Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Suchen Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Irisches Tagebuch

By

Verleger: Dtv

3.9
(290)

Language:Deutsch | Number of Seiten: 137 | Format: Others | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) English , Italian , Spanish

Isbn-10: 3423000015 | Isbn-13: 9783423000017 | Publish date:  | Edition [16. Aufl

Auch verfügbar als: Audio CD

Category: Fiction & Literature , Travel

Do you like Irisches Tagebuch ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 4

    It could be worse

    Cio' che sorprende e' l'inguaribile ottimismo degli irlandesi che, pur avviliti da una fame secolare, costretti ad alimentare un secolare flusso migratorio, ridotti in miseria, continuano a pensare......poteva andare peggio.
    P.S. Sicuramente tanto sara' cambiato, spero che il verde sia rima ...weiter

    Cio' che sorprende e' l'inguaribile ottimismo degli irlandesi che, pur avviliti da una fame secolare, costretti ad alimentare un secolare flusso migratorio, ridotti in miseria, continuano a pensare......poteva andare peggio.
    P.S. Sicuramente tanto sara' cambiato, spero che il verde sia rimasto uguale.

    gesagt am 

  • 4

    Se cercate un'Irlanda, povera e calorosa, verde e sognante, la troverete in questo poetico diario scritto da uno straniero in visita nell'isola della birra, del the e dell'emigrazione. Ma è Böll in persona a mettervi in guardia. La bellezza sta negli occhi di guarda. Se non riuscirete a trovare l ...weiter

    Se cercate un'Irlanda, povera e calorosa, verde e sognante, la troverete in questo poetico diario scritto da uno straniero in visita nell'isola della birra, del the e dell'emigrazione. Ma è Böll in persona a mettervi in guardia. La bellezza sta negli occhi di guarda. Se non riuscirete a trovare l'Irlanda descritta nel libro non prendetevela con l'autore.

    gesagt am 

  • 0

    In 50 anni cambiano moltissime cose.
    Soprattutto se i 50 anni in questione sono quelli che separano l’oggi dalla metà del secolo scorso.
    (25 anni vedevo come fantascientifica, nonché desiderabilissima, l’ipotesi di poter telefonare e vedere contemporaneamente le facce, che certi silen ...weiter

    In 50 anni cambiano moltissime cose.
    Soprattutto se i 50 anni in questione sono quelli che separano l’oggi dalla metà del secolo scorso.
    (25 anni vedevo come fantascientifica, nonché desiderabilissima, l’ipotesi di poter telefonare e vedere contemporaneamente le facce, che certi silenzi, certi borbottiì, senza gli occhi non riuscivo a decodificarli)

    L’Irlanda raccontata da Boll nel 1957 era diversa da quella di adesso.
    Di sicuro ora si emigra di meno, di sicuro ci sono meno preti in giro, di sicuro le donne, “le creature operose di questa terra”, hanno trovato posto nelle bettole tra il whisky e la birra.
    In epigrafe al libro Boll scriveva: “Questa Irlanda esiste: ma chi ci va e non la trova, non può chiedere risarcimenti all’autore.”
    Sono contenta di esserci andata prima di aver letto il libro.
    Dominano i miei ricordi il verde e la pioggia dolce, i cimiteri trafitti da centinaia di croci celtiche, l’attesa che un lepricano spuntasse da un sasso muschioso degli infiniti pascoli (è incredibile quanto sia verde, l’Irlanda, anche alle porte di Dublino) e quel gusto che definirei “pittoresco” prendendo a prestito il termine dalla storia dell’arte, nel lasciare in stato di finto abbandono le rovine delle antiche abbazie.

    “…non si avverte traccia alcuna di violenza. Il tempo e gli elementi con infinita pazienza si sono divorati tutto quello che non era pietra e dalla terra crescono cuscini su cui le ossa si posano come reliquie: il muschio e l’erba.”

    Se l’avessi letto prima, non l’avrei trovata, l’Irlanda di cui Boll racconta, perché mi sarei ostinata a cercarla.
    E invece.

    “IL folklore è un po’ come l’ingenuità: quando ci si accorge di averla, si è già perduta”

    gesagt am 

  • 4

    Un racconto quasi incantato, pieno di sentimento e nostalgia.

    *****

    I cimiteri sono pieni di persone senza le quali il mondo non poteva vivere.

    Quando Dio creo' il tempo, ne fece in abbondanza.

    gesagt am 

Sorting by