Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Journey to the End of the Night

By Louis-Ferdinand Celine

(8)

| Paperback | 9781847491183

Like Journey to the End of the Night ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

First published in 1932, "Journey to the End of the Night" is regarded as Celine's masterpiece. It is told in the first person and is based on his own experiences during the First World War; in French colonial Africa; in the USA - where he worked for Continue

First published in 1932, "Journey to the End of the Night" is regarded as Celine's masterpiece. It is told in the first person and is based on his own experiences during the First World War; in French colonial Africa; in the USA - where he worked for a while at the Ford factory in Detroit - and later as a young doctor in a working class suburb in Paris.The novel gives a picture of those years as seen by an underdog. Celine is very much the product of his age and was particularly marked - like so many other writers - by the senseless carnage of the First World War. Celine's disgust with human folly, malice, greed and the mess that man has made of society and of his own environment lies behind the bitterness and bile that distinguishes his writing and gives it its force. This is exemplified in the superb portraits of mainly ordinary human beings coping with their lives as best they can; caught in poverty or their obsessions - hindered from evading traps of their own making by ignorance and prejudice.

584 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Non avrei mai pensato che Cèline ascoltasse Gaber :D

    Is this helpful?

    algol said on Aug 4, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Il gusto efferato dei carnefici di guerra, l'abiezione delle colonie, la solitudine di New York, le meschinità omicide nelle putride periferie. Bardamu è stato soldato, esploratore e marinaio nella sua dimensione avventurosa e poi medico in malarnese ...(continue)

    Il gusto efferato dei carnefici di guerra, l'abiezione delle colonie, la solitudine di New York, le meschinità omicide nelle putride periferie. Bardamu è stato soldato, esploratore e marinaio nella sua dimensione avventurosa e poi medico in malarnese nella Parigi suburbana. Bardamu ha a che fare con gente, in divisa o in abiti civili, paranoica o semplicemente ottusa, che vuole il suo scalpo, o che lo vende, o che lo mette di mezzo in torbide vicende, o che semplicemente lo accusa o lo insulta. E in tutto questo marasma... quel Robinson: è saltato su dal nulla come quelle sagome di soldatini del tirassegno che stanno lì solo per essere crivellati dai colpi di avventori della fiera che vogliono fare i gradassi, o magari vincere una bamboletta da far ammuffire sotto il letto. Proprio come nei sogni Robinson puntualmente precede o segue Bardamu nei suoi itinerari, e lui sa sempre dove trovarlo, anche in capo al mondo; capisce bene che quello sfigato è il suo doppio, o comunque il suo amico, o il destino magari. Il susseguirsi delle avventure di Bardamu, ha la qualità dei sogni ad alta definizione: a volte, come in Africa, i colori si fanno vividi come in una tela dei Fauves. Ci accorgiamo della loro consistenza onirica o allucinatoria solo per paradossi e incongruenze - voglio solo citare la galera a remi che in pieno ventesimo secolo segue la rotta dal Congo a New York - del resto ben mimetizzati nella trama, o forse è Céline che da portentoso alchimista dello stile, riesce a farli accettare senza sussulti ai suoi lettori come dati di fatto ben incorporati nel lungo viaggio che- in fin dei conti - è stato anche il suo. Questa tinta allucinatoria che lumeggia qua e la, è del resto strumento- come il celebre periodare spezzato e contaminato di argot dello scrittore - che rende più evidente la denuncia della natura crudele e allo stesso tempo disgraziata dell'umanità. Bardamu è disperatamente pessimista e cinico nei suoi atteggiamenti e nelle sue tirate verso il mondo, non a tal punto, però da trascinarsi nelle secche del nichilismo, se è vero che le tappe presto abbandonate del suo peregrinare, non sono che passi verso un'agognata e oscura ricerca di infinito, e se è vero che da questa notte che ingoia le membra a pochi centimetri dalla luce, emergono figure di assoluta purezza come l'amante prostituta Molly, o il colono Alcide. Personaggio dunque assai contraddittorio questo Bardamu iconoclasta e idealista al tempo stesso, se è vero che, proprio alla fine del viaggio lui si esalta per la bella pensata che Robinson scova per uscire di scena, come per un mezzo potente atto a scongiurare quella morte che lo ossessiona da sempre. Immagina che anche lui, sostenuto e riempito da un'unica grande idea riuscirebbe a sprizzare ovunque piacere e coraggio... " Pieno fin qui sarei stato allora io di coraggio. Mi uscirebbe persino da ogni parte il coraggio e la vita anche lei non sarebbe che un'intera idea di coraggio che farebbe marciare tutto, gli uomini e le cose dalla Terra al Cielo. Di amore ce ne sarebbe talmente...che la Morte ci rimarrebbe chiusa dentro con la tenerezza e così in profondità, così calda che ci godrebbe alla fine la troia, che finirebbe per divertirsi con l'amore anche lei come tutti quanti..."

    Is this helpful?

    Teofano said on Aug 3, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    " - perché ti piace Céline?
    - perché si è tolto fuori le viscere e ci ha riso sopra. un uomo molto coraggioso.
    - perché è importante il coraggio?
    - è una questione di stile. l'unica cosa che ci è rimasta."

    Charles Bukowski

    Is this helpful?

    Marinaio said on Aug 2, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'aggettivazione allo stato puro.ad
    Illuminante, completa, iconografica, educativa, magnifica.

    Is this helpful?

    Monica Caira said on Jul 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Per dirla con i Monty Python: This is the meaning of life.

    Is this helpful?

    Lilian Gish said on Jul 9, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book