Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Jack Frusciante Se Fue Del Grupo

Per

Editor: Alfaguara

3.6
(10720)

Language:Català | Number of Pàgines: | Format: Paperback | En altres llengües: (altres llengües) Italian , English , Spanish , Polish

Isbn-10: 9505113307 | Isbn-13: 9789505113309 | Data publicació: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Do you like Jack Frusciante Se Fue Del Grupo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Registra't gratis
Descripció del llibre
¿Por qué Jack Frusciante ¿guitarrista de los Red Hot Chili Peppers¿ se fue del grupo, justo cuando el dinero comenzaba a llover sobre su cabeza? El "viejo Alex" cree saberlo: él también entrevió un futuro deleznable cuando, en pocos meses, pasó de ser un estudiante modelo a un hosco "tardoadolescente" . Como un Holden Caulfield de los noventa (la cita de Salinger es obligada), Alex toma distancia de su familia y se refugia en un amor inclaudicable por Aidi, con quien comparte un noviazgo tan célibe como apasionado. Novela sarcástica e imprevisible, Jack Frusciante recuenta los odios y lealtades del adolescente actual: del culto al rock y sus dioses al repudio de las normas que imponen el colegio, la familia pequeñoburguesa y la moral puritana. Publicada originalmente por una minúscula editorial, Jack Frusciante se convirtió en colltraseña de una generación. Brizzi contaba diecinueve años cuando escribió esta deliciosa saga juvenil.
Sorting by
  • 4

    storia di adolescenza

    è un racconto incentrato sugli adolescenti che ho sentito tanto reale, mi è sembrato di rivivere "Il ballo delle Cicale" un libro letto tantissimi anni fa, quando anch'io ero un adolescente.

    dit a 

  • *** Aquest comentari conté spoilers! ***

    0

    Sicuramente, leggendolo in tarda adolescenza sarebbe stato maggiormente apprezzato.
    Per il resto, ho trovato la seconda parte (dalla morte di Martino, per capirci) molto più interessante e formativa, ...continua

    Sicuramente, leggendolo in tarda adolescenza sarebbe stato maggiormente apprezzato.
    Per il resto, ho trovato la seconda parte (dalla morte di Martino, per capirci) molto più interessante e formativa, adorando i dialoghi tra Alex e Aidi e le critiche sociali vomitate nelle registrazioni personali d'Alessandro.

    dit a 

  • 2

    Aspettative deluse

    Tanto ne ho sentito parlare e chissà che mi aspettavo. E' per ragazzi ma ho trovato pesante proseguire nella lettura, uno stile che proprio non si addice a me. Sarà che ho passata l'adolescenza da un ...continua

    Tanto ne ho sentito parlare e chissà che mi aspettavo. E' per ragazzi ma ho trovato pesante proseguire nella lettura, uno stile che proprio non si addice a me. Sarà che ho passata l'adolescenza da un po' e non sono entrata in empatia con i protagonisti?

    dit a 

  • 2

    sufficiente perché: non mi piace la prosa descrittiva in cui le pagine sono riempite di descrizioni e c'è pochissima azione, ma è carino da leggere per i riferimenti alla città e ai gruppi. libro per ...continua

    sufficiente perché: non mi piace la prosa descrittiva in cui le pagine sono riempite di descrizioni e c'è pochissima azione, ma è carino da leggere per i riferimenti alla città e ai gruppi. libro per adolescenti che avrei probabilmente apprezzato di più qualche anno fa.

    dit a 

  • 4

    Just want to spend eternity right where I am, on the sunnyside of the street (Pogues)

    Lettura centomila volte più spassosa de "Il Giovane Holden" di Salinger, al quale è paragonato.

    Si legge velocemente e senza impegno, strappando anche qualche risata.

    Alex il Vecchio è un personaggio ...continua

    Lettura centomila volte più spassosa de "Il Giovane Holden" di Salinger, al quale è paragonato.

    Si legge velocemente e senza impegno, strappando anche qualche risata.

    Alex il Vecchio è un personaggio attuale ancora oggi: sta vivendo una fase adolescenziale ritardata.

    Molto particolare il legame che si instaura tra i due protagonisti: un'amicizia senza vincoli.

    La musica è parte fondamentale della storia.

    dit a 

  • 5

    Uno dei più bei romanzi di formazione

    Il titolo c’entra poco con i Red hot chili peppers: John “Jack” Frusciante ne era il chitarrista e lasciò la band quando questa stava avviandosi al successo globale, dunque John diventa metafora di un ...continua

    Il titolo c’entra poco con i Red hot chili peppers: John “Jack” Frusciante ne era il chitarrista e lasciò la band quando questa stava avviandosi al successo globale, dunque John diventa metafora di una gioventù che vuole tirarsi fuori da un futuro omologato, pieno di compromessi. Jack Frusciante è uscito dal gruppo è uno dei migliori romanzi di formazione mai scritti, tantoché è tradotto in 24 lingue. È l’esordio di Enrico Brizzi, il quale ha dipinto la generazione degli adolescenti degli anni ’80, quelli che hanno vissuto il Punk, ballavano i Clash ed assistevano alle evoluzioni dei Pink Floyd. Il protagonista è sempre lo stesso, un sensibile ragazzo amareggiato e a disagio in un mondo – quello borghese – troppo ipocrita. Si tratta del “vecchio” Alex, un secchione al ginnasio, ma diventato ragazzo ribelle dopo aver letto Due di Due di Andrea De Carlo e dopo aver ascoltato tanta, tanta musica rock. Non studia, si perde in serate alcoliche, girovaga per le strade di Bologna, ma in compenso sogna, sogna e ama! Ama con una purezza incredibile Adelaide, una dolcezza di ragazza che fa perdere la testa al nostro Alex.
    Sta tutto qua il romanzo? No. Il resto è Enrico Brizzi e il suo stile totalmente inedito, che propone un linguaggio variopinto, tipico dei giovani più fantasiosi, ricco di originali – e spesso folli - prestiti linguistici provenienti dal latino, l’inglese, il tedesco, dai film, dalle canzoni, dai libri e dal gergo giovanile (aveva neanche 20 anni quando pubblicò il libro). Questo libro è un romanzo di formazione grandioso sotto ogni suo aspetto, un tassello importante della nostra letteratura
    Luca Montesi

    dit a 

  • 1

    Non l'avevo voluto leggere da giovane perché sapevo che non era mio quello slang (e quelle paranoie). A 45 anni ho deciso che ero abbastanza "vecchia" per apprezzarlo con distacco. E invece l'ho dovut ...continua

    Non l'avevo voluto leggere da giovane perché sapevo che non era mio quello slang (e quelle paranoie). A 45 anni ho deciso che ero abbastanza "vecchia" per apprezzarlo con distacco. E invece l'ho dovuto abbandonare: una storia mediamente noiosa e insignificante scritta malissimo. A parte le parolacce, ma quella punteggiatura inesistente o messa a caso (lui avrebbe usato un'altra parola ...) mi lascia perplessa e annoiata (forse sono troppo vecchia!). Alla fine ho deciso che non vale la pena di perdere altro tempo per un libro noioso e scritto male!

    dit a 

  • 3

    PARERE PERSONALE

    PRO Linguaggio giovanile, assenza contarapposizioni
    CONTRO Finale lascia un velo di insoddisfazione, poca caratterizzazione degli altri personaggi

    dit a 

  • 4

    Alex è un diciassettenne bolognese che aspira a distinguersi dalla massa e ad essere anticonformista. Come ogni adolescente rimugina su ogni cosa che accade nella sua vita fin troppo e non a casa pren ...continua

    Alex è un diciassettenne bolognese che aspira a distinguersi dalla massa e ad essere anticonformista. Come ogni adolescente rimugina su ogni cosa che accade nella sua vita fin troppo e non a casa prende come modello il buon vecchio Holden Caulfield.
    Un giorno conosce Aidi, una ragazza fantastica che frequenta il suo stesso liceo e i due iniziano ad uscire insieme e chissà, forse si innamorano l'uno dell'altra, ma cioè che è certo è che nonostante tutto non stanno insieme. Nonostante trascorrano lunghi pomeriggi a parlare e a guardarsi negli occhi, ad abbracciarsi, a sfrecciare su per i colli sulla vespa di Aidi, nonostante tutto questo non stanno insieme. Sarà forse perché lei partirà presto per l'America o perché lui è un eterno indeciso. Leggete il libro per scoprirlo e sono sicura che non vi pentirete di aver utilizzato il vostro tempo prezioso in questo modo.

    Non sono una fan di Haylden Caulfield, a differenza di Alex, ma questo libro, che vi assomiglia abbastanza, mi è piaciuto sul serio. Devo ammettere che la mia opinione è totalmente parziale perché vivo a Bologna e frequento lo stesso liceo dei personaggi del libro. Questo mi fa sentire parte della storia. In realtà sono convinta che all'origine l'autore abbia voluto scrivere "Jack frusciante è uscirti dal gruppo" principalmente per i giovani di questa città meravigliosa: tutte le descrizioni dei luoghi sono così intime e personalizzate e il lessico così ricercato (dal peggio del linguaggio liceale degli adolescenti bolognesi doc).
    Questo libro piacerà probabilmente alla stragrande maggioranza dei liceali italiani, ma sono convinta che noi galvaniani ne siamo tutti profondamente toccati.
    Assolutamente da leggere!

    dit a 

  • 2

    Romanzo tardo-adolescenziale ambientato nella Bologna degli anni 90', spensierato e un po' mascalzone.. anche se dal titolo mi aspettavo molto molto di più! Interessante il vocabolario utilizzato così ...continua

    Romanzo tardo-adolescenziale ambientato nella Bologna degli anni 90', spensierato e un po' mascalzone.. anche se dal titolo mi aspettavo molto molto di più! Interessante il vocabolario utilizzato così come la storia del protagonista - Alex - impegolato in una relazione platonica con Aidi, perennemente scazzato e a tratti annoiato dalla sua vita di adolescente: musica, poster, bicicletta, motorini, bevute con gli amici, ragazze.. eppure, sarà il fatto che non sono più adolescente da un po', ho fatto davvero fatica a proseguire la lettura: scrittura lenta e a tratti un po' noiosa. Romanzo coraggioso e originale, ma a me non ha lasciato granchè.

    dit a 

Sorting by