Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Io non dormo da sola

Reportage da sotto le lenzuola

By Catherine Townsend

(168)

| Paperback | 9788806191757

Like Io non dormo da sola ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Un po' zoccola ma anche un po' romantica. Nell'attesa che un giorno si presenti Quello Giusto, Catherine, ventinove anni, di uomini ne ha passati un centinaio. In fin dei conti la sua tesi è questa: "Quando i miei amici maschi si fanno una ragazza so Continue

Un po' zoccola ma anche un po' romantica. Nell'attesa che un giorno si presenti Quello Giusto, Catherine, ventinove anni, di uomini ne ha passati un centinaio. In fin dei conti la sua tesi è questa: "Quando i miei amici maschi si fanno una ragazza sono ammirati da tutti, io perché dovrei sentirmi in colpa?"

18 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Fattene una ragione, Catherine: non sei Belle de Jour, né Nick Hornby...

    Catherine Townsend è un’americana che sbarca a Londra alla ricerca del successo giornalistico, e lo trova tenendo una rubrica fissa sull’Independent dedicata al sesso: innanzitutto le sue avventure, poi consigli, opinioni, testimonianze...

    Questo li ...(continue)

    Catherine Townsend è un’americana che sbarca a Londra alla ricerca del successo giornalistico, e lo trova tenendo una rubrica fissa sull’Independent dedicata al sesso: innanzitutto le sue avventure, poi consigli, opinioni, testimonianze...

    Questo libro è una specie di autobiografia, ovviamente a netta tendenza erotica. In effetti la frequenza delle avventure dell’autrice arriva quasi ad eguagliare quella dei rapporti di Belle de Jour nel suo “Diario di una squillo perbene”, con la differenza che quest’ultima li aveva (anche) per denaro. Il problema è che Catherine si sforza di avere la leggerezza (anche scrittoria) dell’anonima ma non troppo autrice del suddetto diario, ma non le riesce troppo bene, e non fino in fondo; da un lato afferma di riuscire a slegare agevolmente l’amore dal sesso e di far sesso per il gusto di farlo, dall’altro cade innamorata in maniera rovinosa di alcuni suoi amanti, da un lato dice di non voler dei legami, dall’altro scappa imbufalita quando uno dei suoi amanti le annuncia che sta per sposarsi ma che, per quanto concerne loro due, tutto continuerà come prima... Anche l’autocoscienza di genere, quella che ad Hornby riusciva tanto bene in chiave maschile, per lei è un tentativo abbastanza non risolto.

    Il massimo, comunque, lo raggiunge a pagina 216. In vacanza a Roma, conosce un italiano, Antonio. Passano la serata a flirtare, poi finiscono a baciarsi con evidente intensità. Lei lo lascia per salire in albergo. Lui la invita a uscire, via telefono, per la sera successiva, lei rifiuta. Lui prova a telefonarle e le manda vari messaggi sms, che lei ignora. Alla fine lui le manda questo: “Cancella pure il mio numero, perché sei stata maleducata a rifiutare il mio invito. Se fossi stato più giovane avrei dato spazio allo stupido infantilismo, ma trovo che la tua ipocrisia sia alquanto triste”.
    Lei si permette pure di offendersi. Ma, considerato il punto a cui erano arrivati, le insistenze di lui non mi parrebbero esattamente stalking... e passare una sera a baciarsi, senza concedere nessun seguito né quella stessa sera né le successive, che cos’è se non stupido infantilismo?

    Insomma, niente di che. Ho fatto una certa fatica a leggere questo libro, nonostante il genere “leggero” a metà tra l’erotico e la chick-lit, anche per la sintassi decisamente ingarbugliata e la narrazione poco fluente (ma magari anche la traduttrice ci ha messo del suo, gli Stile Libero Einaudi mi hanno già riservato spiacevoli sorprese sotto questo profilo). Persino la copertina l’ho trovata irritante, visto che declina l’eterno soggetto erotico “piedi nudi e scarpe in mano” con un taglio d’immagine che fa sembrare la tipa raffigurata affetta da elefantiasi.

    Per finire, mi viene da chiedermi quante, delle “avventure di una notte” della protagonista, ambiscano a considerarsi tali. Non mi si fraintenda; ce ne fossero di donne che riescono a vivere il sesso senza intorcinati alibi sentimentali... ma dopo una notte sarebbe bello che - con la stessa leggerezza - possano essercene due, tre, eccetera... Non è il no, è il no dopo il si che disturba gli uomini.

    Is this helpful?

    Svalbard said on Jul 6, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Squallido. Spero vivamente che l'autrice non descriva davvero sè stessa perchè fa davvero pena.

    L'ho regalato, pur di liberarmene.

    Is this helpful?

    .:Elly's:. said on Aug 8, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Io non dormo da sola – reportage da sotto le lenzuola – di Catherine Townsend è un romanzo erotico, che vuole riportare alla luce i piaceri fisici dell’amore, quelli che spesso si nascondono per vergogna, debolezza o per indole. Catherine scrive una ...(continue)

    Io non dormo da sola – reportage da sotto le lenzuola – di Catherine Townsend è un romanzo erotico, che vuole riportare alla luce i piaceri fisici dell’amore, quelli che spesso si nascondono per vergogna, debolezza o per indole. Catherine scrive una rubrica sul sesso sull’Independent, rubrica che è cominciata da una sua esigenza personale, dopo essere stata lasciata in mezzo alla strada con una delle tante frasi stereotipate del tipo “non è colpa tua, sono io”, discorsi che tutti sembrano odiare, ma che puntualmente si utilizzano per scaricare qualcuno. Ecco che la sua vita cambia, è diverso il suo modo di vestire, con top, jeans e tacchi a spillo ed è differente anche il suo approccio alle persone, il modo migliore per conoscere l’altro è il sesso, che viene prima di tutto. Così questa ventinovenne per nulla diversa dalle altre sue coetanee decide di venire allo scoperto e di godere dell’amore nel vero senso della parola, ricercando ovunque il piacere. Giochi erotici, rapporti a tre, relazioni con altre donne, e un master in sesso orale, la fanno diventare un po’ dolce e un po’ puttana. Una ragazza che si adegua al suo tempo e mette se stessa prima di tutto, senza sentimentalismi né rimpianti.

    Is this helpful?

    Silvia Marcaurelio said on Jul 2, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Per chi crede che i piaceri vadano vissuti come tali ovvero perché leggere “Io non dormo da sola”


    Donne, immaginate Catherine Townsend come quell'amica che ha fatto esperienze di ogni tipo e che, quando ve le racconta, guardate con un materno sguardo di benevolo rimprovero, fondamentalmente perché la invidiate per aver avuto il coraggio di fare ...(continue)


    Donne, immaginate Catherine Townsend come quell'amica che ha fatto esperienze di ogni tipo e che, quando ve le racconta, guardate con un materno sguardo di benevolo rimprovero, fondamentalmente perché la invidiate per aver avuto il coraggio di fare molte delle cose che voi osate solo desiderare.
    Uomini, immaginate Catherine come l'amica che vorreste tanto avere perché (oltre ad essere eventualmente disponibile a venire a letto con voi) capisce molte delle vostre esigenze e sa aiutarvi a capire le sue e quelle delle altre donne.
    Già il sottotitolo di “Io non dormo da sola” (“Reportage da sotto le lenzuola”) preannuncia l'intento di condividere con i lettori una sfera intima dell'esistenza, ma ciò che si può scoprire solo avanzando con la lettura è che chi narra non lo fa dall'alto di un piedistallo dal quale impartire lezioni di erotismo: al contrario, chi parla è una persona che vuole rendere il “pubblico” complice delle sue vicende.
    A primo impatto è abbastanza naturale aspettarsi l'ennesimo romanzo in stile erotico spinto, dominato da una sensualità esplicita e scontata. Ma mai impressione può essere così sbagliata: le vicende di Catherine sono un pianeta vario in cui accanto al sesso c'è posto per i sentimenti, che sia amore, amicizia, speranza, solitudine o delusione. E, soprattutto, c'è posto per l'ironia, vero punto di forza di questo brioso romanzo. Quell'ironia che permette all'autrice di affrontare il sesso con stile schietto ed animo spensierato, riportandolo alla sua dimensione di evento naturale della vita di ogni essere umano. Azzerati tutti i tabù ed i pregiudizi, anche i passaggi più “spinti” perdono così ogni venatura di volgarità.
    In un'epoca in cui c'è poco di che sorridere, “Io non dormo da sola”, con la sua carica di vitalità, è sicuramente un libro che val la pena di leggere. Ed è anche un'ottima guida “spirituale” per le donne intorno ai trenta, che vivono quella che non è azzardato definire “età del sesso” in cui si ha ormai raggiunto la piena consapevolezza del proprio corpo e delle proprie esigenze, ma il desiderio sessuale non deve ancora fare veramente i conti con l'inarrestabile processo di decadimento del fisico o con i disagi della menopausa.

    Is this helpful?

    Marvivio said on Dec 31, 2011 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sapevo che si trattava di un libro leggero e mi aspettavo che fosse anche divertente. Invece sono rimasta delusa perchè l'ho trovato troppo inverosimile. Per essere più precisi forse troppo lontano dal mio modo di vivere la vita!! Ad un certo punto h ...(continue)

    Sapevo che si trattava di un libro leggero e mi aspettavo che fosse anche divertente. Invece sono rimasta delusa perchè l'ho trovato troppo inverosimile. Per essere più precisi forse troppo lontano dal mio modo di vivere la vita!! Ad un certo punto ho trovato la protagonista troppo esagerata, con questa voglia insaziabile di sesso, questo spendere centinaia di sterline per un paio di scarpe dal tacco vertiginoso, o completini intimi da indossare ad hoc. Dovrei lavorare cinque vite per permettermi di vivere in questo modo!!

    Is this helpful?

    Sakura1076 said on Jun 2, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (168)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 268 Pages
  • ISBN-10: 8806191756
  • ISBN-13: 9788806191757
  • Publisher: Einaudi
  • Publish date: 2008-01-01
  • Also available as: Softcover
Improve_data of this book