Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

John Belushi

Chi tocca muore

Di

Editore: Sperling & Kupfer

3.9
(192)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 512 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8860617839 | Isbn-13: 9788860617835 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Rossella Bernascone

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Biography , Health, Mind & Body , Non-fiction

Ti piace John Belushi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Trentatré anni senza uscire mai di scena: breve la vita di John Belushi, comico e bluesman, un corpo che faceva ridere e un'anima che avrebbe voluto fermarsi a piangere. Vorace di vita, anarchico e impudente, sensibile e crudele, è stato un talento naturale scoperto dal cabaret, lanciato dalla rivoluzione televisiva del Saturday Night Live e consacrato dal successo cinematografico di "Animal house" prima e di "The Blues Brothers" poi. In questa biografia, un giornalista d'eccezione come Bob Woodward - che rivelò lo scandalo Watergate - racconta, dagli esordi all'autodistruzione, l'esistenza "contro" di una grande icona del cinema, sullo sfondo della Hollywood degli anni Settanta.
Ordina per
  • 3

    Materiale esplosivo, smorzato da troppi didascalismi

    Se fosse stato possibile, avrei assegnato 3 stelle e mezza.
    Giusta media tra l'efficace racconto delle fasi salienti dell'ascesa e caduta di Belushi e i passaggi eccessivamente pesanti, figli di digressioni prolisse ed eccessivamente didascaliche, su chi ha incontrato chi/dove/quando.


    Wood ...continua

    Se fosse stato possibile, avrei assegnato 3 stelle e mezza. Giusta media tra l'efficace racconto delle fasi salienti dell'ascesa e caduta di Belushi e i passaggi eccessivamente pesanti, figli di digressioni prolisse ed eccessivamente didascaliche, su chi ha incontrato chi/dove/quando.

    Woodward (firma di punta del Washington Post e autore, insieme al collega Bernstein, dell'indagine da cui scaturì lo scandalo Watergate) lo diede alle stampe nel 1984, un paio d'anni dopo la scomparsa dell'attore, mettendo a frutto il lavoro svolto intervistando certosinamente ben 217 persone (più altri che, per motivi piuttosto palesi, non hanno voluto comparire nell'indice del libro) che hanno avuto un qualche ruolo negli ultimi anni di vita di Belushi.

    Per quanto, in linea di massima, apprezzi il giornalismo investigativo, questa enorme mole di informazioni raccolte ha finito per danneggiare il ritmo della narrazione, smorzandola in più punti. Un vero peccato perché, depurata di episodi marginali e/o datazioni superflue, la breve ed autodistruttiva vita di Belushi non manca di molto spunti interessanti.

    Se biografia cinefila dev'essere, meglio allora quella (ancor più sincera e meritoria, poiché autobiografia che non cela nulla... neppure gli aspetti più scabrosi) del grande Jerry Lewis. Si intitola "Dean & Me. Una storia d'amore" e la straconsiglio.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi aspettavo di più dal giornalista che ha fatto scoppiare lo scandalo watergate..almeno una scrittura più brillante e meno didascalica, sì perchè l'autore entra troppo nel dettaglio di alcuni fatti o dialoghi fino ad annoiare a morte il lettore. Peccato perchè invece è interessante raccontare la ...continua

    Mi aspettavo di più dal giornalista che ha fatto scoppiare lo scandalo watergate..almeno una scrittura più brillante e meno didascalica, sì perchè l'autore entra troppo nel dettaglio di alcuni fatti o dialoghi fino ad annoiare a morte il lettore. Peccato perchè invece è interessante raccontare la vita di John Belushi, parlare della pressione a cui può essere sottoposta una persona dopo che ha avuto successo e del terrore di non riuscire ad essere all'altezza delle aspettative, anche se riesce a rendere bene lo squallore del mondo della droga e di Hollywood.

    ha scritto il 

  • 5

    La genialità

    Bellissimo libro, anche se l'autore ha scelto un tipo di narrazione che a me non è piaciuta. Troppa cronistoria, con un taglio troppo da giornalismo d'inchiesta. Peccato, poteva essere un capolavoro. Nonostante questo non posso non dare 5 stelle per quello che ha rappresentato John Belushi: la ge ...continua

    Bellissimo libro, anche se l'autore ha scelto un tipo di narrazione che a me non è piaciuta. Troppa cronistoria, con un taglio troppo da giornalismo d'inchiesta. Peccato, poteva essere un capolavoro. Nonostante questo non posso non dare 5 stelle per quello che ha rappresentato John Belushi: la genialità.

    ha scritto il 

  • 3

    Alll'inizio molto bello, per il fascino del personaggio, assolutamente fuori dagli schemi. Poi via via scema verso uuna fredda cronaca infarcita solo di episodi cadenzati da "tiri" e "buchi". Troppa droga anche solo per chi legge e la polvere di stelle hollywoodiana diventa cenere nera stancament ...continua

    Alll'inizio molto bello, per il fascino del personaggio, assolutamente fuori dagli schemi. Poi via via scema verso uuna fredda cronaca infarcita solo di episodi cadenzati da "tiri" e "buchi". Troppa droga anche solo per chi legge e la polvere di stelle hollywoodiana diventa cenere nera stancamente posata sull'asfalto del Sunset Boulevard.

    ha scritto il 

  • 4

    Amo Belushi.
    Ho visto tutti i suoi film, da Animal House ai Blues Brothers a Neighbors e mi ha sempre colpito il pensiero che quell'attore e comico così geniale e formidabile fosse scomparso così presto a causa della dipendenza da droghe. Il libro ripercorre tutta la vita di Belushi ed essendo sc ...continua

    Amo Belushi. Ho visto tutti i suoi film, da Animal House ai Blues Brothers a Neighbors e mi ha sempre colpito il pensiero che quell'attore e comico così geniale e formidabile fosse scomparso così presto a causa della dipendenza da droghe. Il libro ripercorre tutta la vita di Belushi ed essendo scritto da un giornalista (quello dello scandalo watergate, si, è proprio lui) in alcune parti risulta un pò pedante, ma in generale lo consiglio per chi volesse approfondire la conoscenza di questo incredibile personaggio.

    ha scritto il 

  • 3

    chi tocca muore

    l'ho letto per caso , cercando qualcosa che mi avvicinasse a lui.
    uno dei miei miti adolescenziali.
    incarnazione della vita a tutti i costi, una comicità irresistibile e quella carica di trasgressività a 360 gradi che tanto piaceva a molti della mia generazione.
    è morto male e sono convinto che a ...continua

    l'ho letto per caso , cercando qualcosa che mi avvicinasse a lui. uno dei miei miti adolescenziali. incarnazione della vita a tutti i costi, una comicità irresistibile e quella carica di trasgressività a 360 gradi che tanto piaceva a molti della mia generazione. è morto male e sono convinto che anche in vita non si sia divertito nel modo giusto. ma alla fine ha importanza?

    ha scritto il 

  • 5

    Biografia del mitico John Belushi da parte di uno dei più autorevoli giornalisti statunitensi,quel Bob Woodward divenuto famoso con lo scandalo del watergate.Qui ripercorre tutte le tappe umane e professionali del grande comico,sottolineandone spietatamente vizi,molti,e virtù,notevoli.La vita che ...continua

    Biografia del mitico John Belushi da parte di uno dei più autorevoli giornalisti statunitensi,quel Bob Woodward divenuto famoso con lo scandalo del watergate.Qui ripercorre tutte le tappe umane e professionali del grande comico,sottolineandone spietatamente vizi,molti,e virtù,notevoli.La vita che scorre tra le mani è quella di un uomo che andava sempre a trecento all'ora senza mai fermarsi,incurante delle conseguenze,fino al momento del suo ultimo "viaggio"che,purtroppo,ci ha portato via per sempre un vero artista,capace con il suo talento dissacrante di dare un'impronta ad una intera generazione di comici,e non solo.

    ha scritto il 

Ordina per