Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Jack Frusciante Se Fue Del Grupo

Per

Editor: Alfaguara

3.6
(10760)

Language:Català | Number of Pàgines: | Format: Paperback | En altres llengües: (altres llengües) Italian , English , Spanish , Polish

Isbn-10: 9505113307 | Isbn-13: 9789505113309 | Data publicació: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Do you like Jack Frusciante Se Fue Del Grupo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Registra't gratis
Descripció del llibre
¿Por qué Jack Frusciante ¿guitarrista de los Red Hot Chili Peppers¿ se fue del grupo, justo cuando el dinero comenzaba a llover sobre su cabeza? El "viejo Alex" cree saberlo: él también entrevió un futuro deleznable cuando, en pocos meses, pasó de ser un estudiante modelo a un hosco "tardoadolescente" . Como un Holden Caulfield de los noventa (la cita de Salinger es obligada), Alex toma distancia de su familia y se refugia en un amor inclaudicable por Aidi, con quien comparte un noviazgo tan célibe como apasionado. Novela sarcástica e imprevisible, Jack Frusciante recuenta los odios y lealtades del adolescente actual: del culto al rock y sus dioses al repudio de las normas que imponen el colegio, la familia pequeñoburguesa y la moral puritana. Publicada originalmente por una minúscula editorial, Jack Frusciante se convirtió en colltraseña de una generación. Brizzi contaba diecinueve años cuando escribió esta deliciosa saga juvenil.
Sorting by
  • 1

    La vera denuncia di questo libro è sull'ingiustizia delle scelte editoriali italiane

    Pessimo libro di adolescenza palesemente scritto da un adulto per dare sfogo a digressioni personali sull'interpretazione della cosiddetta "età cretina", pretesto per un uso insensato (e fastidioso da ...continua

    Pessimo libro di adolescenza palesemente scritto da un adulto per dare sfogo a digressioni personali sull'interpretazione della cosiddetta "età cretina", pretesto per un uso insensato (e fastidioso da leggere) di finto linguaggio moderno, che l'autore poco abilmente costruisce inserendo punteggiature random sempre a sproposito e parole infarcite di K, come se questo bastasse a ricreare la tipica parlata dei ragazzi.
    Il protagonista che dovrebbe essere il cardine del romanzo è una vera macchietta del cosiddetto adolescente medio, così superficiale e ameno da essere più credibili i ragazzi tormentati e pieni di drammoni dei romanzi New Adult americani.
    La sua giovane età è usata solo come pretesto per un interminabile elenco di luoghi comuni sui ragazzi d'oggi, pieno dei pregiudizi che gli adulti hanno sulle nuove generazioni.
    L'ho trovato a tratti fastidioso, odioso e superficiale, una descrizione assolutamente non veritiera, ma anzi strumentalizzata, di quella che è l'adolescenza e ricordo che quando avevo 16 anni questo mi fece molto arrabbiare, oggi mi dispiace solo che certi romanzi siano portato in palmo di mano quando tanti altri autori decisamente migliori rimangono negli oscuri meandri dell'anonimato e dell'auto-pubblicazione.

    dit a 

  • 5

    È passato tanto tempo e mi piace ancora moltissimo..

    ... era un’emozione maestosa come sdraiarsi sui binari e fermare una locomotiva con la forza delle gambe o nuotare in apnea, per ore, in un mare d ...continua

    È passato tanto tempo e mi piace ancora moltissimo..

    ... era un’emozione maestosa come sdraiarsi sui binari e fermare una locomotiva con la forza delle gambe o nuotare in apnea, per ore, in un mare di tè fresco alla pesca..

    dit a 

  • 4

    Ovverosia quando una scelta insensata rivoluziona il nostro modo d'essere e ci fa capire che a volte anche le idee e i sogni più radicali possono cambiare, stabilendo nuove priorità.

    dit a 

  • 5

    Invecchiare è diverso da non essere stati giovani.

    L'ho letto a 16 anni, nel 1997.
    Poi non l'ho più ripreso per paura di rivinarmi il ricordo e autocommiserarmi all'idea di averlo amato così tanto da giovane, fino a qualche settimana fa quando ho deci ...continua

    L'ho letto a 16 anni, nel 1997.
    Poi non l'ho più ripreso per paura di rivinarmi il ricordo e autocommiserarmi all'idea di averlo amato così tanto da giovane, fino a qualche settimana fa quando ho deciso di rileggerlo.
    Niente, è ancora bellissimo.

    dit a 

  • 4

    storia di adolescenza

    è un racconto incentrato sugli adolescenti che ho sentito tanto reale, mi è sembrato di rivivere "Il ballo delle Cicale" un libro letto tantissimi anni fa, quando anch'io ero un adolescente.

    dit a 

  • *** Aquest comentari conté spoilers! ***

    0

    Sicuramente, leggendolo in tarda adolescenza sarebbe stato maggiormente apprezzato.
    Per il resto, ho trovato la seconda parte (dalla morte di Martino, per capirci) molto più interessante e formativa, ...continua

    Sicuramente, leggendolo in tarda adolescenza sarebbe stato maggiormente apprezzato.
    Per il resto, ho trovato la seconda parte (dalla morte di Martino, per capirci) molto più interessante e formativa, adorando i dialoghi tra Alex e Aidi e le critiche sociali vomitate nelle registrazioni personali d'Alessandro.

    dit a 

  • 2

    Aspettative deluse

    Tanto ne ho sentito parlare e chissà che mi aspettavo. E' per ragazzi ma ho trovato pesante proseguire nella lettura, uno stile che proprio non si addice a me. Sarà che ho passata l'adolescenza da un ...continua

    Tanto ne ho sentito parlare e chissà che mi aspettavo. E' per ragazzi ma ho trovato pesante proseguire nella lettura, uno stile che proprio non si addice a me. Sarà che ho passata l'adolescenza da un po' e non sono entrata in empatia con i protagonisti?

    dit a 

  • 2

    sufficiente perché: non mi piace la prosa descrittiva in cui le pagine sono riempite di descrizioni e c'è pochissima azione, ma è carino da leggere per i riferimenti alla città e ai gruppi. libro per ...continua

    sufficiente perché: non mi piace la prosa descrittiva in cui le pagine sono riempite di descrizioni e c'è pochissima azione, ma è carino da leggere per i riferimenti alla città e ai gruppi. libro per adolescenti che avrei probabilmente apprezzato di più qualche anno fa.

    dit a 

  • 4

    Just want to spend eternity right where I am, on the sunnyside of the street (Pogues)

    Lettura centomila volte più spassosa de "Il Giovane Holden" di Salinger, al quale è paragonato.

    Si legge velocemente e senza impegno, strappando anche qualche risata.

    Alex il Vecchio è un personaggio ...continua

    Lettura centomila volte più spassosa de "Il Giovane Holden" di Salinger, al quale è paragonato.

    Si legge velocemente e senza impegno, strappando anche qualche risata.

    Alex il Vecchio è un personaggio attuale ancora oggi: sta vivendo una fase adolescenziale ritardata.

    Molto particolare il legame che si instaura tra i due protagonisti: un'amicizia senza vincoli.

    La musica è parte fondamentale della storia.

    dit a 

  • 5

    Uno dei più bei romanzi di formazione

    Il titolo c’entra poco con i Red hot chili peppers: John “Jack” Frusciante ne era il chitarrista e lasciò la band quando questa stava avviandosi al successo globale, dunque John diventa metafora di un ...continua

    Il titolo c’entra poco con i Red hot chili peppers: John “Jack” Frusciante ne era il chitarrista e lasciò la band quando questa stava avviandosi al successo globale, dunque John diventa metafora di una gioventù che vuole tirarsi fuori da un futuro omologato, pieno di compromessi. Jack Frusciante è uscito dal gruppo è uno dei migliori romanzi di formazione mai scritti, tantoché è tradotto in 24 lingue. È l’esordio di Enrico Brizzi, il quale ha dipinto la generazione degli adolescenti degli anni ’80, quelli che hanno vissuto il Punk, ballavano i Clash ed assistevano alle evoluzioni dei Pink Floyd. Il protagonista è sempre lo stesso, un sensibile ragazzo amareggiato e a disagio in un mondo – quello borghese – troppo ipocrita. Si tratta del “vecchio” Alex, un secchione al ginnasio, ma diventato ragazzo ribelle dopo aver letto Due di Due di Andrea De Carlo e dopo aver ascoltato tanta, tanta musica rock. Non studia, si perde in serate alcoliche, girovaga per le strade di Bologna, ma in compenso sogna, sogna e ama! Ama con una purezza incredibile Adelaide, una dolcezza di ragazza che fa perdere la testa al nostro Alex.
    Sta tutto qua il romanzo? No. Il resto è Enrico Brizzi e il suo stile totalmente inedito, che propone un linguaggio variopinto, tipico dei giovani più fantasiosi, ricco di originali – e spesso folli - prestiti linguistici provenienti dal latino, l’inglese, il tedesco, dai film, dalle canzoni, dai libri e dal gergo giovanile (aveva neanche 20 anni quando pubblicò il libro). Questo libro è un romanzo di formazione grandioso sotto ogni suo aspetto, un tassello importante della nostra letteratura
    Luca Montesi

    dit a 

Sorting by