Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

James Sturm's America

God, Gold, and Golems

By

Publisher: Drawn and Quarterly

3.4
(48)

Language:English | Number of Pages: 192 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 1897299052 | Isbn-13: 9781897299050 | Publish date:  | Edition 1

Category: Comics & Graphic Novels

Do you like James Sturm's America ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Focusing on less sensational times in U.S. history (non-war and pre-Depression) James Sturm’s America draws a portrait of the people and their dreams that make up this country. Comprised of three chapters—“The Revival,” “Hundreds of Feet Below Daylight,” and “The Golem’s Mighty Swing”—the stories grow as the country grows: from pioneers searching for a place to call home to ghost towns gutted by greed and racism to the distractions and fantasies of popular entertainment.
Sorting by
  • 4

    Le storie disegnate a Sturm sono piene zeppe di umanità. Ciò significa che nell'impasto narrativo c'è tutto, anche quegli aspetti oscuri che compongono la parola umanità. Senza dubbio la lunga storia dedicata alla squadra di baseball ebrea e al suo Golem spicca rispetto alle altre.

    said on 

  • 4

    Ho conosciuto James Sturm grazie ad una storia "particolare" dei Fantastici quattro (si, i supereroi marvel) pubblicata malamente in Italia dalla Panini Comics in un malloppone con altre storie (scelta moooolto discutibile).
    "Americana" è composto da tre storie ambientate nella provincia no ...continue

    Ho conosciuto James Sturm grazie ad una storia "particolare" dei Fantastici quattro (si, i supereroi marvel) pubblicata malamente in Italia dalla Panini Comics in un malloppone con altre storie (scelta moooolto discutibile).
    "Americana" è composto da tre storie ambientate nella provincia nordamericana in tre epoche diverse, la prima negli anni venti del XX secolo, tra baseball e antisemitismo, la seconda un centinaio d'anni prima, tra (falsi) profeti e fervore religioso ed infine la terza, ambientata all'epoca dei cercatori d'oro tra prepotenze e bassa moralità. Un mini affresco della storia minore degli Stati Uniti che scava nel torbido in maniera sintetica ma incisiva.

    said on 

  • 4

    Uno spaccato dell'america razzista della grande depressione...dell'america dei padri pellegrini persa nell'estasi di grandi predicatori..dell'america disperata dei cercatori d'oro. In questi tre racconti emerge il disperato bisogno di credere in qualcosa..(che gli ebrei siano il male e la squadra ...continue

    Uno spaccato dell'america razzista della grande depressione...dell'america dei padri pellegrini persa nell'estasi di grandi predicatori..dell'america disperata dei cercatori d'oro. In questi tre racconti emerge il disperato bisogno di credere in qualcosa..(che gli ebrei siano il male e la squadra di football la nazione, che il guaritore riporterà in vita la figlia morta, che nella miniera ci sia ancora dell'oro e che da un'altra parte si può rincominciare tutto daccapo..) e questo fa riflettere...Sia che ci si aggrappi a convinzioni che nascono dall'odio e dalla paura, sia che ci si appelli a semplici e legittime speranze...tutti abbiamo bisogno di credere in qualcosa. Proprio perchè le risposte non ce le può dare nessuno.

    Nota di merito ai chiaroscuri del terzo racconto ("decine di metri sottoterra").

    said on 

  • 3

    3 racconti a "scalare" (come lunghezza, ma non come qualità), tutti e tre mi sono piaciuti.


    Il primo è l'osannato "The Golem's Mighty Swing", che ha vinto diversi premi e che con la scusa del baseball parla di molte cose: la provincia americana, il razzismo, la rivalsa...


    Il secondo ...continue

    3 racconti a "scalare" (come lunghezza, ma non come qualità), tutti e tre mi sono piaciuti.

    Il primo è l'osannato "The Golem's Mighty Swing", che ha vinto diversi premi e che con la scusa del baseball parla di molte cose: la provincia americana, il razzismo, la rivalsa...

    Il secondo e il terzo sono racconti brevi in cui Sturm ricostruisce alcuni aspetti della vita americana, appunto, dal fanatismo religioso alla corsa all'oro, caratterizzando i personaggi in maniera sopraffina.

    In particolare il secondo, per come è strutturato, mi ha colpito molto. Un racconto perfetto.

    Consigliato.

    said on