Jubiabà

di | Editore: Einaudi
Voto medio di 385
| 27 contributi totali di cui 23 recensioni , 4 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ha scritto il 05/07/15
Mi è piaciuto meno di "Capitani della Spiaggia" e di "Teresa Batista stanca di guerra", forse perché ho meno apprezzato il personaggio principale. Inoltre come sempre Amado si dilunga con digressioni che non rendono snello l'insieme. Ma questo ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 14/04/15
molto lontano dalla passione e dal colore di Dona Flor o Gabriella.
  • Rispondi
Ha scritto il 11/08/14
Un po' sottotono (almeno per i miei gusti) rispetto al solito Amado. Ho risentito probabilmente anche della traduzione: non so se i continui salti di tempo verbale riproducano fedelmente il testo originale ma in ogni caso sono decisamente ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 24/03/14
Jubiabá è un santone di Bahia che ogni tanto compare tra le pagine del romanzo, incentrato sulle vicende del negro Antonio Balduino. Quindi perché mai il libro si intitoli così resta per me un mistero.Comunque sia, un altro gran bel libro di ..." Continua...
  • 5 mi piace
  • 2 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 06/11/13
Jubiabà è senza tempo, è custode dei segreti delle divinità che si manifestano durante i riti che officia ed è custode delle storie della gente del Brasile dal tempo della schiavitù fino ad oggi. Amado racconta il suo Brasile attraverso ..." Continua...
  • Rispondi

Ha scritto il Jun 09, 2010, 14:43
Il povero è così infelice che quando la merda sarà denaro, il culo del povero non cacherà più...
Pag. 188
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il Jan 16, 2010, 20:49
Addio a tutti, perchè ha partecipato allo sciopero ed ha imparato ad amare tutti i mulatti, tutti i negri, tutti i bianchi, che sulla terra, nella pancia delle navi sul mare, sono degli schiavi che stanno spezzando le catene.
Pag. 326
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il Jan 16, 2010, 17:53
All’improvviso piovvero proiettili. I poliziotti sparavano. La cavalleria caricò gli operai. Ci fu un fuggi-fuggi, gente calpestata, scontri corpo a corpo. Antonio Balduino ne aveva già steso uno quando vide il Gordo che correva davanti a lui ... Continua...
Pag. 311
  • Rispondi
Ha scritto il Jan 07, 2010, 06:23
Quelle storie, quelle canzoni erano state composte per trasmettere agli uomini l'esempio di quelli che si erano ribellati. Ma gli uomini non capivano o da troppo tempo erano schiavizzati. Alcuni però ascoltavano e capivano. Antonio Balduino fu di ... Continua...
Pag. 30
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi