Io so perché canta l'uccello in gabbia

di | Editore: Beat
Voto medio di 111
| 20 contributi totali di cui 17 recensioni , 3 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Pubblicato per la prima volta nel 1969, Io so perché canta l’uccello in gabbia è uno dei libri fondamentali del Novecento, uno tra i migliori mille libri di sempre, secondo larga parte della stampa e delle riviste letterarie americane.Descrivendo i p ...Continua
Malleveria
Ha scritto il 12/12/17
“Mentre mangiavo Mrs. Flowers cominciò la prima di quelle che più tardi definimmo «le mie lezioni di vita». Disse che dovevo sempre essere intollerante verso l’ignoranza ma comprensiva verso l’analfabetismo.” La trovo una cosa calzante l’attualità, q...Continua
Cxr
Ha scritto il 09/04/17
Sopravvivere grazie allo spirito
E’ la prima delle otto autobiografie di Maya Angelou, poetessa, scrittrice, attrice, cantante, ballerina e attivista per i diritti civili americana. Racconta gli anni dell’ infanzia e della prima adolescenza di Marguerite (Maya è nome d’arte) e del...Continua
dagio_maya (su...
Ha scritto il 25/04/16
"Era terribile essere nera e non avere alcun controllo sulla propria vita. Era brutale essere giovane e già addestrata a stare seduta in silenzio ad ascoltare le accuse rivolte alla mia razza senza potermi difendere."
Marguerite Ann Johnson meglio conosciuta come Maya Angelou. Ballerina, poetessa, attrice, militante nei movimenti per i diritti civili del popolo afroamericano e tanto altro... Una personalità brillante versatile che si racconta in ben sette libri au...Continua
Camillo
Ha scritto il 27/02/16
"As I ate she began the first of what we later called «my lessons in living.» She said that I must always be intolerant of ignorance but understanding of illiteracy. That some people, unable to go to school, were more educated and even more intellige...Continua
LITTLEWING
Ha scritto il 27/02/16
I know why the caged bird sings
Un libro toccante, che narra dell'infanzia di Marguerite - Maya Se crescere è doloroso per una bambina nera del Sud, rendersi conto di essere fuori posto è la ruggine sul rasoio puntato alla gola. E’ un insulto superfluo tra episodi esilaranti (da...Continua

Sidner
Ha scritto il Jun 28, 2015, 18:48
Le mie lacrime non erano per Bailey, mamma o me stessa, ma per l'impotenza dei mortali costretti a sopportare la vita. Per sfuggire a questa fine amara dovremmo tutti rinascere conoscendo le alternative. Già, e poi?
Pag. 213
Sidner
Ha scritto il Jun 28, 2015, 18:46
Se chiedi a un nero dove è stato, ti dirà dove sta andando.
Pag. 161
Sidner
Ha scritto il Jun 28, 2015, 18:46
D'altra parte, le parole di Patrick Henry mi avevano toccato a tal punto che ero stata capace di tirarmi su dritta e dire tremante: "Non so che strada prenderanno gli altri, quanto a me, datemi la libertà o la morte". Eravamo di nuovo a galla. Come s...Continua
Pag. 152

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi