Io non ho paura

Di

Editore: Einaudi

4.0
(13434)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 219 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Francese , Finlandese , Portoghese , Greco , Ceco , Olandese

Isbn-10: 8806142100 | Isbn-13: 9788806142100 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , eBook , CD audio

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Io non ho paura?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dopo Ti prendo e ti porto via, Niccolò Ammaniti in questo romanzo va al cuore della sua narrativa, con una storia tesa e dal ritmo serrato, un congegno a orologeria che si carica fino a una conclusione sorprendente: e mette in scena la paura stessa.
Michele Amitrano, nove anni, si trova di colpo a fare i conti con un segreto così grande e terribile da non poterlo nemmeno raccontare. E per affrontarlo dovrà trovare la forza proprio nelle sue fantasie di bambino, mentre il lettore assiste a una doppia storia: quella vista con gli occhi di Michele e quella, tragica, che coinvolge i grandi di Acqua Traverse, misera frazione dispersa tra i campi di grano. Il risultato é un racconto potente e di assoluta felicità narrativa, dove si respirano atmosfere che vanno da Clive Barker alle Avventure di Tom Sawyer, alle Fiabe italiane di Calvino.
La storia é ambientata nell'estate torrida del 1978 nella campagna di un Sud dell'Italia non identificato, ma evocato con rara forza descrittiva. In questo paesaggio o minato dal contrasto tra la luce abbagliante del sole e il buio della notte, Ammaniti alterna, a colpi di scena, la commedia, il mondo dei rapporti infantili, la lingua e la buffa saggezza dei bambini, la loro tenacia, la forza del amicizia e il dramma del tradimento. E insieme tratteggia un indimenticabile campionario di adulti. Romanzo della scoperta di se attraverso il rischio più estremo, e la necessità di affrontarlo, Io non ho paura diventa un addio struggente all'età dei giochi e dello stupore, all'energia magica che ci fa lottare contro i mostri. E si insinua sotto pelle in ciascuno di noi, come una tenera pugnalata nel petto.
Ordina per
  • 5

    Questo libro non contiene una parola di troppo e rende tutto il candore e la purezza dei protagonisti.
    E' una storia schematica e limpida che ha il tocco leggero di una favola. Da non perdere.
    Amman ...continua

    Questo libro non contiene una parola di troppo e rende tutto il candore e la purezza dei protagonisti.
    E' una storia schematica e limpida che ha il tocco leggero di una favola. Da non perdere.
    Ammaniti ci fornisce con il suo stile reale e crudo una descrizione ed una comprensione ,attraverso gli occhi di un bambino, di questo mondo misero e sfortunato che è semplicemente magnifica.
    Una storia che ti prende subito, fin dalle prime battute: il lettore gioca con il protagonista, corre attraverso campi di grano assolati,ed immensi.

    ha scritto il 

  • 4

    Devi avere paura degli uomini, non dei mostri

    Una lettura veloce in parte per il linguaggio semplice e diretto a volte anche sgrammaticato che ha il piccolo Michele di raccontarci i fatti di quella torrida estate del 1978 e in parte perché non si ...continua

    Una lettura veloce in parte per il linguaggio semplice e diretto a volte anche sgrammaticato che ha il piccolo Michele di raccontarci i fatti di quella torrida estate del 1978 e in parte perché non si può proprio fare a meno di andare avanti, la sua paura e la sua curiosità nell'affrontare qualcosa che è più grande di lui e con cui deve fare i conti sono coinvolgenti ed arrivare alla fine e sapere cosa accadrà sembra quasi una corsa contro il tempo. Ammaniti non mi delude mai

    ha scritto il 

  • 5

    Tante stelline.
    Molti anni fa avevo abbandonato la lettura di questo libro. Poi son finito nel gorgo del pregiudizio classificando Ammaniti come un sopravvalutato. In parte anche per colpa della sua s ...continua

    Tante stelline.
    Molti anni fa avevo abbandonato la lettura di questo libro. Poi son finito nel gorgo del pregiudizio classificando Ammaniti come un sopravvalutato. In parte anche per colpa della sua sovraesposizione sui giornali...
    Ma questo libro e' bello davvero. Reso immortale dalla fotografia del film.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Penso che questo libro sia molto bello e coinvolgente. Quando l'ho iniziato non riuscivo a smettere perché ero troppo presa. Però, devo dire che il finale mi ha lasciata abbastanza male perché lascia ...continua

    Penso che questo libro sia molto bello e coinvolgente. Quando l'ho iniziato non riuscivo a smettere perché ero troppo presa. Però, devo dire che il finale mi ha lasciata abbastanza male perché lascia tantissime domande delle quali volevo avere una risposta.
    Lo consiglio, comunque, a tutti.

    ha scritto il 

  • 3

    Buona storia, un po lineare e prevedibile (dopo poco si capisce dove va a parare il tutto) ma che regge e si fa leggere senza troppi problemi. Linguaggio un po troppo scurrile a volte ma nel contesto ...continua

    Buona storia, un po lineare e prevedibile (dopo poco si capisce dove va a parare il tutto) ma che regge e si fa leggere senza troppi problemi. Linguaggio un po troppo scurrile a volte ma nel contesto ci puo stare.

    Ho apprezzato di piu Ti Prendo e Ti porto via però.

    ha scritto il 

  • 4

    Il mio primo approccio con Ammaniti, tutt'altro che deludente. Un racconto che cattura e trasforma le parole in vere e proprie immagini che si vedono. Sicuramente il primo di una lunga serie di libri ...continua

    Il mio primo approccio con Ammaniti, tutt'altro che deludente. Un racconto che cattura e trasforma le parole in vere e proprie immagini che si vedono. Sicuramente il primo di una lunga serie di libri che leggerò di questo affascinante autore.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per