Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Jude the Obscure

(Dover Thrift Editions)

By

Publisher: Dover Publications

4.1
(565)

Language:English | Number of Pages: 336 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) French , Italian , Spanish , Catalan , German , Chi simplified

Isbn-10: 0486452433 | Isbn-13: 9780486452432 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover , Audio Cassette , Audio CD , School & Library Binding , Library Binding , Others , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Jude the Obscure ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Hardy's masterpiece traces a poor stonemason's ill-fated romance with his free-spirited cousin. No Victorian institution is spared — marriage, religion, education — and the outrage following publication led the embittered author to renounce fiction. Modern critics hail this novel as a pioneering work of feminism and socialist thought.
Sorting by
  • 4

    oscuro, appunto

    letto alle medie: l'ho adorato, divorato, e ancora me lo ricordo in parte; un libro che credo venga ancora sottovalutato, almeno dalla cultura non Anglosassone. una lucida analisi di un'epoca e delle ...continue

    letto alle medie: l'ho adorato, divorato, e ancora me lo ricordo in parte; un libro che credo venga ancora sottovalutato, almeno dalla cultura non Anglosassone. una lucida analisi di un'epoca e delle sue tradizioni, che in fin dei conti non sono poi tanto lontane.

    crudo, e quindi per i miei gusti ben scritto; lo considero il mio primo romanzo di formazione. andrebbe letto, consigliato e riletto. anche ad anni di distanza.

    said on 

  • 4

    Il libro è certamente interessante perché l'autore ha il coraggio di scagliarsi non solo in via generale contro l'ipocrisia vittoriana e l'immobilismo sociale ma soprattutto contro l'istituzione del ...continue

    Il libro è certamente interessante perché l'autore ha il coraggio di scagliarsi non solo in via generale contro l'ipocrisia vittoriana e l'immobilismo sociale ma soprattutto contro l'istituzione del matrimonio, che considera come contratto che condanna all'infelicita' due persone, non potendo essere sciolto almeno agli occhi della Chiesa, nemmeno se contratto con l'inganno o senza vera capacità di intendere e di volere. Giuda, orfano allevato da una fornaia, ha un grande sogno: entrare in uno dei college di Christminster( ossia Oxford) come allievo, elevare il suo spirito con dotti studi e poi forse diventare un alto prelato( le sue aspirazioni non sono in realtà molto chiare ma si capisce comunque che vuol diventare uomo di lettere). Tuttavia lui non ha alle spalle una solida rendita con cui potersi pagare gli studi, ma solo la sua volontà di lavorare come scalpellino e studiare, e presto i suoi sforzi vengono insidiati da Arabella, una contadina piuttosto prosperosa e furba che lo seduce e si fa sposare con l'inganno. Lo lascia ma non uscirà in realtà mai completamente dalla sua vita. Dopo il fallimento del matrimonio Giuda va a Christminster per realizzare il suo sogno e presto concepisce un altro desiderio, vivere con la cugina Sue, giovane magra e nervosa che ha idee molto evolute rispetto all'epoca, fino a mettere in discussione la religione e i suoi precetti. Giuda vede di lei solo ciò che vuole vedere, tanto da idealizzarla come donna profeta e lasciarsi spogliare da ogni reverenza religiosa sotto il suo influsso, senza tuttavia accorgersi che in realtà è profondamente egoista e noncurante delle conseguenze delle sue azioni sugli altri, oltre a non essere in grado di vivere secondo i principi che predica. Conformismo e ripicca per il primo matrimonio di Giuda la spingono a sposare un vecchio maestro ma il matrimonio si rivela per lei una prigione per il terrore di essere assoggettata dal marito da cui fugge. Giuda, già profondamente deluso dalle istituzioni universitarie di Christminster che non lo ammettono tra loro perché muratore e quindi respingono ogni tentativo di migliorarsi, fugge con lei, ma, malgrado entrambi ottengano il divorzio, fallisce anche nel suo sogno d'amore. Sue infatti non vuole sposarsi, perché considera il matrimonio come un odioso contratto che mina la sua libertà e l'amore, e, fallito il progetto di comunione solo spirituale tra loro per la gelosia di Sue nei confronti di Arabella, su di loro si riversa l'ostracismo della società come conviventi more uxorio, quella stessa società che poi è pronta ad osannare un secondo matrimonio tra chi ha già divorziato , anche se contratto in palese stato di ubriachezza. L'ultima parte della storia è piuttosto triste, non solo per le disgrazie avvenute ma anche per la vittoria del perbenismo e del conformismo della società sui veri sentimenti. Spicca in particolare la figura del primo marito di Sue tra i "convertiti", che, ostracizzato per aver lasciato fuggire la moglie con il suo consenso per un atto di giustizia e bontà, cambia completamente il suo atteggiamento e si adegua alle convenienze per conformismo e desiderio di riacquistare la posizione sociale perduta. Giuda invece si avvia verso una fine tragica come vinto, sconfitto solo perché in anticipo sui tempi, come osserva profeticamente Hardy. Oggi certo è mutato il costume sociale ( non certo la posizione della Chiesa per cui giustamente rimane un Sacramento il matrimonio) e non sarebbe forse più concepibile l'ostracismo subito dai due nella loro convivenza more uxorio, tranne in certi ambienti molto religiosi; tuttavia sarebbe interessante porsi la domanda se davvero le cose siano mutate così tanto almeno in Italia, visto che il divorzio è stato introdotto solo nel 1974 e non sussiste allo stato attuale una regolamentazione legislativa della convivenza more uxorio e chi vive senza essere sposato si trova in una situazione di grande incertezza in ordine a diritti e doveri. Certo la visione pessimista di Hardy può non piacere ma mi sento di consigliare il libro per l'importanza data alla psicologia dei personaggi.

    said on 

  • 4

    Un romanzo triste,cupo con pochi personaggi le cui storie si intrecciano tra matrimoni e divorzi,speranze e delusioni,solitudini e dolori. Si assiste di continuo ai cambiamenti del rapporto tra Jude e ...continue

    Un romanzo triste,cupo con pochi personaggi le cui storie si intrecciano tra matrimoni e divorzi,speranze e delusioni,solitudini e dolori. Si assiste di continuo ai cambiamenti del rapporto tra Jude e Sue,i loro dialoghi sono incentrati in modo particolare sull'eventualità o meno di rendere ufficiale il loro legame e questo è la principale causa dei loro dissidi. Le idee di Sue subiscono vari cambiamenti,l'autore in un primo tempo ci presenta una donna moderna critica nei confronti dei tradizionali legami familiari,una donna "fuori" del suo tempo che contesta persino il fatto di essere ,durante la cerimonia nuziale,"consegnata allo sposo come un'asina o una capra". Ma ecco che dopo una successione di tristi avvenimenti Sue rinnega le sue convinzioni e lo fa davanti ad un Jude attonito,un Jude che non la capisce più. E a proposito di Jude,che dire di lui? Un uomo sconfitto,suo il pensiero che " la causa della sconfitta va attribuita alla povertà,non alla volontà",si sono infranti tutti i suoi sogni ,in lui la sensazione di "essere una persona indegna,da non meritare l'affetto di nessuno,nemmeno il proprio",un uomo fondamentalmente solo. Se triste è il racconto altrettanto lo è l'ambiente che circonda i personaggi,palazzi decadenti,cupi,severi come i collegi di Christminster, o capaci solo di suscitare malinconia come i resti delle antiche costruzioni di Shaston . C'è molto dunque in queste pagine e come dice Hardy nel suo poscritto "in un libro può esserci più di quanto l'autore vi abbia messo consapevolmente,e ciò può rappresentare,a seconda dei casi,sia un vantaggio che uno svantaggio". Sicuramente una bella lettura.

    said on 

  • 4

    “I can't bear that they, and everybody, should think people wicked because they may have chosen to live their own way!”

    “But his dreams were as gigantic as his surroundings were small.”

    “you dear, sw ...continue

    “I can't bear that they, and everybody, should think people wicked because they may have chosen to live their own way!”

    “But his dreams were as gigantic as his surroundings were small.”

    “you dear, sweet, tantalizing phantom--hardly flesh at all; so that when I put my arms round you I almost expect them to pass through you as through air!”

    “I may do some good before I am dead--be a sort of success as a frightful example of what not to do; and so illustrate a moral story.

    “But nobody did come, because nobody does.”

    "She's never found peace since she left his arms, and never will again till she's as he is now!"

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Spoiler

    Hardy non poteva credere davvero di scrivere un romanzo:
    1. con temi troppo moderni per la sua epoca
    2. con personaggi con cui il pubblio fatica a empatizzare per via della confusione con cui vengono ...continue

    Hardy non poteva credere davvero di scrivere un romanzo:
    1. con temi troppo moderni per la sua epoca
    2. con personaggi con cui il pubblio fatica a empatizzare per via della confusione con cui vengono descritti
    3. inserire tratti da telenovela argentina
    4. far compiere ai suddetti personaggi cose assurde e inspiegabili
    5. metterci dentro un omicidio-suicidio di bambini (!!!)
    6. descrivere the worst female character EVER
    e poi sorprendersi delle critiche negative.
    Senza parole.

    said on 

  • 4

    Jude l´obscè

    En la seva publicació l´autor va rebre moltes crítiques pe immoral motiu pel qual decidí dedicar-se en exclusiva a la poesia.
    Jude i Sue son dos cosins d´excepcional intel.ligència i sensibilitat que ...continue

    En la seva publicació l´autor va rebre moltes crítiques pe immoral motiu pel qual decidí dedicar-se en exclusiva a la poesia.
    Jude i Sue son dos cosins d´excepcional intel.ligència i sensibilitat que s´enamoren, aquesta relació els farà lluitar contra totes les dificultats econòmiques i tots els prejudicis socials de l´època pel sol fet de viure junts. Una parella d´idees força avançades que creuen que la burocràcia i un contracte matrimonial podrien perjudicar llur amor verdader. Aquesta relació la podriem lligar amb la aventura que va mantenir a la vida real l´autor amb la seva també cosina Tryphena Sparks, figura model de més d´una de les seves obres.
    Per una banda, tenim Jude un ésser que com la seva cosina sobresurt de la mediocritat de la societat, qui pretén integrar-se en la elit universitària de la ciutat de Christminster (en realitat Oxford), societat que ell te més que mitificada, la qual realment no deixa de ser una societat classista i conservadora que defensa la casta de privilegis, com tota la resta. I per altra banda, la lluita aferrisada contra una societat carregada de perjudicis morals i social, que destruiran qualsevol somni d´una relació amb Sue,una dona amb unes qualitats i amb una bellesa física que fan que el nostre protagonista l´admiri i respecti profundament fins el seu últim dia de vida. I és aquesta relació de respecte i admiració d´un home vers una dona un dels trets més remarcables i novedosos de la novel.la emmarcada en els seus temps (societat anglesa finals segle XIX)
    I com és d´esperar, no hi ha un final feliç per cap de les dues històries ja que les urpes de la societat i el sistema de classes econòmic i social fereixen greument la consciència, valors i la vida dels nostres protagonistes fins a portar les seves vides a la inevitable tragèdia.
    Novel.la
    Novel.la portada al cine el 1996 protagonitzada per Kate Winslet i Christopher Eccleston.

    said on 

  • 4

    Accolto con polemiche tali da costringere Hardy a smettere di scrivere, Jude l'oscuro è un romanzo tetro, durissimo, addirittura estremo nei confronti della morale cristiana e della società vittoriana ...continue

    Accolto con polemiche tali da costringere Hardy a smettere di scrivere, Jude l'oscuro è un romanzo tetro, durissimo, addirittura estremo nei confronti della morale cristiana e della società vittoriana. Alla lettura, però, risulta anche un libro dal simbolismo radicale e fin troppo eloquente, prolisso, didascalico. E, soprattutto, l'accanimento di Hardy nei confronti dei suoi personaggi è tale da sfociare nel grottesco.

    said on 

  • 3

    Prendete i concetti di divorzio, amanti, convivenza e figli di separati e applicateli alla società vittoriana: il mix può diventare quasi letale per la sua crudeltà.
    Hardy si è sempre dimostrato capac ...continue

    Prendete i concetti di divorzio, amanti, convivenza e figli di separati e applicateli alla società vittoriana: il mix può diventare quasi letale per la sua crudeltà.
    Hardy si è sempre dimostrato capace di un'analisi cruda e spietata di caratteri e convenzioni, ma con Jude l'oscuro ha creato un distillato di quell'implosione dei valori che sentiva ormai stretti al suo tempo, con una drammaticità degna dei più grandi romanzieri.
    Nulla è facile, in questo libro, ed è proprio questo il motivo principale per cui va letto.

    said on 

  • 0

    estratto dal libro..

    ..Sentì di dover pregare Dio di aiutarlo contro la propria debolezza. Ma per quanto ambisse a un comportamento esemplare in situazioni del genere, non ci riuscì. Comprese che era assolutamente impossi ...continue

    ..Sentì di dover pregare Dio di aiutarlo contro la propria debolezza. Ma per quanto ambisse a un comportamento esemplare in situazioni del genere, non ci riuscì. Comprese che era assolutamente impossibile chiedere di essere liberato da una tentazione quando il cuore non desiderava altro che essere tentato.

    said on 

Sorting by