Io sono Dot

Di

Editore: Einaudi (Stile libero Big)

3.4
(53)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 220 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806232177 | Isbn-13: 9788806232177 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Luca Briasco

Genere: Narrativa & Letteratura

Ti piace Io sono Dot?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Niente è stato facile per Dorothy «Dot» Sherman. Ma se mai c'è stata una ragazzina capace di prendere la vita e rivoltarla, be', è lei. A diciassette anni, quando hai un padre uscito a comprare le sigarette e mai tornato, una madre buona a nulla, un fratellino re delle caccole e una sorella regolarmente gonfiata di botte dal marito, non sono molte le persone su cui puoi contare. Cosí Dot fa la cameriera sui pattini e si difende come può, anche menando le mani. Finché, un giorno, un tizio di nome Elbert, che dichiara di essere uno zio, si installa nella roulotte di famiglia. Per quel che ne sa Dot, Elbert potrebbe essere un serial killer – del resto qualche piccolo trascorso criminale ce l'ha – ma alla fine l'uomo si rivelerà il piú sensato della famiglia. E, dopo anni di frustrazioni e delusioni, forse anche per Dot la ruota potrebbe girare.«Potreste pensare che questa non sia una storia vera, perché una parte di essa contiene cose a cui è difficile credere, ma vi assicuro che non c'è niente di inventato, dall'inizio alla fine. Vi dirò la pura verità, dal principio alla fine. Vi dirò che i miei amici mi chiamano Dot, e che preferisco che i miei nemici non mi chiamino affatto. Si tratta di una grande avventura? Be', nessuno andrà sulla luna o scalerà una montagna altissima. Ma per me è un'avventura. È la mia vita quotidiana».
Ordina per
  • 4

    non è certo il miglior lansdale, ma una storia al femminile, dove i maschi c'entrano poco e la scrittura è quella di - appunto - lansdale, ci sta sempre bene per risollevare il morale.

    ha scritto il 

  • 3

    è pur sempre Lansdale

    niente sangue, violenza, omicidi o torture; una storia leggera, ai limiti della banalità. Ma è pur sempre Lansdale, il suo stile è inimitabile e già solo questo è un motivo per leggere (velocemente) q ...continua

    niente sangue, violenza, omicidi o torture; una storia leggera, ai limiti della banalità. Ma è pur sempre Lansdale, il suo stile è inimitabile e già solo questo è un motivo per leggere (velocemente) questa storia.

    ha scritto il 

  • 3

    Incipit
    Potreste pensare che questa non sia una storia vera, perché una parte di essa contiene cose a cui è difficile credere, ma vi assicuro che non c’è niente di inventato, dall’inizio alla fine. Vo ...continua

    Incipit
    Potreste pensare che questa non sia una storia vera, perché una parte di essa contiene cose a cui è difficile credere, ma vi assicuro che non c’è niente di inventato, dall’inizio alla fine. Voglio scriverla tutta prima che il tempo mi porti a inzepparla di dettagli interessanti, come se questa storia ne avesse bisogno.Capita di mentire sugli avvenimenti. Lo so. Mio padre era un bugiardo. Riusciva a prendere una cosa vera e a renderla una bugia. Gli bastava continuare ad aggiungere particolari fino a ingrandire tutto, tirando dentro cose che non erano mai accadute ed eliminando gradualmente la verità, cosí che alla fine rimaneva solo la parte inventata e lui stesso non sapeva piú riconoscere la verità dalla menzogna.Spero che questa cosa non sia ereditaria.

    In attesa del ritorno in libreria di un nuovo capitolo della saga di Hap e Leonard, Joe Lansdale ci regala un questo nuovo personaggio, (Dorothy) Dot Sherman, protagonista del romanzo al femminile “Io sono Dot”.
    Siamo sempre nell'east Texas, a Marvel Creek: qui incontriamo Dot, una ragazza diciassettenne che vive in un camper assieme alla madre, alla nonna e al fratellino.
    In un altro camper vive la sorellastra, Maylynn, assieme ai due figli.
    Romanzo al femminile, si è detto perché in questo racconto i maschietti non fanno bella figura.
    Il papà di Dot se ne è andato un giorno, nella più classica delle maniere, mentre andava a comprarsi le sigarette.
    E' stata dura per la madre tirare su i tre bambini, come non è stata nemmeno facile per Maylynn: un primo figlio da un ragazzo di cui era innamorata. E che poi l'ha abbandonata.
    E un altro figlio da Tim, il nuovo ragazzo, un ubriacone senza lavoro che, per dare quel tocco in più, ogni tanto la picchia..

    Ma, soprattutto, non è stata facile la vita per Dot: un lavoro sui pattini al Drive In di Bob, il “Diary Bob”, non tanti soldi ma sufficienti per andare avanti. Cosa non facile nell'east Texas, specie se non hai nemmeno un diploma in tasca con cui cercare un lavoro migliore o, meglio ancora, scappar via prima che qualche maschio di metta incinta.
    Era facile per gli altri dire cosa potevo o non potevo fare, molto più difficile per me farlo davvero. A volte mi sentivo come un topo in una di quelle gabbie con dentro la ruota, e io ero dentro la ruota. Correvo, sempre più veloce ma proprio come quel topo non andavo da nessuna parte.E il topo, se non altro, non aveva un appuntamento con un giudice.

    Un giorno, davanti la casa mobile degli Sherman si presenta lo zio Elbert, il fratello del padre, quello che se scappato mentre andava a prendersi le sigarette. Nemmeno lui si presenta molto bene: un furgoncino scassato e pieno di robaccia, non un lavoro e pure qualche giorno di galera per un tentativo di furto in una banca. Lo zio Elbert, “aspirante criminale”, nonostante la diffidenza che suscita in Dot, cerca di darle lo stesso qualche consiglio: tenere a bada la sua rabbia, per esempio, evitare di commettere errori da scontare per il resto della vita
    - Non sto cercando di dirti come devi vivere, - disse Elbert. - Cerco solo di spiegarti che alcune cose stupide che ho fatto potrebbero essere molto simili ad alcune delle cose stupide che potresti fare tu. O che magari hai già fatto.- Mi stai dicendo di seguire i tuoi suggerimenti e non il tuo esempio? - chiesi.- Esatto, - disse, annuendo. - E ti sto anche dicendo che ho imparato dai miei errori. O almeno ci ho provato.

    Ma non è facile controllare la rabbia, le reazioni impulsive, la diffidenza nei confronti dei ragazzi: specie se arrivi da una famiglia come la sua, che ha avuta tanta sfortuna e che si è rassegnata ad un destino già scritto e che non si cambia.
    - Tu ti divertivi alla mia età, mamma? - le chiesi.- No, - disse lei.- Neanch'io, - disse nonna.- Perché?- Ci siamo sposate tutte e due troppo presto, e con uomini sbagliati.- Almeno mio marito è morto giovane, le disse nonna. - Non è scappato.- Grazie, - disse mamma. - Questo mi fa sentire molto meglio.- Non era mia intenzione farti sentire meglio, - disse nonna.- Lo sospettavo, - disse mamma. Mi guardò. - Forza, Dot. Vado a prenderti quei soldi.

    Perché Dot non è una ragazza come le altre, è una che si sa difendere e anche alzare le mani, per esempio contro il ragazzo della sorella che una sera, dopo che l'ha riempita di botte, lo aspetta sotto casa con una bella trave di legno in mano.
    E non è nemmeno una che si tiene le parole in bocca:
    “A volte capita che la mia bocca firmi assegni che odia dover incassare”.

    Ma forse non è ancora detta l'ultima parola, forse il destino ha in serbo per Dot, la coraggiosa Dot, qualcosa di speciale: magari un ragazzo perbene, come Herb, che la rispetta e non le fa pesare la sua condizione.
    E una sfida sui pattini, contro una squadra femminile di pattinatrici, “Le killer del circo”, che girano il paese in un circo itinerante sfidando le squadre locali: in palio ci sono 10000 dollari, ma questa per Dot è una sfida che va oltre il valore dei soldi.
    Una sfida per dimostrare di saper far qualcosa e di saperla portare fino in fondo:
    “.. se porti a termine questa cosa potrai riuscire anche in altro. A prendere il tuo diploma. E magari ad andare all'università. E a costo di prendermi qualche altro insulto, lascia che ti dica una cosa ancora, visto che ci sono. Elbert potrebbe avere molta più ragione di quanto immagini. Pensaci, tu non ti fidi mai di nessuno. Neanche di te stessa”.

    Io sono Dot è una storia che, con lo stile amaro e divertente di Lansdale, racconta di una crescita, di un cambiamento: quei cambiamenti che ti fanno comprendere come nella vita “non esistano rose senza spine”, ma non per questo le cose debbano sempre andare come sono andate, senza speranza.

    In bocca al lupo Dot!

    ha scritto il 

  • 1

    Ragazzina molto conformista

    Che noia questa ragazzina finto teppistella è finta ribelle che vuole rimettere in sesto la sua famiglia, ritrovare il babbo cattivo che abbandonò la famiglia, diventare team leader, mantenersi eccecc ...continua

    Che noia questa ragazzina finto teppistella è finta ribelle che vuole rimettere in sesto la sua famiglia, ritrovare il babbo cattivo che abbandonò la famiglia, diventare team leader, mantenersi eccecceccecc. Un nastro ininterrotto di banalità davvero di scarso valore. Abbiamo tutti da leggere i Milo!

    ha scritto il 

  • 2

    piccola commedia texana con riscatto

    Autore: statunitense (1951). Romanzo.

    Niente gotico, western, nero.
    Anche se scritto nel suo riconoscibile tex-lansdale è una commedia giovanile.

    Dot è una diciassettenne che vive in una roulotte con ...continua

    Autore: statunitense (1951). Romanzo.

    Niente gotico, western, nero.
    Anche se scritto nel suo riconoscibile tex-lansdale è una commedia giovanile.

    Dot è una diciassettenne che vive in una roulotte con nonna, mamma, fratellino.
    Siamo in un buco qualsiasi del Texas.
    Spesso arrabbiata. Il padre anni prima uscì per comperare da fumare e non s’è più visto, la sorella più grande ha due bambini da padri viversi. Il primo latitante, il secondo sempre presente: nullafacente a parte guardare la tv e bere.
    Lei serve hamburger in un locale (tipo quello di Alice) girando su pattini a rotelle.

    Una volta preso a tavolate il nullafacente dopo che questi ha riempito di botte la sorella, la roulotte diventa un panino mooolto ripieno.
    In più un bel giorno si presenta un certo Elpert, non sia sa se serial killer o zio delle ragazze.
    Dot è sempre arrabbiata, anche perché, udite udite vorrebbe finire le superiori e andare al college.
    Non siamo in un romanzo di fantascienza: negli Stati Uniti della provincia profonda accade ancora.

    La storia si dipana in modo piacevole fino allo spiraglio finale.
    A Dot è andata bene, perlomeno qui.

    Forse sono stata severa nel giudizio, ma sono in un momento di cinismo ……

    09.05.2017

    ha scritto il 

  • 3

    Dot invincibile

    Io sono Dot di Joe R. Lansdale di 3/5
    Dot , una ragazzina americana, ha una famiglia disgregata, il padre l'ha lasciata e vive con la madre , un fratello ed una sorella con due figli , tutti ...continua

    Io sono Dot di Joe R. Lansdale di 3/5
    Dot , una ragazzina americana, ha una famiglia disgregata, il padre l'ha lasciata e vive con la madre , un fratello ed una sorella con due figli , tutti in una roulotte con la nonna. Lei è una combttente, lavora, s'innamora, trova il padre, perde una sura gara sui pattini a rotelle , ma non molla mai..... Una storia godibile .
    pagg.220 maggio 2017 Einaudi

    ha scritto il 

  • 0

    Incipit

    Potreste pensare che questa non sia una storia vera, perché una parte di essa contiene cose a cui è difficile credere....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-autore/aut-l/lansdale-joe-r/io-sono-do ...continua

    Potreste pensare che questa non sia una storia vera, perché una parte di essa contiene cose a cui è difficile credere....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-autore/aut-l/lansdale-joe-r/io-sono-dot-joe-r-lansdale/

    ha scritto il 

  • 3

    3,5

    Più che un romanzo, "Io sono Dot" è un racconto lungo, delicato e positivo. Ecco, forse troppo delicato e positivo rispetto a ciò a cui ci ha abituati Lansdale! Complessivamente è una buona storia, ma ...continua

    Più che un romanzo, "Io sono Dot" è un racconto lungo, delicato e positivo. Ecco, forse troppo delicato e positivo rispetto a ciò a cui ci ha abituati Lansdale! Complessivamente è una buona storia, ma forse risulta un po' sottotono rispetto ad altre sue opere.

    ha scritto il