Jane e la disgrazia di Lady Scargrave

Le indagini di Jane Austen

Di

Editore: TEA

3.6
(292)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 315 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8850217668 | Isbn-13: 9788850217663 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Paperback

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Mistero & Gialli

Ti piace Jane e la disgrazia di Lady Scargrave?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
In visita presso l'amica, la bellissima e giovane Isobel Payne, Contessa di Scargrave, Jane Austen è testimone di una tragedia: il Conte Frederick, marito di Isobel, colto da improvviso e inspiegabile malore, muore in poche ore. La scomparsa prematura del marito, dopo tre soli mesi di matrimonio, getta la povera Isobel nella più cupa disperazione. Tuttavia la vedova scopre ben presto che non si tratta che dell'inizio delle sue disgrazie: di li a breve infatti una misteriosa missiva la raggiunge, nella quale sono contenute oscure minacce e la duplice accusa di omicidio e di adulterio. Terrorizzata, Isobel invoca l'aiuto di Jane, la sola di cui si può fidare, ma soprattutto l'unica, tra i presenti al castello nella notte della tragedia, che non tragga alcun vantaggio dalla morte di Lord Scargrave. Contando sulle sue ben note doti di comprensione dell'animo umano, Jane si trova così coinvolta in una pericolosa indagine che la porterà a varcare nientemeno che i cancelli della prigione di Newgate e persino la soglia della Camera dei Lords, arrivando a mettere a repentaglio la sua stessa vita.
Ordina per
  • 2

    Devo ammettere che in più di un punto ho fatto fatica e sono stata tentata di abbandonarlo. Non che sia brutto...però non fa nemmeno venire tutta sta voglia di andare avanti...e per essere un giallo, ...continua

    Devo ammettere che in più di un punto ho fatto fatica e sono stata tentata di abbandonarlo. Non che sia brutto...però non fa nemmeno venire tutta sta voglia di andare avanti...e per essere un giallo, non è un gran punto a suo favore. Poi, nella seconda metà e verso la fine, il ritmo aumenta un po' e il finale è anche carino, ma nel complesso, nonostante le belle descrizioni dell'epoca, ho represso più di uno sbadiglio. Giudizio tiepido.

    ha scritto il 

  • 4

    Di questo romanzo ne avevo sentito parlare bene anche se continuavo a restare scettica, ho colto al volo un’offerta e l’ho preso. Devo dire che mi sono ricreduta, la Barron è proprio brava, mi sono di ...continua

    Di questo romanzo ne avevo sentito parlare bene anche se continuavo a restare scettica, ho colto al volo un’offerta e l’ho preso. Devo dire che mi sono ricreduta, la Barron è proprio brava, mi sono divertita moltissimo ed ho apprezzato tanti aspetti del romanzo, è chiaramente una lettura di intrattenimento, che però assolve il suo compito egregiamente.
    Primo fra tutto l’ambientazione storica è perfetta, dalle prestigiose case a quelle umili, dalla Camera dei Lord alle prigioni londinesi, usi e costumi e mentalità dell’epoca, anche il linguaggio utilizzato richiama l’opera austeniana senza però volerla imitare, insomma una perfetta rievocazione del periodo Regency.
    Il romanzo si apre con Jane Austen che ha appena rifiutato una vantaggiosa proposta di matrimonio (episodio vero) e si allontana da casa accettando l’invito di una cara amica (Lady Scargrave (personaggio di fantasia) che ha appena sposato un uomo ricchissimo, e da questo punto in poi si dipana la storia e il giallo, ottimo intreccio e ottime caratterizzazioni dei personaggi, Jane ironica e pragmatica, le due parenti prossime alla Lady, madre e figlia la prima intrigante e falsa la seconda superficiale e frivola, ma che mi ha fatto fare diverse risate.
    E che dire dei due protagonisti maschili, il nobile Fitzroy Payne che richiama moltissimo Mr. Darcy e quello mio preferito Lord Harold Trowbridge, splendido personaggio che si svela e si rivela pagina dopo pagina.

    ha scritto il 

  • 4

    La storia che si cela dietro a questo libero è assai singolare.
    Durante una visita ai suoi amici, la scrittrice Stephanie Barron, per puro caso, si imbatte in una serie di manoscritti attribuibili a J ...continua

    La storia che si cela dietro a questo libero è assai singolare.
    Durante una visita ai suoi amici, la scrittrice Stephanie Barron, per puro caso, si imbatte in una serie di manoscritti attribuibili a Jane Austen.
    I proprietari di casa, gli amici della scrittrice, erano lontani parenti della famosa Jane Austen e proprio tra le antiche mura della loro dimora, trovarono vecchie pagine ingiallite scritte dalla Austen.
    I manoscritti vengono affidati a Stephanie Barron che li trasforma in questo magnifico giallo che vede la stessa Austen come protagonista.
    In questo volume, Jane Austen è in visita dall'amica Lady Scargrave, da poco sposata ad un ormai anziano conte. Sono appena tornati dal loro viaggio di nozze e proprio durante una festa, il conte, rende vedova la moglie Isobel.
    Se non fosse per un messaggio anonimo, il decreto sarebbe morte accidentale, causata dal lauto banchetto festivo.
    Le indagini hanno inizio e sembra proprio che tutto conduca proprio verso la moglie del defunto.
    Incapace di lasciare l'amica nel momento del bisogno, Jane approfitta ancora un pò dell'ospitalità dell'amica e si dimostrerà molto utile nelle indagine sulla morte sospetta del conte.
    Gli omicidi aumentano assieme agli indizi e la vedova Scargrave, assieme al nuovo conte Fitzroy Payne, è sempre più nei guai. Jane, incapace di assistere inerme alle accuse contro l'amica e il conte, si mette in azione per scagionarli.
    Un'avventura alla ricerca della verità, tra inganni, delitti e trabocchetti, ce l'ha farà l'arguta Jane Austen a scoprire la verità?

    ha scritto il 

  • 2

    Comincio a pensare che sia colpa mia, perché lo devo dire: questo libro mi ha annoiato fino alle lacrime. Quando mi sono resa conto di non essere arrivata neppure a metà (e già avevo abbandonato la l ...continua

    Comincio a pensare che sia colpa mia, perché lo devo dire: questo libro mi ha annoiato fino alle lacrime. Quando mi sono resa conto di non essere arrivata neppure a metà (e già avevo abbandonato la lettura per fare le pulizie, chiamare la mamma, controllare le bollette) sono stata seriamente tentata di prendere la rincorsa e dare una craniata nel muro, in alternativa potevo smettere di leggerlo, è che mi sta venendo il sospetto che avere sempre un sacco di libri nuovi possa portarmi a desistere più facilmente dal finire un libro, così mi sono imposta di arrivare alla fine. Ho trascorso quattro giorni incagliata fra i meravigliosi occhi ambrati della contessa e quelli ardesia del conte, praticamente un trattato di mineralogia più che un romanzo, che poi l’autrice questi splendidi occhi ambrati lo scrive almeno ottantasette volte, un sinonimo mai? Nella prima metà il libro non scorre e annoia parecchio, nella parte centrale, con le indagini, finalmente qualcosa si muove e c’è un leggero miglioramento. La soluzione non sarebbe stata neppure terribile, magari ecco, Napoleone anche no.

    ha scritto il 

  • 4

    Libro stupendo e coinvolgente che fa rivivere la vita di Jane Austen sotto un aspetto nuovo e curioso. Ottimo il linguaggio che rispecchia quello usato dalla stessa Austen. Inoltre è un ottimo giallo ...continua

    Libro stupendo e coinvolgente che fa rivivere la vita di Jane Austen sotto un aspetto nuovo e curioso. Ottimo il linguaggio che rispecchia quello usato dalla stessa Austen. Inoltre è un ottimo giallo con molti colpi di scena e un finale inaspettato.

    ha scritto il 

  • 4

    Questa prima indagine di Jane Austen mi è piaciuta molto perchè mi ha fatto rivivere le atmosfere dei suoi più famosi romanzi. Lo consiglio a tutti gli appassionati di Jane Austen.

    ha scritto il 

  • 4

    Un'anticipazione di Miss Marple

    Romanzo godibilissimo di facile lettura e narrativa avvincente; nelle superbe proprietà della nobiltà inglese dei primi anni dell'800, avvolte in una cornice di bellezze naturali, si svolgono fatti e ...continua

    Romanzo godibilissimo di facile lettura e narrativa avvincente; nelle superbe proprietà della nobiltà inglese dei primi anni dell'800, avvolte in una cornice di bellezze naturali, si svolgono fatti e vicissitudini che hanno forti tinte di giallo e qualche spruzzata di noir. Il delitto è servito! ma la perspicacia della protagonista Jane Austen, riuscirà a smascherare una trama molto intrigata.

    ha scritto il 

Ordina per