Jack Frusciante è uscito dal gruppo

Una maestosa storia d'amore e di rock parrocchiale

Di

Editore: Mondadori DeAgostini (Miti collection)

3.6
(10876)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 216 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Catalano , Polacco

Isbn-10: A000080467 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati , Altri , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Adolescenti

Ti piace Jack Frusciante è uscito dal gruppo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il "vecchio Alex", fino ai sedici anni, era sempre stato un ragazzo attento, ordinato, coscienzioso e diligente, sia a scuola che in famiglia: in seguito poi alla lettura di Due di due di Andrea De Carlo, nella sua mente scatta qualcosa che lo porta alla ribellione agli schemi che fino ad allora avevano prevalso su di lui. Decide allora di comportarsi in maniera decisamente "anarchica", diversa rispetto a quello che è il suo "piccolo mondo facile", cioè il liceo scientifico "bene" che frequenta e la famiglia imborghesita che lo vorrebbe conformato ai dettami della classe sociale cui appartengono. Il "bigio" Liceo Caimani è in realtà il Liceo Galvani di Bologna, celebre liceo classico della città, ben noto come scuola frequentata dai figli della Bologna bene.

Nel bel mezzo di questo non poco turbolento passaggio dalla tardoadolescenza all'età adulta, improvvisamente nella sua vita compare Adelaide, per gli amici Aidi, di un solo anno più giovane di lui. La ragazza, di origini siciliane, ha lo speciale dono di poter vedere "dentro" Alex, attraverso la corazza di indifferenza e strafottenza che lui stesso ha innalzato tra sé e il resto del mondo. Complice un libro di poesie di Cummings, i due si incontrano e, almeno per Alex, è subito amore. Per Aidi le cose non sono così semplici: ha intrapreso un progetto di scambio culturale che la porterà, finito il corrente anno scolastico, a trasferirsi per un anno in America...
Ordina per
  • 4

    Impossibile smettere

    Questo libro, nonostante sembri che abbia una trama ordinaria e banale, si è rivelato essere frizzante ed unico nel suo genere: la presenza di metafore, riflessioni sulla società e citazioni e riferim ...continua

    Questo libro, nonostante sembri che abbia una trama ordinaria e banale, si è rivelato essere frizzante ed unico nel suo genere: la presenza di metafore, riflessioni sulla società e citazioni e riferimenti a famose canzoni ha contribuito ad intrigare il lettore e a farlo immedesimare nei protagonisti, i giovani liceali Alex ed Adelaide, alle prese con i primi amori e i mille problemi che affliggono gli adolescenti.
    L'autore critica, in chiave quasi ironica, il rapporto travagliato tra genitori e figli. Scritto in maniera accattivante, è impossibile smettere di leggere. Rappresenta in pieno una società di una generazione precedente la nostra, un'epoca dove gli smartphone non esistevano e la musica era in cassetta; essa tuttavia risulta vicina a noi, perchè i giovani e il loro bisogni non cambiano.
    Un libro eterno e per niente superficiale, che affascina lettori di qualsiasi età.

    ha scritto il 

  • 1

    Artificiale

    Romanzo artificiale e poco sincero; il protagonista è odioso e noioso.
    Il linguaggio utilizzato è lo stesso degli Skiantos, solo che questi ultimi lo utilizzavano per prenderne in giro l'idiozia, Briz ...continua

    Romanzo artificiale e poco sincero; il protagonista è odioso e noioso.
    Il linguaggio utilizzato è lo stesso degli Skiantos, solo che questi ultimi lo utilizzavano per prenderne in giro l'idiozia, Brizzi invece lo utilizza (in modo ridondante e sovrabbondante) come se fosse qualcosa di importante, di eroico. Come se il linguaggio marchi la differenza tra il personaggio finto-ribelle e la sua famiglia da mulino bianco pregna d'ipocrisia borghese. Che macchiette.
    Altro appunto, la storia non mi ha per nulla coinvolto.
    Diciamo che questo romanzo rappresenta per me una sorta di antimodello, infatti sono contento di averlo letto, non è stata una lettura sprecata perché mi ha lasciato molto.

    ha scritto il 

  • 5

    Casualmente ho letto questo libro nel suo anniversario dei 20 anni dalla sua pubblicazione. Mi ricordavo solo un po' il film ma, un po' per noia e un po' per dimenticanza, non l'ho mai letto.
    Come mi ...continua

    Casualmente ho letto questo libro nel suo anniversario dei 20 anni dalla sua pubblicazione. Mi ricordavo solo un po' il film ma, un po' per noia e un po' per dimenticanza, non l'ho mai letto.
    Come mi è già capitato per altri libri, questo è uno di quelli dove bisogna leggerlo ad un certo periodo della propria vita. Leggerlo ora mi ha riportato indietro alla mia adolescenza, fatta di primi amori e di come il mondo inizia ad assumere varie tonalità di grigi togliendo il posto al "tutto bianco o tutto nero". Un bel tuffo nel passato insomma.
    Lo slang strizza un po' l'occhio ad Arancia Meccanica, ma senza strafare: in fondo a quell'età si usano molto di più termini inventati per sentirsi parte di un gruppo, cosa che poi, crescendo, si perde.

    Un gran bel tuffo nel passato.

    ha scritto il 

  • 1

    La vera denuncia di questo libro è sull'ingiustizia delle scelte editoriali italiane

    Pessimo libro di adolescenza palesemente scritto da un adulto per dare sfogo a digressioni personali sull'interpretazione della cosiddetta "età cretina", pretesto per un uso insensato (e fastidioso da ...continua

    Pessimo libro di adolescenza palesemente scritto da un adulto per dare sfogo a digressioni personali sull'interpretazione della cosiddetta "età cretina", pretesto per un uso insensato (e fastidioso da leggere) di finto linguaggio moderno, che l'autore poco abilmente costruisce inserendo punteggiature random sempre a sproposito e parole infarcite di K, come se questo bastasse a ricreare la tipica parlata dei ragazzi.
    Il protagonista che dovrebbe essere il cardine del romanzo è una vera macchietta del cosiddetto adolescente medio, così superficiale e ameno da essere più credibili i ragazzi tormentati e pieni di drammoni dei romanzi New Adult americani.
    La sua giovane età è usata solo come pretesto per un interminabile elenco di luoghi comuni sui ragazzi d'oggi, pieno dei pregiudizi che gli adulti hanno sulle nuove generazioni.
    L'ho trovato a tratti fastidioso, odioso e superficiale, una descrizione assolutamente non veritiera, ma anzi strumentalizzata, di quella che è l'adolescenza e ricordo che quando avevo 16 anni questo mi fece molto arrabbiare, oggi mi dispiace solo che certi romanzi siano portato in palmo di mano quando tanti altri autori decisamente migliori rimangono negli oscuri meandri dell'anonimato e dell'auto-pubblicazione.

    ha scritto il 

  • 5

    È passato tanto tempo e mi piace ancora moltissimo..

    ... era un’emozione maestosa come sdraiarsi sui binari e fermare una locomotiva con la forza delle gambe o nuotare in apnea, per ore, in un mare d ...continua

    È passato tanto tempo e mi piace ancora moltissimo..

    ... era un’emozione maestosa come sdraiarsi sui binari e fermare una locomotiva con la forza delle gambe o nuotare in apnea, per ore, in un mare di tè fresco alla pesca..

    ha scritto il 

  • 4

    Ovverosia quando una scelta insensata rivoluziona il nostro modo d'essere e ci fa capire che a volte anche le idee e i sogni più radicali possono cambiare, stabilendo nuove priorità.

    ha scritto il 

  • 5

    Invecchiare è diverso da non essere stati giovani.

    L'ho letto a 16 anni, nel 1997.
    Poi non l'ho più ripreso per paura di rivinarmi il ricordo e autocommiserarmi all'idea di averlo amato così tanto da giovane, fino a qualche settimana fa quando ho deci ...continua

    L'ho letto a 16 anni, nel 1997.
    Poi non l'ho più ripreso per paura di rivinarmi il ricordo e autocommiserarmi all'idea di averlo amato così tanto da giovane, fino a qualche settimana fa quando ho deciso di rileggerlo.
    Niente, è ancora bellissimo.

    ha scritto il 

  • 4

    storia di adolescenza

    è un racconto incentrato sugli adolescenti che ho sentito tanto reale, mi è sembrato di rivivere "Il ballo delle Cicale" un libro letto tantissimi anni fa, quando anch'io ero un adolescente.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per