccontare una storia, ma anche nel renderla essenziale e allo stesso tempo perfetta, completa. Nessuna sbavatura, nessun neo. Ammaniti si conferma con questo libro uno dei migliori scrittori del panorama Italiano. Io e te è stato uno di quei libri che ti risarciscono di tutto e che ti confermano il bisogno di amare, in modo incondizionato, la letteratura.

    ha scritto il 

  • 1

    io non ho letto nessun libro di Ammaniti al di fuori di questo. Questo libro me l'hanno fatto leggere a scuola,i miei compagni sono andati avanti per settimane a leggerlo,io in 1 ora l'ho finito di ...continua

    io non ho letto nessun libro di Ammaniti al di fuori di questo. Questo libro me l'hanno fatto leggere a scuola,i miei compagni sono andati avanti per settimane a leggerlo,io in 1 ora l'ho finito di leggere e mi sono pentita di aver buttato 10 euro alla libreria per un libro così! non mi è piaciuto fin dal principio,ci sono rimasta male perchè tutti ne parlavano bene e invece questo libro mi ha deluso profondamente! oltretutto mi si sono anche scollate delle pagine dal libro,cosa ho fatto?l'ho venduto.

    ha scritto il 

  • 4

    "Io e te", come hanno già detto tutti, è un romanzo brevissimo, ma a mio avviso è esattamente così che doveva essere. La vicenda narrata è una breve "fuga" da una settimana bianca e il libro ne ...continua

    "Io e te", come hanno già detto tutti, è un romanzo brevissimo, ma a mio avviso è esattamente così che doveva essere. La vicenda narrata è una breve "fuga" da una settimana bianca e il libro ne ricalca la durata. Ciononostante Lorenzo, il ragazzino protagonista, è un personaggio ben delineato e il percorso di apertura verso il mondo e di (ri)trovata fiducia in sé stesso che compie in questi pochi giorni, complice la presenza di una sorella(stra) bisognosa di aiuto, è credibile (anche se sì, magari un po' affrettato). 4 stelline (abbondanti) perché non fa gridare al capolavoro ma è scritto bene e lascia qualcosa.

    ha scritto il 

  • 5

    Atroce libro sulla dipendenza

    Che mi ricorda molto alcune storie che ho vissuto da vicino. Un'amarezza in bocca indescrivibile ( compresa la poca comprensione che ne hanno avuto alcuni miei conoscenti)

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Non mi è piaciuto. Fa parte di quel genere di libri che o si ama o si odia. Personalmente lo odio: non riesco a digerire, nemmeno se il libro è scritto bene, una storia con un finale volutamente ...continua

    Non mi è piaciuto. Fa parte di quel genere di libri che o si ama o si odia. Personalmente lo odio: non riesco a digerire, nemmeno se il libro è scritto bene, una storia con un finale volutamente "shockante" e senza un vero nesso logico con la vicenda. Non posso quindi dare la sufficienza a questo libro.

    ha scritto il 

  • 0

    non voto per rispetto ad Ammaniti

    Leggo "seriamente" dopo essermi imbattuto in Ammaniti; mi riferisco al magnifico "ti prendo e ti porto via". Quello era un signor libro! Questo è un racconto buttato lì giusto per reecuperare ...continua

    Leggo "seriamente" dopo essermi imbattuto in Ammaniti; mi riferisco al magnifico "ti prendo e ti porto via". Quello era un signor libro! Questo è un racconto buttato lì giusto per reecuperare qualche soldo dall'editore. Almeno così mi è parso, aspetto con voglia una smentita. Qualcosa di buono c'è, ma si tratta di frasi e si contano sulle dita della mano di un falegname. Unica nota veramente positiva: averlo preso in biblioteca.

    ha scritto il 

Ordina per