Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Io sono il tenebroso

Di

Editore: Einaudi

3.9
(2761)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 260 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Spagnolo , Tedesco , Olandese

Isbn-10: 8806166638 | Isbn-13: 9788806166632 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Balmelli

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Io sono il tenebroso?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Arrivato alla settecentesima pagina della sua biografia di Bismark, LouisKehlweiler, detto il Tedesco, ex investigatore del ministero degli Internifrancese, si ritrova a indagare sull'ennesimo crimine. Un serial killer uccidebrutalmente donne sole in giro per Parigi e il presunto colpevole non è che unpovero di spirito, confuso e apparentemente inoffensivo. Ma i fatti, a benguardare, non hanno mai una faccia sola. Meglio così: perché dove le cose nonsono semplici come sembrano, tutto sommato, ci si sente a casa. Il romanzogioca a nascondino con il genere poliziesco, i suoi codici, i suoi stereotipie produce, in questo modo, un insospettabile effetto di realtà.
Ordina per
  • 5

    Non ho davvero più parole per descrivere le opere di Fred Vargas. In particolare questo libro, ultimo atto in senso cronologico della saga dei Tre Evangelisti, ha un ritmo pressante fin dall'inizio. N ...continua

    Non ho davvero più parole per descrivere le opere di Fred Vargas. In particolare questo libro, ultimo atto in senso cronologico della saga dei Tre Evangelisti, ha un ritmo pressante fin dall'inizio. Non lascia scampo al lettore accanito della Vargas. Interessante , meno misterioso degli altri due capitoli precedenti, semplice ma appassionante. Ottima la caratterizzazione di uno dei personaggi principali. Se ci fossero gli Oscar anche per i personaggi dei libri, uno di questi avrebbe vinto di sicuro quello come attore non protagonista. Capirete da soli chi sia il personaggio in questione.
    Il libro scorre via in modo gradevole ed è davvero impossibile staccarsi dalle pagine. Personalmente trovo che sia uno dei migliori libri della Vargas che in questo più che in altri, ha raccontato la storia in modo asciutto e con meno fronzoli, anche se tutte le opere della scrittrice sono più o meno di ottima fattura,questa sembra essere stata quella più intima e diretta.
    Consiglio a tutti questa lettura.

    ha scritto il 

  • 0

    Abbandono o proseguo?

    L'ho cominciato tre gg fa, mi annoia, non mi piace, non mi piace come scrive sta Fred Vargas dal nome non si capisce se è scrittrice donna o uomo, se qualcuno mi può dare un motivo per proseguire nel ...continua

    L'ho cominciato tre gg fa, mi annoia, non mi piace, non mi piace come scrive sta Fred Vargas dal nome non si capisce se è scrittrice donna o uomo, se qualcuno mi può dare un motivo per proseguire nella lettura, oppure se non ne vale la pena se qualche anima gentile mi dice come va a finire perché essendo un noir la curiosità è rimasta. Grazie in anticipo.

    ha scritto il 

  • 3

    Terzo libro sugli evangelisti

    Una vecchia conoscenza di un'amica di Kehlweiler, si reca a Parigi in cerca di aiuto.
    Questo ragazzo non molto sveglio, a dire il vero ormai uomo fatto, un tempo era stato preso sotto l'ala protettric ...continua

    Una vecchia conoscenza di un'amica di Kehlweiler, si reca a Parigi in cerca di aiuto.
    Questo ragazzo non molto sveglio, a dire il vero ormai uomo fatto, un tempo era stato preso sotto l'ala protettrice della vecchia Marthe che si era occupata di insegnargli a leggere, ma soprattuto a pensare.
    Già, perchè il solo pensare in modo lucido è un po' difficile per il protagonista di questa storia, che, infatti, risulta essere un po' lento di comprendonio.
    Qualcuno lo vuole incastrare, oppure è veramente lui l'assassino delle due donne trovate barbaramente uccise?
    Ancora un caso che vede in azione tutti e tre gli evangelisti, Kehlweiler e il padrino di Marc in un susseguirsi di indagini, scoperte, supposizioni, errori.
    Ancora una volta la Vargas ci fa vivere un'avventura incalzante in un crescendo di suspance narrata in modo leggero e scorrevole.

    ha scritto il 

  • 5

    Terzo ed ultimo capitolo della trilogia degli Evangelisti. Ho terminato in pochissimo tempo anche questo romanza della Vargas e come sospettavo non sono rimasta assolutamente delusa.
    Scrittura molto v ...continua

    Terzo ed ultimo capitolo della trilogia degli Evangelisti. Ho terminato in pochissimo tempo anche questo romanza della Vargas e come sospettavo non sono rimasta assolutamente delusa.
    Scrittura molto veloce e accattivante. Capitoli brevi ma molto intensi e trama e finale per nulla scontati! Personaggi descritti bene sia fisicamente che nel carattere, ragionamenti fini, taglienti e sorprendenti!

    ha scritto il 

  • 5

    Non ho davvero più parole per descrivere le opere di Fred Vargas. In particolare questo libro, ultimo atto in senso cronologico della saga dei Tre Evangelisti, ha un ritmo pressante fin dall'inizio. N ...continua

    Non ho davvero più parole per descrivere le opere di Fred Vargas. In particolare questo libro, ultimo atto in senso cronologico della saga dei Tre Evangelisti, ha un ritmo pressante fin dall'inizio. Non lascia scampo al lettore accanito della Vargas. Interessante , meno misterioso degli altri due capitoli precedenti, semplice ma appassionante. Ottima la caratterizzazione di uno dei personaggi principali. Se ci fossero gli Oscar anche per i personaggi dei libri, uno di questi avrebbe vinto di sicuro quello come attore non protagonista. Capirete da soli chi sia il personaggio in questione.
    Il libro scorre via in modo gradevole ed è davvero impossibile staccarsi dalle pagine. Personalmente trovo che sia uno dei migliori libri della Vargas che in questo più che in altri, ha raccontato la storia in modo asciutto e con meno fronzoli, anche se tutte le opere della scrittrice sono più o meno di ottima fattura,questa sembra essere stata quella più intima e diretta.
    Consiglio a tutti questa lettura.

    ha scritto il 

  • 4

    I 3 evangelisti e il rospo viaggiatore

    Alla fine mi ha conquistato più per i personaggi bizzarri e la singolarità di Bufo che per la storia. Ho letto che molti a metà libro sapevano chi era il colpevole, io no e non so se sia un pregio opp ...continua

    Alla fine mi ha conquistato più per i personaggi bizzarri e la singolarità di Bufo che per la storia. Ho letto che molti a metà libro sapevano chi era il colpevole, io no e non so se sia un pregio oppure no, fatto sta che leggerò altro della Vargas per capire se mi piace o se è stata un'eccezione.

    ha scritto il 

  • 5

    Vargas è una giallista noir sopraffina. Ho letto tutto d'un fiato Il sono il tenebroso in una notte insonne. La Vargas costruisce molto bene il ritmo narrativo e i personaggi e, benché abbia capito pr ...continua

    Vargas è una giallista noir sopraffina. Ho letto tutto d'un fiato Il sono il tenebroso in una notte insonne. La Vargas costruisce molto bene il ritmo narrativo e i personaggi e, benché abbia capito presto chi fosse l'assassino, la storia mi ha catturata molto.
    Perfetta lettura estiva, ambientata peraltro in un'altrettanto estiva e calda Parigi.
    Unico neo: non ho ritrovato il mio simpatico commissario Adamsberg. Peccato.

    ha scritto il 

Ordina per