Jedermann

By

Verleger: Hanser

3.9
(2340)

Language: Deutsch | Number of Seiten: 160 | Format: Others | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) English , Italian , Finnish

Isbn-10: 3446208038 | Isbn-13: 9783446208032 | Publish date:  | Edition 1

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Philosophy

Do you like Jedermann ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 5

    Uno dei più bei libri che abbia mai letto. Il mio primo libro di Roth ed appena l' ho finito ho incominciato a leggerne almeno uno all'anno (a volte di più) e tra poco inizierò il 10°.

    gesagt am 

  • 4

    La storia di un uomo, un uomo che potrebbe essere chiunque, come suggerisce il titolo. Un uomo che in tarda età si trova a riesaminare la sua vita, i successi, i fallimenti. Un uomo, ma anche ciascuno ...weiter

    La storia di un uomo, un uomo che potrebbe essere chiunque, come suggerisce il titolo. Un uomo che in tarda età si trova a riesaminare la sua vita, i successi, i fallimenti. Un uomo, ma anche ciascuno di noi. Questa è la forza del romanzo di Roth perché davvero un giorno, quando avremo più di settant'anni, ci potremmo trovare a guardare indietro per scoprire che non sempre abbiamo fatto bene come avremmo voluto, che magari abbiamo trascurato qualcuno o semplicemente che le cose sono cambiate, ma noi vogliamo tenacemente sopravvivere nonostante tutto.
    Per quanto mi riguarda, l'ho trovato affascinante, ben scritto e degno di riflessione.

    gesagt am 

  • *** Dieser Kommentar enthält Spoiler! ***

    4

    Everyman

    Ho appena terminato la lettura di questo racconto lungo (123 pagine) e devo dire che ha lasciato il segno.
    "La vecchiaia non è una battaglia, è un massacro": questa frase mi è rimasta impressa e l'ho ...weiter

    Ho appena terminato la lettura di questo racconto lungo (123 pagine) e devo dire che ha lasciato il segno.
    "La vecchiaia non è una battaglia, è un massacro": questa frase mi è rimasta impressa e l'ho fatta mia pochi istanti dopo averla letta.
    In una società come quella occidentale, che tende spesso a rimuovere il concetto di "morte", nascondendolo opportunamente dietro il benessere e l'opulenza, è davvero coraggioso (oltre che insolito) addentrarsi nei meandri di una vita umana ed osservare il suo lento ed inesorabile disfacimento.
    Il protagonista del racconto ha il suo primo contatto con la morte durante l'infanzia, quando vede emergere dalle onde un corpo gonfio e devastato. La morte, da quel momento in avanti, diventa la compagna di un percorso che dura tutta un'esistenza: dapprima rimane sullo sfondo, lontana, affacciandosi solo in determinate occasioni (il decesso dei genitori ad esempio). Col passare degli anni e con l'inevitabile declino fisico, la morte si ripresenta con maggiore frequenza lungo il percorso del protagonista, portandosi via affetti ed amicizie.
    È davvero notevole il fatto che il disfacimento fisico del protagonista, la sua debolezza incipiente e la sua progressiva resa davanti agli eventi, sia accompagnata - nelle immagini di fondo - dall'immagine di un'America sempre più vulnerabile. Un'America che, all'indomani dell'11 settembre, si risveglia più insicura e più timorosa dell' avvenire: una sottile metafora della vita umana... una vita che appare solida ed invincibile negli anni della gioventù ma che, col passare del tempo, sconta quotidianamente la paura che dietro la notte non possa più esserci un domani.
    Questo libro, seppur breve, mi ha lasciato moltissimo: spunti di riflessione, ma anche paure quotidianecon con cui ognuno di noi, volente o nolente, dovrà prima o poi fare i conti.
    E, alla fine della fiera, emerge un elemento inconfutabile: parlando della morte, paradossalmente, Roth ha scritto un meraviglioso libro che parla della vita.

    gesagt am 

  • 4

    Un triste destino

    Sicuramente averlo letto sotto le palme di una spiaggia equatoriale mi ha aiutato perché la tematica è davvero triste e pesante. Un uomo racconta i suoi ultimi anni di vita, costellati di malattie e o ...weiter

    Sicuramente averlo letto sotto le palme di una spiaggia equatoriale mi ha aiutato perché la tematica è davvero triste e pesante. Un uomo racconta i suoi ultimi anni di vita, costellati di malattie e operazioni. Spero solo che la mia vecchiaia sarà meglio della sua e che la malinconia e la solitudine non diventino il mio spettro quotidiano. Nel complesso un libro pieno e denso, ricco di spunti di riflessione e che riesce a coinvolgere anche chi come me è ancora abbastanza lontano dalla vecchiaia. Non adatto a deboli e ipocondriaci!

    gesagt am 

  • 4

    Lo stile mi ha catturata, e anche certi concetti. A infastidirmi - forse per il loro realismo - sono i pensieri sessuali di un vecchio maniaco. Ma a quanto ho capito Roth è un po' fissato.

    gesagt am 

  • 2

    Malattie, conto delle operazioni, delle proprie e di quelle degli altri.
    Tipo quelle vecchie signore che fanno a gara a chi sta peggio e a raccontare chi è morto.
    Anche no, anzi solo no, grazie.
    Ness ...weiter

    Malattie, conto delle operazioni, delle proprie e di quelle degli altri.
    Tipo quelle vecchie signore che fanno a gara a chi sta peggio e a raccontare chi è morto.
    Anche no, anzi solo no, grazie.
    Nessun insegnamento da questo libro né dalla vita del protagonista, che non consiglierei mai a qualcuno di salute cagionevole o momentaneamente cagionevole.
    La copertina nera dice tutto.
    La nota positiva che è stato breve.

    gesagt am 

  • 4

    L'umanità durante la chiusura del ciclo di vita.

    Everyman prende ispirazione da un morality play inglese del tardo XV secolo in cui si metteva in scena la chiamata di tutti i viventi alla morte. E’ una piccola perla di 123 pagine in cui Roth pone ab ...weiter

    Everyman prende ispirazione da un morality play inglese del tardo XV secolo in cui si metteva in scena la chiamata di tutti i viventi alla morte. E’ una piccola perla di 123 pagine in cui Roth pone abilmente l’accanto su tematiche difficili quali la vecchiaia, la malattia e la morte.

    La narrazione inizia con il funerale dell’anonimo protagonista (perché everyman, in fin dei conti, siamo proprio tutti noi) e prosegue con l’esposizione delle vicende più significative della sua esistenza.

    Roth ha voluto focalizzarsi su quella che è la fase più crudele della vita, ossia la sua chiusura: la percezione è proprio quella di accompagnare il protagonista durante la resa dei conti della sua esistenza, affaticata dalla malattia e dalla consapevolezza che tutto ciò che è sempre stato sta per finire.
    Consente di dare parola all’essere anziano oggi, all’essere un corpo handicappato che dà voce ad una mente che ancora vorrebbe, all’essere un peso, al non sapere che posto si abbia nel mondo.

    «Quando sei giovane è l’esterno del corpo che conta, l’aspetto che hai esternamente. Quando invecchi, ciò che conta è quello che c’è dentro, e la gente smette di badare all’aspetto che hai.»
    Uno struggente bilancio che ci pone davanti all’inevitabile fine. Gli errori, le strade non intraprese, le paure, le scelte azzardate si ripresentano tutte schierate in attesa di giudizio. Un giudizio che resterà tuttavia silente, consapevoli del fatto che, ormai, ciò che fatto è fatto e nulla si può disfare.

    «E’ impossibile rifare la realtà. Devi prendere le cose come vengono, tenere duro e prendere le cose come vengono.»
    Non ci sono barlumi di speranza, il corpo è una macchina ormai troppo logora, la consapevolezza diviene un nodo alla gola via via sempre più stretto.
    La morte del protagonista è l’evento certo fin dall’apertura del romanzo, conscio al protagonista stesso, ma alla 123esima pagina mi sono comunque stupita, come se ci fosse in me una briciola di delusione nel constatare la desolante fragilità dell’esistenza umana.

    «Perché per lei è come per ognuno. Perché la più inquietante intensità della vita è la morte. Perché la morte è così ingiusta. Perché quando uno ha gustato il sapore della vita, la morte non sembra neppure una cosa naturale. Io credevo, dentro di me ne ero certo, che la vita durasse in eterno.»

    gesagt am 

  • 4

    Uno di quei libri che so che non dimenticherò, per quanto abbia fatto il possibile per mantenere una certa distanza, nonostante la scrittura sia di quelle che ti prendono e ti portano a spasso dove vo ...weiter

    Uno di quei libri che so che non dimenticherò, per quanto abbia fatto il possibile per mantenere una certa distanza, nonostante la scrittura sia di quelle che ti prendono e ti portano a spasso dove vogliono, e qui nello specifico nei pensieri del protagonista, che sono pensieri di morte, solitudine, rimpianto e ancora morte.
    Non è una tristezza catartica quella che si prova alla fine. È sconforto e bisogno di tornare a non pensarci.

    gesagt am 

Sorting by
Sorting by