Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Ipazia

Donna colta e bellissima fatta a pezzi dal clero

By John Toland

(81)

| Paperback | 9788884101518

Like Ipazia ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

La splendida Ipazia, filosofa e matematica del IV secolo, fu selvaggiamente uccisa e fatta a pezzi, bruciata e ridotta in cenere. Mandante dello scempio fu "un assassino dalle mani pulite", Cirillo, vescovo di Alessandria, poi nominato Santo dalla Ch Continue

La splendida Ipazia, filosofa e matematica del IV secolo, fu selvaggiamente uccisa e fatta a pezzi, bruciata e ridotta in cenere. Mandante dello scempio fu "un assassino dalle mani pulite", Cirillo, vescovo di Alessandria, poi nominato Santo dalla Chiesa Cattolica ed ancor oggi festeggiato ogni 27 Giugno. In questo pamphlet del 1720, per la prima volta in traduzione italiana, il celebre filosofo illuminista John Toland ricostruisce le vicende che portarono all'uccisione di Ipazia e alla lacerazione del suo corpo, denunciando non solo il profilo criminale della Chiesa, ma anche la situazione di assoluta emarginazione che le donne vivevano in quel tempo ... e certo anche oltre quel tempo ... Nel lungo titolo del pamphlet, tutto questo viene significativamente rappresentato: «Ipazia. Storia di una donna bellissima, virtuosa, colta, e poliedrica; fatta a pezzi dal Clero di Alessandria per appagare l'orgoglio, l'invidia e la crudeltà del suo Arcivescovo, comunemente conosciuto, ma immeritatamente reso santo, Cirillo».

18 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Nella peggior "tradizione" illuminista: un sottotitolo chilometrico ed efficace, seguito da un libello striminzito, banale e vano.

    Is this helpful?

    T. de B. - incompleto said on Nov 17, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    « Quando ti vedo mi prostro davanti a te e alle tue parole,
    vedendo la casa astrale della Vergine,
    infatti verso il cielo è rivolto ogni tuo atto
    Ipazia sacra, bellezza delle parole,
    astro incontaminato della sapiente cultura. »
    (Pallada, Antologia P ...(continue)

    « Quando ti vedo mi prostro davanti a te e alle tue parole,
    vedendo la casa astrale della Vergine,
    infatti verso il cielo è rivolto ogni tuo atto
    Ipazia sacra, bellezza delle parole,
    astro incontaminato della sapiente cultura. »
    (Pallada, Antologia Palatina, IX, 400)

    Ipazia (in greco antico: Ὑπατία, in latino: Hypatia; Alessandria d'Egitto, circa 370 – Alessandria d'Egitto, marzo 415) fu una matematica, astronoma e filosofa greca. Rappresentante della filosofia neo-platonica pagana, la sua uccisione da parte di una folla di cristiani fanatici, per alcuni autori composta da monaci detti parabolani(monaci-infermieri alle dirette dipendenze del vescovo di Alessandria Cirillo nonché sua "guardia del corpo"), l'ha resa una martire del paganesimo e della libertà di pensiero.

    In questo breve scritto del 1720 John Toland (libero pensatore irlandese vissuto a cavallo dei secoli XVII e XVIII) esprime da un lato il suo interesse storico per il periodo tardo-antico e dall'altro l'interesse per l'intelligenza femminile, già presente, tra l'altro, nelle "Letters To Serena" (Londra, 1704) in cui scrive: "Non mi fermerò ad esaminare se l'esclusione delle donne dalla cultura sia effetto di un'abitudine inveterata o derivi piuttosto da un progetto esplicito degli uomini... Non ripeterò qui la mia dimostrazione dell'eguaglianza degli organi intellettuali in entrambi i sessi"). Ma scrivere del suo brutale assassinio (Socrate Scolastico scrive che un gruppo di Cristiani «dall'animo surriscaldato, guidati da un lettore di nome Pietro, si misero d'accordo e si appostarono per sorprendere la donna mentre faceva ritorno a casa. Tiratala giù dal carro, la trascinarono fino alla chiesa che prendeva il nome da Cesario; qui, strappatale la veste, la uccisero usando dei cocci. Dopo che l'ebbero fatta a pezzi membro a membro, trasportati i brandelli del suo corpo nel cosiddetto Cinerone, cancellarono ogni traccia bruciandoli) è anche, per Toland un'occasione per ridefinire cosa è cattolico e cosa è santo. Perché il mandante di quell'omicidio (il vescovo Cirillo) non solo non fu punito grazie alla corruzione dei funzionari imperiali, ma fu addirittura fatto Santo (ricorrenza il 27 giugno). Ecco allora che Toland definisce le tre categorie alle quali bisogna appartenere per essere beatificati:
    - magnificare la grandeur della Chiesa con i propri scritti, anziché utilizzarli per istruire i propri concittadini;
    - donare possedimenti e, se si è principi, cedere il potere temporale al clero;
    - essere dei visionari vittime di entusiasmi deliranti.
    Del resto, bisogna ricordare che Toland fu dapprima sostenitore del deismo (dottrina secondo cui l'uso corretto della ragione consente all'uomo di elaborare una religione naturale e razionale completa ed esauriente, capace di spiegare il mondo e l'uomo) per approdare poi ad un panteismo materialistico (Dio è nel Tutto - visione cosmistica - e Tutto è in Dio - visione acosmistica).

    Is this helpful?

    Tanya said on Jan 23, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    il Potere della Chiesa

    Toland mi ha quasi intenerito con quanto amore e sincera ammirazione ha riportato su carta le varie testimonianze
    di coloro che hanno avuto la fortuna di conoscere la grande filosofa di Alessandria.
    un'intensa e breve vita spesa in quello in cui cred ...(continue)

    Toland mi ha quasi intenerito con quanto amore e sincera ammirazione ha riportato su carta le varie testimonianze
    di coloro che hanno avuto la fortuna di conoscere la grande filosofa di Alessandria.
    un'intensa e breve vita spesa in quello in cui credeva e
    amava: la conoscenza, la verità, la continua ricerca, per
    poi spegnersi in un modo così barbaro per volere di un
    vescovo, invidioso del suo sapere e del suo sesso.

    ricordo che nel giorno in cui l'ho letto c'è stato un tragico
    attentato in una chiesa di cristiani copti.
    non ho potuto fare a meno di riconoscere un'amara coincidenza
    di eventi, solo che qui le vittime sono innocenti fedeli,
    proprio come lo era la pagana Ipazia.

    di forte impatto il film 'Agòra', che riesce a far rivivere
    alcuni momenti della sua vita, fino alla sua morte ingiusta.
    un'incantevole Rachel Weisz.

    Is this helpful?

    pulce73 said on Jan 18, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Troppo breve

    Si sa (e si parla) troppo poco di questo personaggio.
    Purtroppo.
    Quantomai curioso il concetto di santità che ha la Chiesa Cattolica.

    Is this helpful?

    Scavenger said on Dec 9, 2010 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Versione del Settecento di una biografia di Ipazia. Riprova di un interesse per la studiosa greca. Interessante la focalizzazione sulle colpe della chiesa, vere e provate dagli scritti del tempo.

    Is this helpful?

    Eika said on Sep 6, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (81)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 42 Pages
  • ISBN-10: 8884101514
  • ISBN-13: 9788884101518
  • Publisher: Clinamen (La Biblioteca d'Astolfo)
  • Publish date: 2010-01-01
Improve_data of this book

Margin notes of this book