Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

It Had to Be You

By

Publisher: Books on Tape

4.3
(599)

Language:English | Number of Pages: | Format: Audio Cassette | In other languages: (other languages) German , Chi traditional , Japanese , Spanish , Italian , French , Korean

Isbn-10: 5557122818 | Isbn-13: 9785557122818 | Publish date: 

Also available as: Paperback , eBook , Hardcover , Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like It Had to Be You ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
The Windy City isn't quite ready for Phoebe Somerville -- the outrageous, curvaceous New York knockout who has just inherited the Chicago Stars football team. And Phoebe is definitely not prepared for the Stars' head coach Dan Celebow, a sexist jock taskmaster with a one-track mind. Celebow is everything Phoebe abhors. And the sexy new boss is everything Dan despises -- a meddling bimbo who doesn't know a pigskin from a pitcher's mound.

So why is he drawn to the shameless sexpot like a heat-seeking missile? And why does the coach's good ol' boy charm leave cosmopolitan Phoebe feeling awkward, tongue-tied....and ready to fight?

The sexy, heartwarming, and hilarious "prequel" to Susan Elizabeth Phillip's This Heart of Mine -- her sensational bestsellng blockbuster -- It Had To Be You is an enchanting story of two stubborn people who believe in playing for keeps.

Sorting by
  • 4

    Ma sì, carino!

    Solito discorso: se un romanzo mi fa fare nottata a furia di "Ancora un capitolo... solo un altro capitolo..." etc., per quanto mi riguarda, almeno 4 stelline le merita.
    Non sarà certo un capolavoro della letteratura, ma l'ho trovato piacevole e, a tratti, anche divertente (ci sono almeno u ...continue

    Solito discorso: se un romanzo mi fa fare nottata a furia di "Ancora un capitolo... solo un altro capitolo..." etc., per quanto mi riguarda, almeno 4 stelline le merita.
    Non sarà certo un capolavoro della letteratura, ma l'ho trovato piacevole e, a tratti, anche divertente (ci sono almeno un paio di scene decisamente esilaranti).
    Storia e personaggi sono gradevoli, anche se confesso che ho preferito la prima parte del romanzo, i cui i due protagonisti si comportano tra loro come cane e gatto. Comunque è tenera anche l'evoluzione del loro rapporto, dalla reciproca insofferenza iniziale alla progressiva apertura di lei, che pian piano abbandona i panni della seduttiva pin-up senza cervello per rivelarsi nella sua intelligenza e fragilità. Avrei apprezzato molto di più Dan se non fosse per la sua fissazione per la ricerca di una donna "fattrice". Non ci posso fare niente, ma - sicuramente per problemi miei - un uomo che immagina la sua donna ideale in cucina attorniata da una nidiata di pargoli mi ispira solamente... diciamo, sentimenti negativi, mooolto negativi (perché se dovessi elencarli tutti potrei anche occupare un paio di pagine). Sì, questa caratteristica del protagonista è uno dei motivi per cui non ho assegnato la 5a stellina. Un altro motivo è legato al fatto che ho trovato la parte "suspense" finale un po' fuori luogo, messa lì per movimentare la situazione (e, secondo me, non era affatto necessario, perché "l'elemento Reed" poteva bastare) e poco approfondita. Date le premesse sui gusti di Dan in fatto di donne, l'epilogo mi ha quasi dato l'orticaria. Insomma, piacevole lettura leggera.

    said on 

  • 5

    Parte con questo libro una serie dedicata al football (sport che trovo stupendo) non poteva che essere un capolavoro, i personaggi non sono scontati, ognuno porta un fardello difficile di una vita non proprio idilliaca, non mancano scene comiche che alleggeriscono l'atmosfera e la passione non vi ...continue

    Parte con questo libro una serie dedicata al football (sport che trovo stupendo) non poteva che essere un capolavoro, i personaggi non sono scontati, ognuno porta un fardello difficile di una vita non proprio idilliaca, non mancano scene comiche che alleggeriscono l'atmosfera e la passione non viene trasformata in qualcosa di volgare ma in un valore aggiunto per il libro.

    said on 

  • 4

    Sono perplessa

    I personaggi non mi hanno certo entusiasmato, la trama non mi è piaciuta: un utilizzo smodato di stereotipi posti come caricature per dare una sfumatura umoristica, un susseguirsi di scelte narrative da parte dell'autrice che non hanno minimamente incontrato i miei gusti.
    Lei: traumatizzata ...continue

    I personaggi non mi hanno certo entusiasmato, la trama non mi è piaciuta: un utilizzo smodato di stereotipi posti come caricature per dare una sfumatura umoristica, un susseguirsi di scelte narrative da parte dell'autrice che non hanno minimamente incontrato i miei gusti.
    Lei: traumatizzata, in teoria, reagisce diventando una pin-up dall'aria svampita, facendo credere a tutti di essere una bambola facile senza cervello (avete presente Valeria Marini?). In realtà ha sì un corpo da sballo che mette in risalto con improbabili tenute, si comporta da oca giuliva, ma è una "suora"
    filantropa con solidissimi principi, un quoziente intellettivi sbalorditivo e intuizioni geniali per gli affari.
    Lui: il bonazzo della situazione, che, complice l'aspetto da super-maschio-alpha-combattente, si farebbe qualsiasi cosa che gli passa davanti. Però, attenzione, colpo di scena amici ascoltatori, in realtà è monogamo incallito,che si porta a letto la stessa donna da anni, anche quando non dovrebbe più, e ha rinnegato una gioventù di bagordi, che, oltre a fargli godere ogni tipo di piacere, gli ha insegnato molto e non ha minimamente influito su prestazioni sportive da super-campione. E naturalmente ha un cuore d'oro, vuole sposarsi, mettere su famiglia, nasconde una tenerezza tutta zucchero e miele, ma all'occorrenza batte come un tappeto chiunque minacci ciò che è suo.
    Ho mal digerito il colpo di scena suspense finale che a me è sembrato inutile e poco credibile per non parlare della relazione con la maestra d'asilo: della serie " mi sposo con la sicurezza, ma vado a letto con l'eccitazione"... bleah!!!
    Eppure, nonostante tutti questi difetti, il sentimento si è scollegato dalla logica ed ho continuato a leggere, freneticamente, ininterrottamente, senza riuscire a staccarmi dalle pagine, appassionandomi alla storia, affezionandomi a questi personaggi che han continuato a non piacermi molto, tifando per il lieto fine e quasi indispettendomi quando sono arrivata all'ultima di 300 e passa pagine...

    Proseguo la serie tentando di capire perchè quest'autrice susciti in me reazioni tanto contrastanti.

    said on 

  • 3

    Come sottolinea la nota a fine libro, il romanzo è un pochino diverso dai soliti romanzi rosa, soprattutto per i protagonisti e per l'elemento dello sport.
    Certo tanti altri elementi classici ci sono ancora, come il fatto che i due prima si odino e poi finiscano per amarsi o che siano oppos ...continue

    Come sottolinea la nota a fine libro, il romanzo è un pochino diverso dai soliti romanzi rosa, soprattutto per i protagonisti e per l'elemento dello sport.
    Certo tanti altri elementi classici ci sono ancora, come il fatto che i due prima si odino e poi finiscano per amarsi o che siano opposti che si attraggono.

    La protagonista è quanto di più lontano si possa avere da un'eroina: entra in scena in abiti succinti e con l'attitudine da mangiauomini stupida e snob (dubito che le lettrici sentano il bisogno di identificarsi o anche solo di simpatizzare con un personaggio del genere), ma si scopre subito che la sua è una posa per tenere gli altri a distanza e tenere a bada le proprie insicurezze.
    Lui è bello ma irascibile e per niente accomodante. Sbava sul corpo di lei anche lui, ma pensa immediatamente che sia un'oca senza ritegno (come biasimarlo?).
    Il loro rapporto si sviluppa per scontri e tregue, un continuo tira e molla (non proprio quello che io definirei romantico, ma son gusti).

    Io di football non so un accidente. Ho nozioni estremamente superficiali e solo perché sono cresciuta all'ombra del cinema americano, come tutti gli italiani da più di cinquant'anni a questa parte. Eppure il libro non entra nel dettaglio del gioco ma mi ha fatto comunque venire un po' voglia di approfondire l'argomento, un po' come leggere uno spokon su una disciplina mai praticata prima. Il pizzico di sport mi è piaciuto, l'ho trovato divertente e interessante, sebbene non sia il mio campo (e magari proprio per questo).

    Mi sono particolarmente piaciuti i personaggi. Descritti bene anche con poche righe, perfino quelli odiosi.
    Menzione speciale per i giocatori dei Chicago Stars e in particolare per Bobby Tom, che mi ha conquistata con la sua allegria ed esuberanza.

    Non uno dei più bei romance che abbia letto, ma valeva la lettura e mi ha divertito.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Avevo iniziato questo libro tempo addietro. Ammetto che, all'epoca, dopo aver letto la scena del funerale, lo avevo accantonato, dimenticandolo completamente. Questa volta invece mi sono esortata a procedere e... ne è valsa la pena. E' un libro molto carino, ben scritto e con una trama che, per q ...continue

    Avevo iniziato questo libro tempo addietro. Ammetto che, all'epoca, dopo aver letto la scena del funerale, lo avevo accantonato, dimenticandolo completamente. Questa volta invece mi sono esortata a procedere e... ne è valsa la pena. E' un libro molto carino, ben scritto e con una trama che, per quanto scontata nello svolgimento, parte da premesse interessanti. L'atteggiamento di lei, il suo tentativo di mascherare le sue insicurezze, al di là di abiti scintillanti e provocanti, ha anche un senso. Il bisogno di controllo che si acuisce in lei, anno dopo anno, è comprensibile. Un pò meno lui, in realtà. Soprattutto per quello che riguarda la maestra d'asilo, che tenta di conquistare, in modo assai incerto.
    Per il resto è una lettura che assolutamente consiglio, agli amanti del genere.

    said on 

  • 5

    Primo libro che leggo di quest’autrice che mi era stata, per altro, suggerita in massa da alcune amiche.
    Dopo aver letto il libro in meno di una giornata una domanda mi è sorta spontanea: come mai non ho comprato prima questa saga? Misteri della vita.
    La narrazione è semplice eppur sc ...continue

    Primo libro che leggo di quest’autrice che mi era stata, per altro, suggerita in massa da alcune amiche.
    Dopo aver letto il libro in meno di una giornata una domanda mi è sorta spontanea: come mai non ho comprato prima questa saga? Misteri della vita.
    La narrazione è semplice eppur scorrevole e molto accurata. C’è il pregio di scoprire più di una nozione sui personaggi di contorno, che si trovano spesso e volentieri ad interagire con i protagonisti. Un dettaglio che ho particolarmente apprezzato, specialmente perché segnale di quanto sia brava l’autrice a spostarsi tra vari personaggi senza tuttavia perdere il filo centrale della storia.
    Non mi ha convinto al 100% Phoebe, che sceglie di diventare una svampita oca bionda per dimostrare la sua superiorità verso gli uomini. Per non parlare poi di questo suo presunto complesso del peso, che però non le impedisce di andare in giro praticamente mezza nuda. Contrasto non da poco che mi ha lasciato un pochino perplessa, specialmente nel momento della scenata sui “quattro chili da perdere sui fianchi”.
    Dan è invece il classico macho un po’ stereotipato e dunque estremamente promiscuo, attaccabrighe, facile all’ira e poco incline al dialogo. Eppure le sue reazioni esagerate non sono state troppo fastidiose e dunque nel complesso si è rivelato un protagonista maschile abbastanza piacevole.
    Carine le storie di contorno e molto interessante l’ambientazione. Non mi era mai capitato prima di leggere un romanzo d’amore “sportivo” e sebbene il football americano rimanga per me un mistero, il romanzo mi è piaciuto indubbiamente tantissimo.
    Consigliato!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    期待越大失望越大,這是我看完後唯一想法。
    通常金髮美女又是肉彈往往是無條件灑五葉,但是書中男主角丹恩太讓人生氣。一來沒辦法接受他跟前妻純炮友關係,二來無法忍受他騎驢找馬,小學女老師&菲碧一手抓作風。也因為書裡茉莉這個角色讓人討厭,直接pass芳心誰屬這本書。我恐怕是極少數不喜歡這本書的同學,三葉是我能給的極限了。

    said on 

  • 5

    Primo libro della serie. Dopo giri e rigiri in tutte le librerie, finalmente l'ho trovato! Quando ho sbirciato le recensioni del libro di Bobby Tom, ho letto che questo romanzo è mooolto più bello del secondo, considerato un'idiozia da alcuni. Màh... Io continuo a pensare che il secondo sia megli ...continue

    Primo libro della serie. Dopo giri e rigiri in tutte le librerie, finalmente l'ho trovato! Quando ho sbirciato le recensioni del libro di Bobby Tom, ho letto che questo romanzo è mooolto più bello del secondo, considerato un'idiozia da alcuni. Màh... Io continuo a pensare che il secondo sia meglio del primo :B): Comunque, qui sono in scena il coach Dan Calebow e la neoproprietaria degli Stars, Phoebe Somerville. Che dire... tante risate! A cominciare dal funerale in apertura :lol: Diciamo che Dan è un po' l'uomo dei sogni, serio, responsabile, che vuole una famiglia. Mentre lei ostenta questo atteggiamento da predatrice sessuale, quando invece ha una fifa matta degli uomini a causa di uno stupro subito da adolescente. Una storia davvero molto bella - interminabile, ma commovente. C'è anche un po' di suspense, nelle pagine finali, che non guasta ;) Un epilogo un po' troppo smielato, però!

    said on 

  • 4

    Non è il solito banale romanzo rosa/erotico con una trama scadente in cui nei 3/4 è presente solo e soltanto lemon come potrebbe sembrare dal titolo dell'edizione italiana. (It had to be you è il titolo azzeccato, peccato che come sempre la traduzione italiana lascia a desiderare.) La storia mi ...continue

    Non è il solito banale romanzo rosa/erotico con una trama scadente in cui nei 3/4 è presente solo e soltanto lemon come potrebbe sembrare dal titolo dell'edizione italiana. (It had to be you è il titolo azzeccato, peccato che come sempre la traduzione italiana lascia a desiderare.) La storia mi è piaciuta molto. Se all'inizio si può essere tentati ad abbandonarla, verso la metà mostra tutti i lati positivi che ha da offrire...e non si riesce più a smettere di leggere!
    Ho adorato il personaggio di Phoebe, rappresenta perfettamente come le persone possano recitare dei ruoli nella vita reale che si allontanano completamente da noi stessi, e sono rimasta molto affascinata dal modo di descriverlo dell'autrice.
    Sono molto soddisfatta della lettura e credo leggerò subito il secondo libro della serie.

    said on