It

Di

Editore: Sperling & Kupfer (Superbestseller Paperback, 69)

4.4
(8949)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 1238 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Chi tradizionale , Svedese , Russo , Olandese , Turco , Portoghese , Polacco , Croato , Ceco

Isbn-10: 8878240818 | Isbn-13: 9788878240810 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Tullio Dobner

Disponibile anche come: Copertina rigida , eBook , Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Horror , Fantascienza & Fantasy

Ti piace It?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
In una ridente e sonnolenta cittadina americana, un gruppo di ragazzini, esplorando per gioco le fogne, risveglia da un sonno primordiale una creatura informe e mostruosa: It. E quando, molti anni dopo, It ricomincia a chiedere il suo tributo di sangue, gli stessi ragazzini, ormai adulti, abbandonano famiglia e lavoro per tornare a combatterla. E l'incubo ricomincia...
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    King, non te lo perdòno!

    Un libro che fino a 100/150 pagine dalla fine si sarebbe meritato anche 5 stelle. Poi un delirio tra ragni incinta e tartarughe e alieni. Ma su tutto l'orgia tra dodicenni: cosa diavolo c'entra? Che s ...continua

    Un libro che fino a 100/150 pagine dalla fine si sarebbe meritato anche 5 stelle. Poi un delirio tra ragni incinta e tartarughe e alieni. Ma su tutto l'orgia tra dodicenni: cosa diavolo c'entra? Che senso ha nell'economia del libro? L'ho trovata inutile e fastidiosa.
    E spero di essere colta dalla stessa amnesia dei protagonisti di IT, spero di dimenticare quella parte del libro e di serbare il ricordo di tutto quello che fin lì (e anche dopo) mi era piaciuto.

    "è bello essere bambini, ma è anche bello essere adulti ed essere capaci di riflettere sul mistero dell'infanzia...sulle sue credenze e i suoi misteri"

    ha scritto il 

  • 5

    l'unico difetto di questo libro è che purtroppo finisce, King è un maestro non tanto nel far paura ma nel farti amare i personaggi dei suoi libri, e lasciare quella combriccola di piccoli perdenti ti ...continua

    l'unico difetto di questo libro è che purtroppo finisce, King è un maestro non tanto nel far paura ma nel farti amare i personaggi dei suoi libri, e lasciare quella combriccola di piccoli perdenti ti lascia un vago senso di tristezza.

    ha scritto il 

  • 3

    Stanno stretti sotto i letti, sette spettri a denti stretti.

    Dunque dunque dunque. Buona lettura. Lettura dovuta e obbligatoria se vogliamo, perché It è un "classico" di Stephen King e alla fine è un romanzo che va letto per tanti motivi, per l'amicizia che leg ...continua

    Dunque dunque dunque. Buona lettura. Lettura dovuta e obbligatoria se vogliamo, perché It è un "classico" di Stephen King e alla fine è un romanzo che va letto per tanti motivi, per l'amicizia che lega i nostri eroi, per l'horror, per la tensione, per lo splatter e, a prescindere, è una storia difficile da dimenticare se non impossibile. Però per quanto mi riguarda, non è stato il miglior Stephen King, troppo lungo è il primo appunto, 1440 pagine sono infinite, ci ho messo un mese esatto a leggerlo ed è un impresa che non ripeterò mai più. Secondo, terzo ecc ecc appunto, nelle ultime 200 pagine o giù di li ho sofferto di claustrofobia, la storia si fa troppo fantasy e troppo surreale e il sesso gratuito proprio no. Questo il motivo delle mie stelline. Ho letto di meglio del King. Certo è che dopo questa abbuffata di parole, pagine, sangue, ragni, mostri, pagliacci, ossa rotte e chi più ne ha più ne metta, mi ci vorrà un pò per riavvicinarmi all'autore.

    Gli piaceva l'odore dei libri, un odore di spezie, che aveva del favoloso. Ogni tanto passava fra gli scaffali per gli adulti, rimirando migliaia di volumi e immaginando un mondo di vite dentro ciascuno di essi, come talvolta, camminando per la sua via in un crepuscolo affocato e affumicato di un pomeriggio di tardo ottobre, il sole ridotto a una linea di arancione cupo all'orizzonte, immaginava le vite che si svolgevano dietro tutte quelle finestre: persone che ridevano o litigavano o sistemavano i fiori o davano da mangiare ai bambini o a cani e gatti, oppure desinavano loro stessi guardando la telescatola.

    Forse, considerò, non esistono nemmeno amici buoni o cattivi, forse ci sono solo amici, persone che prendono le tue parti quando stai male e che ti aiutano a non sentirti solo. Forse per un amico vale sempre la pena avere paura e sperare e vivere. Forse vale anche la pena persino morire per lui, se così ha da essere. Niente amici buoni. Niente amici cattivi. Persone e basta che vuoi avere vicino, persone con le quali hai bisogno di essere; persone che hanno costruito la loro dimora nel tuo cuore.

    ha scritto il 

  • 5

    Il lungo viaggio è terminato. Un altro libro che ho adorato, mi ha emozionato come pochi (per fortuna non è arrivato a farmi soffrire come "La zona morta"). Bello bello bello.
    Certo, ci sono state cer ...continua

    Il lungo viaggio è terminato. Un altro libro che ho adorato, mi ha emozionato come pochi (per fortuna non è arrivato a farmi soffrire come "La zona morta"). Bello bello bello.
    Certo, ci sono state certe scene che mi hanno lasciata un po' perplessa. Però non fa niente, il suo stile di scrittura (a tratti poetico, a tratti sobrio), le tematiche che tratta, la nostalgia che provi alla fine, le digressioni su altre epoche e persone, i personaggi che ha creato (non ho trovato nessuno di loro stereotipato, semmai partono da uno stereotipo ma poi si approfondiscono, impari a conoscerli)... Tutto questo mi è bastato. Mi mancheranno Penny e tutti gli altri.

    ha scritto il 

  • 0

    fantastico

    Avevo letto solo schining di King e mi era piaciuto molto anche se il film era inarrivabile e uno dei pochi casi dove la celluloide è meglio del cartaceo. IT è eccezionale ma non per le trovate Horro ...continua

    Avevo letto solo schining di King e mi era piaciuto molto anche se il film era inarrivabile e uno dei pochi casi dove la celluloide è meglio del cartaceo. IT è eccezionale ma non per le trovate Horror che forse ai giorni nostri fanno un pochino sorridere, ma per il modo di rappresentare tutto quello che succede attraverso gli occhi di ragazzini e dare esattamente l'idea di come loro vivano la cosa. Inoltre ti fa ricordare come si era da ragazzini. Il modo di vedere le cose come se fosse tutto un sogno, poco reale.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Forse lo avrei apprezzato di più se letto in adolescenza..
    L'ho trovato noioso in molte parti, e i pochi momenti di "paura" non compensano le lungaggini che tanto odio. Peccato, me ne avevano parlato ...continua

    Forse lo avrei apprezzato di più se letto in adolescenza..
    L'ho trovato noioso in molte parti, e i pochi momenti di "paura" non compensano le lungaggini che tanto odio. Peccato, me ne avevano parlato così bene..
    A parità di pagine, e di autore, ho amato molto The dome, letto in una settimana, piuttosto che questo tanto acclamato It.
    Gioca sulle paure, ma per tirare fuori un finale ci caccia in mezzo gli alieni, le entità di luce... Non mi ha convinta.
    Ottimi invece i personaggi, ben costruiti, soprattutto (come sempre) i cattivi.

    ha scritto il 

  • 4

    La fine e l'inizio

    Amo King, ho letto molto di questo autore ma non avevo mai letto IT, il suo capolavoro, perchè di capolavoro si tratta. C'è tutto quello che mi piace in un libro: una scrittura particolareggiata, prot ...continua

    Amo King, ho letto molto di questo autore ma non avevo mai letto IT, il suo capolavoro, perchè di capolavoro si tratta. C'è tutto quello che mi piace in un libro: una scrittura particolareggiata, protagonisti ben caratterizzati, tematiche un po' scomode, tensione, paura. Quelli che per alcuni sono difetti (prolissità) per me sono pregi e proprio per questo ho adorato questo romanzo. È una lettura secondo me imprescindibile, lo consiglio a tutti, non ve ne pentirete.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per