Io sono un gatto

di | Editore: BEAT
Voto medio di 1565
| 462 contributi totali di cui 423 recensioni , 39 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Protagonista è un gatto senza nome - per sua stessa ammissione neanche troppo bello - ma attento e molto acuto, che vive nella casa di un professore di inglese descrivendone meticolosamente le giornate. Ed è proprio l'insolito punto di vista a render ...Continua
Gabriele Torchetti
Ha scritto il 26/04/18
io sono un gatto e voi non siete un ca...
Questo gatto ironico, sarcastico e pungente (anche un po' spocchioso) descrive la vita del suo padrone e delle persone che lo circondano, ne esce fuori un ritratto interessante dei comportamenti umani, delle piccole meschinità e delle banalità che so...Continua
Lorenzo
Ha scritto il 22/03/18
Come hanno scritto altri, romanzo difficile da valutare. Credevo desse più spazio al gatto (visto il titolo...) Invece, all'inizio, e per una buona metà diciamo, molte parti del racconto sono introdotte e "spiegate" dal gatto, ma tutta la seconda par...Continua
Caffefondente
Ha scritto il 03/01/18
Il pericolo dei gatti filosofi
Libro complesso.L'archetipo del gatto filosofo,disincantato e ironico, conduce il lettore alle banalità degli uomini e della vita quotidiana lasciandolo sempre più solo, invischiato in dialoghi che altro scopo non hanno se non quello di rinforzare gl...Continua
Cassetto dei libri
Ha scritto il 22/06/17
Mi ha messa in crisi...a cominciare dalla votazione. Libro difficile..ma non si può negare la portata letteraria. Per questo metto tre stelle. Ci sono libri che non piacciono e sono anche banali e scritti male; altri che, nonostante non ti entrino ne...Continua
Michele75
Ha scritto il 02/06/17

Credo di non aver mai letto un libro che contenesse la stessa ironia, lo stesso sottile sarcasmo e lo stesso umorismo sopraffino di questo libro, o dovrei dire di questo gatto. Moderno e divertente, a tratti un po' lungo.


arya
Ha scritto il Mar 15, 2015, 16:17
Disgraziatamente il naso della Nasona è voltato verso di me e guarda dritto in direzione della mia fronte al di qua dello stagno. È la prima volta in vita mia che vengo guardato da un naso.
Pag. 135
arya
Ha scritto il Mar 15, 2015, 16:15
Che diritto hanno dunque gli uomini di dichiararsi padroni di un luogo che non hanno creato? È vero che nulla impedisce loro di arrogarsi questa facoltà, ma non ne consegue che possano proibirne ad altri l'accesso. Però piantano pali e mettono stacci...Continua
Pag. 133
arya
Ha scritto il Mar 15, 2015, 16:10
Le zampe dei gatti, ovunque si posino, sono così silenziose che non tradiscono mai la loro presenza, quasi calpestassero il cielo o le nuvole. Sono come un gong suonato sott'acqua o un koto pizzicato in una grotta, sono l'intuizione muta e immediata...Continua
Pag. 118
arya
Ha scritto il Mar 15, 2015, 16:07
[...] è l'occasione che induce tutti gli esseri viventi a fare quel che non desiderano.
Pag. 34
aSAle
Ha scritto il Nov 14, 2014, 22:24
Il fatto che poco fa Tatara guardandomi mi abbia accusato di saper solo dormire, di essere un inutile scansafatiche, mi preoccupa un po'.Per gli individui come lui, mossi soltanto da ragioni terra terra, senza altra vita se non quella dei cinque sens...Continua
Pag. 197

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi