Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Jane e il mistero del Reverendo

Le indagini di Jane Austen

Di

Editore: TEA

3.8
(141)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 352 | Formato: Paperback

Isbn-10: 885021829X | Isbn-13: 9788850218295 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: A. Zabini

Genere: Biography , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Jane e il mistero del Reverendo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Gli Austen si stanno preparando a un piacevole soggiorno a Lyme Regis, amena località di mare nel Dorset. Ma, sin dal loro arrivo, in una notte fredda e piovosa, oscuri presagi sembrano minacciarne la permanenza. Un incidente di carrozza, proprio ai confini della cittadina, costringe i viaggiatori, scossi dallo spavento, a cercare rifugio nella sinistra dimora di Mr. Geoffrey Sidmouth, uomo di indiscutibile fascino, ma dal comportamento austero e inquietante. Di lì a pochi giorni, la tranquillità della stessa Lyme viene scossa da un'orribile tragedia: un uomo viene trovato impiccato sulla riva del mare e i sospetti di tutti puntano contro il temuto "Reverendo". Di tutti, ma non di Jane, ancora una volta implicata in una pericolosa indagine. Chi si cela dietro la misteriosa identità del "Reverendo"? Cosa nasconde Mr. Sidmouth con la sua ambigua freddezza? Chi è l'inquietante figura avvolta in un nero mantello che si aggira nella notte lungo la costa battuta dai flutti. Le domande si accavallano e sfortunatamente le risposte sembrano portare tutte nella stessa direzione, cioè all'ultima persona di cui Jane vorrebbe sospettare... l'uomo che ha conquistato il suo cuore.
Ordina per
  • 4

    Il nuovo giallo firmato Stephanie Barron è decisamente un successo, come il precedente.
    In questa nuova avventura, che ha luogo nella cittadina di Lyme, Jane Austen si imbatte in un gentiluomo rude, apparentemente avvezzo alle manieri gentile e tutt’altro che ospitale. L’incontro è stato causato ...continua

    Il nuovo giallo firmato Stephanie Barron è decisamente un successo, come il precedente. In questa nuova avventura, che ha luogo nella cittadina di Lyme, Jane Austen si imbatte in un gentiluomo rude, apparentemente avvezzo alle manieri gentile e tutt’altro che ospitale. L’incontro è stato causato da un incidente in carrozza che ha coinvolto gli Austen e che ha lasciato ferita la sorella di Jane: Cassandra. Questo incontro, è l’inizio di un’insolita avventura, la Austen, infatti, si ritroverà immischiata in una nuova avventura che prevede un impiccagione, un omicidio, contrabbando, e degli insoliti gigli bianchi. Con la sua sagacia e il suo coraggio, Jane Austen si metterà sulle tracce del vero assassino, imbattendosi, anche, in vecchi amici che non tarderanno ad aiutarla nel momento del bisogno. Un libro avvincente ma non troppo complesso, in quanto si può arrivare ad intuire l’identità dell’assassino già verso la metà del libro. La prima parte del volume, risulta essere un po’ tediosa ma con il proseguire della storia, la curiosità aumenta e la narrazione scorre veloce. Scrittura fluente e ricca di descrizioni che ti trasportano direttamente nell'Inghilterra della straordinaria Jane Austen.

    ha scritto il 

  • 3

    Tre stelline e mezzo

    Devo confessare che ho comprato ben 4 libri della serie "Le indagini di Jane Austen" per la loro copertina accattivante e perchè promettevano delle indagini e dei misteri senza averne letto neanche uno.
    Non pensavo che lo stile fosse regency o almeno speravo che non fosse così spinto come nei rom ...continua

    Devo confessare che ho comprato ben 4 libri della serie "Le indagini di Jane Austen" per la loro copertina accattivante e perchè promettevano delle indagini e dei misteri senza averne letto neanche uno. Non pensavo che lo stile fosse regency o almeno speravo che non fosse così spinto come nei romanzi della vera Jane Austen, di cui ne ho letto alcuni. Ebbene mi sbagliavo, le prime 100 pagine sono state alquanto tediose, tra balli, sete, cappellini, pettegolezzi e le innumerevoli tazze da te, in qualsiasi occasione c'è sempre qualcuno che chiede o fa o porta del te. Superato lo scoglio della scrittura, del senso dell'onore che impedisce la chiarezza di eventi che fanno solo arricchire i pettegolezzi, del girare a vuoto, ecco che verso la metà del libro, finalmente, la storia procede spedita. Spero che il secondo sia un pochino meglio. Non è stato brutto ma non proprio come me lo ero immaginato.

    ha scritto il 

  • 5

    L'ho apprezzato ancor di più del primo volume.
    Qui, a parer mio, la Barron si è accostata molto allo stile della zia Jane, inserendo parecchi temi presenti nei romanzi della Austen, ha narrato una storia interessante e ricca di intrecci ingarbugliati e ha presentato ricostruzioni storiche fedeli ...continua

    L'ho apprezzato ancor di più del primo volume. Qui, a parer mio, la Barron si è accostata molto allo stile della zia Jane, inserendo parecchi temi presenti nei romanzi della Austen, ha narrato una storia interessante e ricca di intrecci ingarbugliati e ha presentato ricostruzioni storiche fedeli ed esaustive. Certo, senza dubbio, tutte noi abbiamo sperato nell'affascinante Mr. Sidmouth ma purtroppo non è andata così...

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Il secondo capitolo della storia mi è davvero piaciuto. Il personaggio di Jane Austen, forse grazie all’ambientazione che tanto ricorda Persuasione e alle connessioni fra romanzo e vita reale, non sembra più così nebuloso come appariva nel primo libro.
    In tutte le pagine del romanzo si re ...continua

    Il secondo capitolo della storia mi è davvero piaciuto. Il personaggio di Jane Austen, forse grazie all’ambientazione che tanto ricorda Persuasione e alle connessioni fra romanzo e vita reale, non sembra più così nebuloso come appariva nel primo libro. In tutte le pagine del romanzo si respira l’aria di Persuasione, le continue visite il Cobb, la spiaggia, l’incidente iniziale… Continua il gioco del "chi è chi", nonostante ci siano soggetti nuovi ed originali, si finisce sempre con il volere rintracciare gli autentici personaggi di Jane Austen. Impossibile non associare Mrs Austen a Mrs Bennet. Sidmouth è un modello per il futuro Mr Darcy, e che dire del rapporto esistente fra lui e il dottor Dagliesh? Totalmente devoto all’amico, timido e impacciato nella sua ammirazione per Cassandra (Jane), chi altri potrebbe essere se non Mr Bingley? Si potrebbe continuare ancora con la cugina di Sidmouth, Searphine, bella bionda e dolce, ed ecco che immediatamente ci ritroviamo di fronte Georgiana Darcy. Ma ci sono anche i personaggi negativi in questa storia quindi non resta altro che individuare Mr Wickham, e chi altri potrebbe essere se non Mr Percival Fielding? C’è persino un accenno al reale legame intercorso fra i tre personaggi di P&P, anche qui Fielding ha aggredito Seraphine ed è per questo disprezzato da Sidmouth, ed anche qui Fielding tenta in tutti i modi di metterlo in cattiva luce agli occhi della società di Lyme. C’è spazio anche per una contaminazione di tipo Bronteana, l’accoglienza di Sidmouth al suo primo apparire mi ha ricordato molto quella di Heathcliff, ma non è solo per quello. La parte poi relativa all’incendio e alla fuga di Sidmouth dal carcere sono degne della signora Radcliffe, largamente menzionata anche dalla stessa Jane. Cos’altro resta? Il giallo e il mistero del reverendo, ma era scontato che anche quello mi fosse piaciuto.

    ha scritto il 

  • 4

    Piacevole imitazione

    Non conoscevo questa autrice. Ho letto quasi per caso questo giallo(che non è il primo). Imita lo stile della Austen in un racconto che vede la Austen stessa protagonista. Piacevole da leggere. E' possibile che leggerò anche gli altri.

    ha scritto il 

  • 3

    Non mi ha deluso neanche il secondo! Non gli do 4 stelline perché secondo me sono troppe per un libro del genere. Rende alla perfezione il personaggio della Austen, potrebbe davvero essere un suo diario. Consigliato a chi piace il periodo e i gialli!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Oh che Jane!

    Questo libro è intigrante e appassionato! Mi è piaciuto molto più del primo e del terzo, forse per le implicazioni amorose di Jane! Ah come avrei preferito un finale che implicasse la sola protagonista, in fondo Lord Harold non c'è mai stato in tutto il racconto! Magari con Simouth che la baciass ...continua

    Questo libro è intigrante e appassionato! Mi è piaciuto molto più del primo e del terzo, forse per le implicazioni amorose di Jane! Ah come avrei preferito un finale che implicasse la sola protagonista, in fondo Lord Harold non c'è mai stato in tutto il racconto! Magari con Simouth che la baciasse appassionatamente prima di inbarcarsi! Ah, c'est tres jolie!

    ha scritto il 

  • 4

    Furbetto

    Per questo libro valgono le stesse considerazioni del primo della serie (Jane e la disgrazia di Lady Scargrave): è piacevolissimo da leggere, lo stile è quello della Austen (replicato in maniera per niente artificiosa e forzata come avevo temuto), è avvincente, è piacevolmente incastonato nella v ...continua

    Per questo libro valgono le stesse considerazioni del primo della serie (Jane e la disgrazia di Lady Scargrave): è piacevolissimo da leggere, lo stile è quello della Austen (replicato in maniera per niente artificiosa e forzata come avevo temuto), è avvincente, è piacevolmente incastonato nella vera vita della "zia Jane" ma infine il fatto che la protagonista sia lei è del tutto irrilevante, se non un ottimo modo per attirare l'attenzione delle sue tante ammiratrici. Ad ogni modo non mi sento certo di penalizzarlo nella valutazione per questo stratagemma furbetto per aumentare le vendite: alla fine è un buon libro e si merita le 4 stelle

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Le vie della mente e del cuore superano talvolta ogni comprensione.

    Ritornai al mio modesto diario,composto da fogli piegati a dimensioni maneggevoli e cuciti,com'è mia consuetudine.E' robusto,per accogliere i più robusti pensieri,e di notevole conforto come confidente,allorché nessun'anima vivente può esserlo.


    Seconda indagine per Jane,in una perfe ...continua

    Ritornai al mio modesto diario,composto da fogli piegati a dimensioni maneggevoli e cuciti,com'è mia consuetudine.E' robusto,per accogliere i più robusti pensieri,e di notevole conforto come confidente,allorché nessun'anima vivente può esserlo.

    Seconda indagine per Jane,in una perfetta ricostruzone storica la Barron ci trascina di nuovo in una fitta rete di intrighi e riesce a farti entrare nella storia,sembra di esser lì,vicino a Jane che si confida con il suo diario,ormai è come una cara amica da cui aspettiamo le confidenze.Ottimo giallo e sopratutto un secondo indimenticable incontro con l'indimenticable Jane Austen.Consigliato!

    ha scritto il 

Ordina per