Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Jane Eyre

Di

Editore: Mondadori

4.4
(10367)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 543 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Chi semplificata , Chi tradizionale , Francese , Coreano , Svedese , Catalano , Olandese , Portoghese , Greco , Danese , Russo , Ceco , Polacco

Isbn-10: 8804527986 | Isbn-13: 9788804527985 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Luisa Reali ; Prefazione: Franco Buffoni ; Postfazione: William M. Thackeray

Disponibile anche come: Paperback , Copertina morbida e spillati , Altri , Copertina rigida , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Jane Eyre?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Perché" disse "qualche volta, soprattutto quando mi siete vicina, come ora, ho nei vostri confronti una sensazione strana: mi sembra di avere una corda, sotto le costole, a sinistra, strettamente, inestricabilmente annodata a una corda analoga situata nella stessa zona del vostro corpo esile. E se quel tempestoso tratto di mare e tre, quattrocento chilometri di terra si metteranno con tutta la loro vastità tra noi, ho paura che quella corda che ci unisce verrà spezzata; e allora temo che comincerei a sanguinare internamente. Quando a voi... mi dimenticherete."
Ordina per
  • 3

    Tre stelle e ½

    Bel romanzo che, a dispetto della mole, si legge in un amen perché dotato di una trama avvincentissima, romantica (la storia d'amore è tratteggiata in termini quasi frementi, tanto è realistica e ben ...continua

    Bel romanzo che, a dispetto della mole, si legge in un amen perché dotato di una trama avvincentissima, romantica (la storia d'amore è tratteggiata in termini quasi frementi, tanto è realistica e ben evocata), a tratti gotica e non parca di colpi di scena.
    Ora, la questione è per me spinosa. Ho letto Jane Eyre poco dopo aver letto Middlemarch, considerato il capolavoro della letteratura inglese, e di poco successivo al romanzo della Bronte. Middlemarch (assieme alla sua meravigliosa eroina, Dorothea Brooke) è entrato di prepotenza nella lista dei miei primi cinque libri preferiti di sempre, il che ha fatto partire il povero Jane Eyre in una posizione non proprio felicissima. Essere letti dopo un capolavoro del genere è uno sporco lavoro, ma a qualcuno doveva pur toccare...
    Ma è un altro il fattore che mi ha lasciato tiepida nei confronti di Jane Eyre: la poca simpatia nei confronti della protagonista. Tanto mi è piaciuto Rochester, tanto ho trovato sgradevole e irragionevole la nostra bizzosa pulzella fuggitiva, specie da metà romanzo in poi. Da quanto Jane prende, parte e nottetempo se ne va senza emettere fiato o spiegare le sue ragioni - ecco - da lì ho cominciato a perdere interesse, perché ho trovato che fosse una soluzione al tempo stesso incoerente e stupida (per una come Jane Eyre, che fino all'istante prima non aveva paura a parlare dritto in faccia a tutti) e di comodo (per la narratrice, che così aveva modo di aprire tutto il secondo filone della narrazione).
    Per queste ragioni (e poi perché uno come Rochester io non lo avrei lasciato neanche a morire, perché - diciamocelo - è uno dei personaggi maschili più sexy, spiazzanti e intelligenti apparsi nell'Ottocento) Jane Eyre non mi è entrato dritto nel cuore.

    ha scritto il 

  • 0

    Splendido!! Uno dei miei libri preferiti. La storia di una donna coraggiosa che, nella vita, parte svantaggiata, ma che avrà la sua rivincita.
    Amo e ammiro le donne forti, quelle che si sono rialzate ...continua

    Splendido!! Uno dei miei libri preferiti. La storia di una donna coraggiosa che, nella vita, parte svantaggiata, ma che avrà la sua rivincita.
    Amo e ammiro le donne forti, quelle che si sono rialzate dalle cadute imposte loro dal destino. Forse davvero la vita ci presenta una seconda possibilità. Sta a noi non disperare, ma, al contrario, perseverare sul nostro cammino aprendoci al mondo.
    L'ambientazione gotica è bellissima: la brughiera, la dimora isolata e il mistero che si cela al suo interno.
    Lo consiglio vivamente a tutti.

    ha scritto il 

  • 5

    Finalmente sono arrivata anche io a leggere i libro dopo essere stata affascinata per anni dai film.
    Una storia che parte lenta (con la giovinezza della protagonista) per diventare sempre più incalzan ...continua

    Finalmente sono arrivata anche io a leggere i libro dopo essere stata affascinata per anni dai film.
    Una storia che parte lenta (con la giovinezza della protagonista) per diventare sempre più incalzante bella sua maturità.
    La protagonista come dice il titolo stesso del libro é Jane Eyre che racconta la sua storia in prima persona trasportandoci così facilmente all'interno delle sue pagine. Racconta le sue disavventure ma anche i suoi sentimenti più profondi quando si accorge di essersi per la prima volta innamorata del suo padrone il signor Rochester.
    Una ragazza che ai giorni nostri si definirebbe con la testa sulle spalle che sa benissimo cosa vorrebbe ma sa distinguere con enorme fatica ciò che é giusto da ciò che é sbagliato e ne accetta le conseguenze.
    Un vero grande classico del passato dove i sentimenti sono qualcosa di puro, i rapporti sono profondi e la conoscenza è il rispetto sono alla base dell'amicizia.
    Invito tutti a leggerlo almeno una volta nella vita è forse porterà qualcuno a ricredersi su quei libri definiti classici.

    ha scritto il 

  • 5

    bellissimo!

    Altro libro che mi ha lasciata incantata.
    Non me lo sarei mai comprata di mia spontanea volontà perchè nonostante tutto i classici, ancora adesso, mi fanno un po di timore.
    Ma se sono "classici" c'è u ...continua

    Altro libro che mi ha lasciata incantata.
    Non me lo sarei mai comprata di mia spontanea volontà perchè nonostante tutto i classici, ancora adesso, mi fanno un po di timore.
    Ma se sono "classici" c'è un perchè no? Ebbene si.

    Una storia romantica dell'ottocento che parte con questa storia malinconica di ragazzina che viene abbandonata dagli unici parenti che dovrebbero accoglierla dopo la morte dei suoi genitori.
    Mandata in un orfanotrofio dove si trova il minimo di umanità utile a tenere in vita le povere orfani che dovranno fare i conti con la selezione naturale e le condizioni poco favorevoli di vestiti e vettovaglie.
    Jane Eyre non si perde d'animo e comincia ad apprendere e assorbire il possibile per poi insegnare nello stesso orfanotrofio da cui ancora deve andare via dopo 8 anni dal suo arrivo.
    Raggiunta la maggiore età mette un annuncio e viene presa come insegnante e tutrice di Adèle, una bambina un po viziata di buona famiglia ma assolutamente non cattiva.
    Qui troveremo dei bei personaggi come la signora Fairfax, Adèle e i vari domestici che le faranno compagnia nella sua permanenza presso Tornfield Hall.
    Però si sa che dopo essersi abituati anche la novità diventa normalità e Jane Eyre decide di allontanarsi da Tornfiel Hall per andare in centro con una scusa banale e questo farà si che la sua strada si intrecci con il signor Rochester, uomo burbero e dai modi duri e anche brutto.
    Mano a mano che si va avanti nel romanzo ci saranno vari colpi di scena in cui lui si lascerà andare a qualche licenza poetica, questo amore innato vedo non vedo, queste due anime che si sono incontrate e attratte come legate da una corda molto salda.
    Tutto bello e magico finchè non si verrà a scoprire un segreto, una stanza oscura dove strani rumori si celano e vengono nascosti.
    Un susseguirsi di fatti che mescolerà la situazione da favola idilliaca a inferno in terra dove tutti sembreranno staccarsi più per bon ton che non per sentimenti reali.
    Questo però porterà Jane Eyre alla scoperta di altri lidi, di altre persone, un eredità inattesa e casualmente alle sue origini.
    E' un bellissimo romanzo a lieto fine ma anche molto complesso che fa sognare e tiene il lettore avvinghiato alle pagine.
    Mi ha un po annoiato la parte dove lei si allontana da Tornfield Hall e incontra queste nuove persone a Millcote ma poi da li, il romanzo tornerà in salita perchè due anime che si amano e che sono unite nel profondo non possono non riconciliarsi.
    Lei lo amerà nonostante tutto e lui per amore recupererà ciò che, secondo lui, per punizione divina gli è stato tolto.
    Purtroppo non posso spoilerare perchè è bello che certi misteri li scopra chi avrà voglia di leggere e secondo me ne vale la pena.
    E' scorrevole e ha una scrittura che prende da subito, richiama la curiosità del lettore a proseguire con la lettura fino alla fine e chi è sensibile di animo finirà anche per versare qualche lacrima finale in cui tutti finalmente vivranno felici e contenti.
    Leggetelo!
    Ne vale la pena!!

    ha scritto il 

  • 4

    coinvolgente, appassionante, pieno di ritmo e di accadimenti. certamente alcuni contesti e pensieri sono datati e fortemente legati al tempo in cui il romanzo è stato scritto, ma la storia non ne pati ...continua

    coinvolgente, appassionante, pieno di ritmo e di accadimenti. certamente alcuni contesti e pensieri sono datati e fortemente legati al tempo in cui il romanzo è stato scritto, ma la storia non ne patisce affatto, risultando anzi molto moderna e coraggiosa.

    ha scritto il 

  • 3

    Boh!

    Per carità, sicuramente meglio della sorella Anne con "Cime tempestose", ma resto abbastanza perplessa su questo romanzo. L'ho letto più che altro perché un classico, da conoscere più che nelle riduzi ...continua

    Per carità, sicuramente meglio della sorella Anne con "Cime tempestose", ma resto abbastanza perplessa su questo romanzo. L'ho letto più che altro perché un classico, da conoscere più che nelle riduzioni studentesche, non per una spinta emotiva, e questo probabilmente si riflette nelle impressioni che mi ha lasciato. Per carità, romanzo moderno, interessante il personaggio di Jane, decisamente fuori dagli schemi, ma tutto, tutto il libro mi è sembrato una serie di quadri di esagerazione. Mi è sembrato, in praticamente ogni sua parte, eccessivo, i personaggi e le situazioni troppo esasperati per essere davvero credibili. Non so, per ora lo tengo qui, ma non credo mi verrà mai voglia di rileggerlo.

    ha scritto il 

  • 4

    Letto per la prima volta, golosamente, nell'adolescenza. È a mio parere il migliore dei libri di Charlotte Brontë: sono tornata, a lunghi intervalli, a rileggerlo, in un certo senso scoprendolo ogni v ...continua

    Letto per la prima volta, golosamente, nell'adolescenza. È a mio parere il migliore dei libri di Charlotte Brontë: sono tornata, a lunghi intervalli, a rileggerlo, in un certo senso scoprendolo ogni volta.

    ha scritto il 

Ordina per