Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Io sono Ozzy

Di

4.3
(144)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 320 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8862312067 | Isbn-13: 9788862312066 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Biography , Humor , Musica

Ti piace Io sono Ozzy?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Crazy train

    Viaggio nella vita di Ozzy Osbourne, partendo dall'infanzia fino ai giorni nostri su di un "crazy train", è proprio il caso di dirlo prendendo spunto dall'omonima canzone.

    In alcuni passaggi, mi sono dovuto fermare perchè non riuscivo a smettere di ridere per gli aneddoti raccontati.
    ...continua

    Viaggio nella vita di Ozzy Osbourne, partendo dall'infanzia fino ai giorni nostri su di un "crazy train", è proprio il caso di dirlo prendendo spunto dall'omonima canzone.

    In alcuni passaggi, mi sono dovuto fermare perchè non riuscivo a smettere di ridere per gli aneddoti raccontati.
    Interessanti anche i racconti riguardanti la musica in quegli anni.

    Non sono solo risate però: c'è anche spazio per una sorta di malinconico rammarico dell'autore per le scelte fatte e per una vita condotta fuori da ogni regola.

    ha scritto il 

  • 0

    Amo i Black Sabbath e venero il signor Ozzy. Questa è stata una lettura piacevole e divertente, Mr Osbourne si racconta candidamente senza risparmiarci/risparmiarsi nulla, droga, groupie (cliché obbligati) compresi gli episodi di crudeltà sugli animali e la violenza domestica.
    Voi non la le ...continua

    Amo i Black Sabbath e venero il signor Ozzy. Questa è stata una lettura piacevole e divertente, Mr Osbourne si racconta candidamente senza risparmiarci/risparmiarsi nulla, droga, groupie (cliché obbligati) compresi gli episodi di crudeltà sugli animali e la violenza domestica.
    Voi non la leggereste la storia del tizio che ha pisciato sul muro della fortezza di Alamo?

    ha scritto il 

  • 3

    Personalmente non ho mai ascoltato nè visto nulla di Ozzy Osbourne, con la sola eccezione di qualche episodio del suo reality su MTV, perciò è un libro che non avrei mai posseduto se non me lo avessero regalato.
    Ad ogni modo il personaggio e le sue vicende riescono ad essere divertenti e gr ...continua

    Personalmente non ho mai ascoltato nè visto nulla di Ozzy Osbourne, con la sola eccezione di qualche episodio del suo reality su MTV, perciò è un libro che non avrei mai posseduto se non me lo avessero regalato.
    Ad ogni modo il personaggio e le sue vicende riescono ad essere divertenti e grottesche (non mancano però gli aspetti tragici), quindi alla fine è stata una lettura a suo modo piuttosto godibile anche per me che non sono una fan.

    ha scritto il 

  • 3

    direi che il libro rispecchia la parabola (artisticamente) discendente del protagonista, la prima parte raccontando un pò quella che era l'inghilterra fine anni 60 è decisamente interessante e piena di riferimenti alla nascita dell'hard rock, la seconda (che coincide con la fuoriuscita dai Black ...continua

    direi che il libro rispecchia la parabola (artisticamente) discendente del protagonista, la prima parte raccontando un pò quella che era l'inghilterra fine anni 60 è decisamente interessante e piena di riferimenti alla nascita dell'hard rock, la seconda (che coincide con la fuoriuscita dai Black Sabbath) è più o meno una mera cronaca di fatti personali compresi i problemi di alcolismo e droga ma che poco o nulla ha a che fare con l'ambito musicale... alla fine benchè umanamente comprensibile il tutto diventa giocoforza noioso e ripetitivo ...

    ha scritto il 

  • 4

    Vita e destino....

    Quando compi 52 anni e uno dei tuoi migliori amici, uno che ti conosce dal giorno che è nato oltre 40 anni fa, ti regala questo libro è il momento di farsi qualche domanda.
    A me piace, e molto, il rock duro, e mi piacciono molto, soprattutto negli ultimi tempi le biografie delle rock star.< ...continua

    Quando compi 52 anni e uno dei tuoi migliori amici, uno che ti conosce dal giorno che è nato oltre 40 anni fa, ti regala questo libro è il momento di farsi qualche domanda.
    A me piace, e molto, il rock duro, e mi piacciono molto, soprattutto negli ultimi tempi le biografie delle rock star.
    Sarà il classico rimbambimento senile, non so, ma alle volte sono interessanti, spesso divertenti.

    i Black Sabbath mi piacciono, ma non sono nelle prome 3 posizioni, forse manco nelle prime 5.
    E Ozzy mi faceva ridere in TV, anche se li ha perso completamente il rispetto di tutti.

    E dunque, perchè regalarmi una biografia di Ozzy Osbourne ?
    Un po' dubbioso, dopo i ringraziamenti di rito, ho letto la quarta di copertina-->

    "Mio padre diceva sempre che un giorno avrei combinato qualcosa di grande, "me lo sento Jhon Osbourne", mi diceva sempre dopo qualche birra.
    "Tu combinerai qualcosa di veramente speciale, oppure finirai in prigione".
    E aveva ragione, il mio vecchio.
    Finii in prigione prima di compiere 18 anni".

    Ecco trovato il legame!!
    E io non sono nemmeno diventato un rock star, dopo.

    P.S un libro a suo modo molto denso.
    Colonna sonora: Ozzy Osbourne - Mr. Crowley.

    ha scritto il 

  • 4

    non è che Ozzy fa stupidaggini perchè c'è rimasto sotto dalle droghe. Fa stupidaggini perchè c'è portato per natura, ha proprio un talento. Più che un reality potrebbero farci un cartone animato sulla sua vita.

    ha scritto il 

  • 5

    Una delle più divertenti autobiografie mai lette. Ozzy ci trasporta nella sua vita folle, tragica, ricca di musica e passione, sregolatezze di ogni genere, momenti di gioia e di profondo dolore. Una testimonianza della vita rock'n'roll spinta all'estremo.

    ha scritto il 

  • 4

    Te lo ricordi Ozzy?

    Se non fosse stato per Sharon, che sa ben tutelare i suoi investimenti, oggi diremmo:

    Te lo ricordi Ozzy Osbourne?
    Chi?
    Il primo cantante dei Black Sabbath.
    Ma chi? Quello morto di overdose nel 1980?

    La vita di uno stronzo, in poche parole, un uomo in balia degli e ...continua

    Se non fosse stato per Sharon, che sa ben tutelare i suoi investimenti, oggi diremmo:

    Te lo ricordi Ozzy Osbourne?
    Chi?
    Il primo cantante dei Black Sabbath.
    Ma chi? Quello morto di overdose nel 1980?

    La vita di uno stronzo, in poche parole, un uomo in balia degli eventi con un gran buco di culo di essere ancora su questa terra e di aver trovato una donna con un senso degli affari che farebbe invidia a Re Mida.

    Comunque bel libro, ovviamente NON scritto da Ozzy, che sa a stento scrivere il suo nome per firmare autografi.
    Sharon che inchioda per urlare a suo padre dall'auto: "STRONZO DIMMERDA!"
    E lui (Don Arden) di rimando: "Brutta puttana!"
    Son qui ancora che rido.

    PS: se il confronto con Tommy Lee non regge, Ozzy ce lo deve avere ben piccolo!

    NB: sconsigliatissimo agli animalisti.

    ha scritto il