Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Jules et Jim

(16)

| Paperback | 9780141194639

Like Jules et Jim ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

In free-spirited Paris, Jules and Jim live a carefree, bohemian existence. They write in cafes, travel when the mood takes them, and share the women they love without jealousy. Women like Lucie, flawless, an abbess, and Odile, impulsive, mischievous, Continue

In free-spirited Paris, Jules and Jim live a carefree, bohemian existence. They write in cafes, travel when the mood takes them, and share the women they love without jealousy. Women like Lucie, flawless, an abbess, and Odile, impulsive, mischievous, almost feral. But it is Kate - with a smile the two friends had determined to always follow before they even met her, but capricious enough to jump in the Seine from spite - who steals their hearts most thoroughly. Henri-Pierre Roche was in his mid-seventies when he wrote this, his autobiographical debut novel. The inspiration for the legendary film, it captures perfectly with excitement and great humour the tenderness of three people in love with each other and with life.

162 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Dell'intero, irritante pastiche mi rimane, folgorante e felice, quella meravigliosa espressione come un graffio sul cuore. Il sorriso arcaico, lo voglio anch'io.

    Is this helpful?

    mouette said on Mar 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Abbandonato

    Forse perché sono un po' moralista o perché avevo appena finito di rileggere un immenso romanzo esattamente all'opposto di questo ("I Buddenbrook" di T.Mann), l'ho dovuto abbandonare dopo un centinaio di pagine: i due amici che, insieme o disgiuntame ...(continue)

    Forse perché sono un po' moralista o perché avevo appena finito di rileggere un immenso romanzo esattamente all'opposto di questo ("I Buddenbrook" di T.Mann), l'ho dovuto abbandonare dopo un centinaio di pagine: i due amici che, insieme o disgiuntamente, si innamorano di questa o di quella e quasi sempre della stessa che la dà sempre e comunque a tutti (anche non solo a loro), senza che questo costituisca un problema, mi sono sembrati antipatici e troppo lontani dal mio sentire.
    Spero di rivedere presto il film di Truffaut magari cambierò opinione.

    Is this helpful?

    Fefo said on Jan 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Avendo letto il romanzo dopo aver visto e rivisto il film devo dire che mi aspettavo altro (il che va ad arricchire la mia stima per Truffaut), ma posso dire che nel complesso è un'opera carina.

    Is this helpful?

    Zazieinbicicletta said on Dec 17, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Questo libro non mi è piaciuto molto, troppi uomini e troppe donne per un triangolo amoroso così magistralmente ritratto dalla versione di Truffault

    Is this helpful?

    Riccardo Brazzo said on Dec 10, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "...questa no...vero, Jim?" "Questa no, Jules."

    Terribilmente francese.

    "Basta, Jim" disse Kathe, piano. "Ho creduto che tu mi tradissi. Ti ho tradito. È finita."
    "È finita, che cosa?" disse Jim.
    "La nostra sofferenza, il tuo dolore che mi guarisce."
    "Che hai fatto?" disse Jim.
    Lei raccontò.
    ...(continue)

    Terribilmente francese.

    "Basta, Jim" disse Kathe, piano. "Ho creduto che tu mi tradissi. Ti ho tradito. È finita."
    "È finita, che cosa?" disse Jim.
    "La nostra sofferenza, il tuo dolore che mi guarisce."
    "Che hai fatto?" disse Jim.
    Lei raccontò. Un uomo che lui non conosceva. Un pittore che le aveva fatto la corte in passato - uno che aveva sottomano. Le aveva fatto quel piacere in modo limitato e senza conseguenze possibili, ma sufficiente a fare da contrappeso e a ristabilire l'equilibrio.
    "L'equilibrio con che cosa," disse Jim "visto che non c'era niente?"
    "L'equilibrio con quel che credevo io" disse Kathe. "E ora non lo credo più. E senza questo l'avrei creduto sempre."
    "E il mio, di equilibrio?" gemette Jim.

    Is this helpful?

    misshaze said on Oct 2, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book