Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Io sono Dio

I grandi autori di Noir, 3

By Giorgio Faletti

(204)

| Hardcover

Like Io sono Dio ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

620 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Una storia che cresce con il crescere delle pagine lette..... si, darei questa come definizione veloce.Un'incrociarsi di passato, presente, futuro, che mai creano confusione ma "cadono" nel momento giusto, proprio quando hai bisogno di capire.
    Una be ...(continue)

    Una storia che cresce con il crescere delle pagine lette..... si, darei questa come definizione veloce.Un'incrociarsi di passato, presente, futuro, che mai creano confusione ma "cadono" nel momento giusto, proprio quando hai bisogno di capire.
    Una bella lettura, scorrevole.... consigliato.

    Is this helpful?

    EmmeM said on Jul 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    ...

    “Nonno, perché gli uomini combattono?”
    Il vecchio, gli occhi rivolti al sole calante, al giorno che stava perdendo la sua battaglia con la notte, parlò con voce calma.
    “Ogni uomo, prima o poi, è chiamato a farlo. Per ogni uomo c’è sempre una ba ...(continue)

    ...

    “Nonno, perché gli uomini combattono?”
    Il vecchio, gli occhi rivolti al sole calante, al giorno che stava perdendo la sua battaglia con la notte, parlò con voce calma.
    “Ogni uomo, prima o poi, è chiamato a farlo. Per ogni uomo c’è sempre una battaglia che aspetta di essere combattuta, da vincere o da perdere. Perché lo scontro più feroce è quello che avviene fra i due lupi.”
    “Quali lupi, nonno?”
    “Quelli che ogni uomo porta dentro di sé.”
    Il bambino non riusciva a capire. Attese che il nonno rompesse l’attimo di silenzio che aveva lasciato cadere fra loro, forse per accendere la sua curiosità. Infine, il vecchio che aveva dentro di sé la saggezza del tempo riprese con il suo tono calmo.
    “Ci sono due lupi in ognuno di noi. Uno è cattivo e vive di odio, gelosia, invidia, risentimento, falso orgoglio, bugie, egoismo.”
    Il vecchio fece di nuovo una pausa, questa volta per dargli modo di capire quello che aveva appena detto.
    “E l’altro?”
    “L’altro è il lupo buono. Vive di pace, amore, speranza, generosità, compassione, umiltà e fede.”
    Il bambino rimase a pensare un istante a quello che il nonno gli aveva appena raccontato. Poi diede voce alla sua curiosità e al suo pensiero.
    “E quale lupo vince?”
    Il vecchio cherokee si girò a guardarlo e rispose con occhi puliti. “Quello che nutri di più.”

    Is this helpful?

    Marco Castelletto said on May 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Consigliato

    Bel libro, anche se non raggiunge un grandissimo livello. Scritto in modo semplice, ti tiene in attesa di sapere cosa succede per tutto il libro.
    Il finale forse un po' deludente per me.

    Is this helpful?

    Carlos Martín Araiz said on Apr 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Noioso, ho pensato in continuazione "ma questo l'ho già letto da qualche parte". Il peggio del peggio è l'analisi finale dello psicologo sull'assassino... una banale ridicola e assurda convinzione sui ventriloqui.

    Is this helpful?

    Pavaconda said on Mar 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Epilogo con… disappunto!

    E’ un genere di lettura che non gradisco (il libro mi è stato prestato) ma, nonostante i diversi giudizi negativi, devo dire che non mi è affatto dispiaciuto. Peccato, però, per l’epilogo: effettivamente sembra che sia stato abbandonato (volutamente ...(continue)

    E’ un genere di lettura che non gradisco (il libro mi è stato prestato) ma, nonostante i diversi giudizi negativi, devo dire che non mi è affatto dispiaciuto. Peccato, però, per l’epilogo: effettivamente sembra che sia stato abbandonato (volutamente?) in modo quasi irrazionale. Il mistero iniziale, infatti, rimane quasi del tutto oscuro ed inspiegabile: ci sono due assassini o sono la stessa persona? Insomma, invece di sciogliere i nodi della intrigata vicenda non fa altro che accrescerne il mistero e lasciare il lettore quasi…indispettito! Ciò nonostante mi ha lasciato soddisfatto e ne leggerò sicuramente ancora.

    Is this helpful?

    Nimorelli said on Dec 17, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book